Pagine

domenica 26 giugno 2016

Brexit, i moventi e i risultati del voto

Risultati del referendum sulla Brexit, da
http://www.ilpost.it/2016/06/24/e-adesso-che-fa-la-scozia/
Londra, 24 giugno 2016 - I risultati definitivi del referendum di ieri sulla Brexit nel Regno Unito:
il "Leave" ha prevalso con il 51,9 % dei voti contro il 48,1% del "Remain".
I britannici che hanno votato "Leave" sono stati 17.410.742 mentre il "Remain" ha ottenuto 16.141.241 voti.
In Inghilterra il "Leave" ha ottenuto 15,18 milioni di voti, il "Remain" 13,26 milioni.
In Galles il "Leave" ha ottenuto 0,85 milioni di voti, il "Remain" 0,77.
Scozia ed Irlanda del Nord si sono schierate decisamente a favore del “Remain” e gli indipendentisti scozzesi, vista la vittoria del fronte opposto, pare che cerchino di svincolarsi dalla corona di Elisabetta II per aderire all'UE come soggetti autonomi, mentre quelli dell'Ulster si unificherebbero all'Eire.

La City, il centro finanzario, è stata la prima circoscrizione di Londra a terminare lo scrutino: il "Remain" ha ottenuto il 75% delle preferenze. Nella City, che corrisponde all'antico tracciato della Londinium romana, abitano soprattutto operatori della finanza e persone che lavorano negli uffici che gestiscono i capitali di mezzo mondo, persone a cui l'establishment sta bene così come sta e che comunque, nel paese, non sono la maggioranza.

La campagna per rimanere all’interno dell’Unione Europea è stata caratterizzata da richiami allarmisti e catastrofisti, come successe in occasione del referendum per l’indipendenza scozzese.
La verità è che entrambe le opzioni sono guidate da diversi pezzi di establishment, quello finanziario e della politica tradizionale nel caso del “Remain”, quello industriale nel caso del “Leave”. Come sottolineava recentemente Paul Mason, non sono mai le élite a guidare le rivolte genuine: quando queste hanno davvero luogo, le élite piuttosto si ritirano terrorizzate verso le colline a cercar rifugio.

Rispetto alle fasce d'età dei votanti, sembra che mentre i giovani abbiano votato per il “Remain”, i meno giovani abbiano invece optato per il “Leave”, per cui, nel dibattito sugli anziani che avrebbero determinato il futuro dei giovani, Enrico Letta suggerisce di valutare l'affluenza ai seggi elettorali secondo l'età.
Degli elettori dai 18 ai 24 anni, ha votato il 36%,
                    dai 23 ai 34                        il 58%,
                    dai 35 ai 44                        il 72%,
                    dai 45 ai 54                        il 75%,
                    dai 55 ai 64                        l' 81%,
                    dai 65 in su                         l' 83%.
A quanto pare quindi, la teoria che i non più giovani ignorantoni abbiano deciso il futuro dei giovani colti dell'Erasmus, che probabilmente hanno potuto studiare grazie ai sacrifici dei suddetti, decade, e la scarsa affluenza alle urne di quest'ultimi spiegherebbe il motivo per cui già il 25 giugno, ben 2 milioni di persone abbiano firmato una petizione on-line per ripetere la votazione, e secondo la legislazione british, sono sufficienti 100.000 firme affinché le istituzioni accontentino la richiesta... Probabilmente chi non è andato a votare vorrebbe un'altra possibilità per farlo!

Cameron esce di scena.
La Brexit rappresenta un incidente di percorso causato da David Cameron che, dopo avere ottenuto un privilegiato status per l'U.K. dal Consiglio Europeo in febbraio, avrebbe voluto far cessare definitivamente le spinte anti-europeiste all'interno del partito dei conservatori, di cui è il leader e avendo messo in gioco la sua credibilità guidando la campagna pro-Ue, ha rassegnato di conseguenza le dimissioni da primo ministro annunciando che "il popolo ha votato per lasciare l'Ue" e che quindi "la sua volontà deve essere rispettata". Il premier ha spiegato che rimarrà al 10 di Downing Street (la residenza londinese del Primo Ministro) altri tre mesi ma che poi sarà necessaria, per la guida dei negoziati di recesso dall'Ue, una nuova leadership.

L’eventuale traghettamento della Gran Bretagna fuori dall’Europa sarebbe gestito quindi da un governo conservatore incalzato dalle ali più estreme, galvanizzate dal successo elettorale. Per gli immigrati europei, accusati strumentalmente di abusare dei sussidi pubblici di Sua Maestà, il rischio è che si aprano tempi cupi, cominciando da chi proviene dai Paesi orientali. Gli italiani, considerati ancora come immigrati di lusso, non possono però distrarsi da un dibattito pubblico che potrebbe prendere pieghe preoccupanti. Non è esagerato pensare che i numeri ormai imponenti della nostra comunità inducano le ali più oltranziste a spostare il proprio bersaglio una volta “saldati i conti” con rumeni e polacchi.

In Gran Bretagna la sensazione di non appartenere veramente al blocco europeo e di sentirsi in qualche modo ‘migliori’ è particolarmente diffusa, ma non sufficiente a motivare la maggioranza dei "Leave". Mentre la Grexit sarebbe stata una rottura accettata dalla sinistra della popolazione greca, sull’ondata di una contestazione radicale delle misure di austerità imposta dell’Europa delle banche, l’a scelta della Brexit è stata largamente egemonizzata dal clima di xenofobia e da “padroni a casa nostra” diffuso dall’Ukip di Nigel Farage e da ampi settori del Tory, il partito conservatore, capitanati dall’ex sindaco di Londra, Boris Johnson, a cui si sono aggiunti esponenti pro-Brexit sia nella sinistra Labour che in quella extra-parlamentare.

Per il “Leave” quindi, ha votato anche la parte debole della popolazione: i non più giovani senza speranze, elettori delle periferie e campagne inglesi e gallesi, complici le crescenti disuguaglianze, l'esclusione sociale, il disagio socio-economico dei ceti medi e bassi, gli affitti da capogiro, le ferrovie privatizzate carissime ed inefficienti, lo smantellamento del sistema sanitario nazionale.

La responsabilità della scelta di uscire dall'Unione quindi, per quanto il Regno Unito abbia una sua moneta e abbia ottenuto uno status speciale dall'Ue, non è riconducibile solo all'austerità imposta da Bruxelles ma soprattutto all'avanzamento del progetto neoliberista del governo conservatore, per cui la popolazione inglese si è trovata a scegliere fra un neoliberalismo standard e un rifiuto dell'austerità e della disoccupazione, accompagnato da una reazione xenofoba e protezionista, scaturita dal massiccio fenomeno dei profughi orientali e africani, visti come concorrenti sleali nella ricerca di lavoro, viste le basse tariffe per cui questi sono disposti a lavorare.

La campagna elettorale pro-Brexit infine, ha mantenuto il vero tema, la politica interna all'Ue, lontana dal dibattito pubblico, e l'esito della consultazione dovrebbe essere invece uno stimolo all'UE per rivedere le sue politiche di austerità, virare verso una reale lotta alla disoccupazione con relativa crescita economica e frenare il signoraggio esercitato dalla Germania nei confronti delle politiche economiche dell'UE: potrebbe essere l'occasione per trasformare un'unione economica in un'unità politica, con visioni di politica estera condivise.

"I pro-brexit? Non sono razzisti, il voto è una dura lezione per la sinistra"
Ivana Bartoletti è una dirigente (italiana) del partito laburista a Londra che ha fatto campagna contro la Brexit: «C'è un pezzo di elettorato che si è sentito inascoltato» di Alessandro Franzi.
L'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea è anche una lezione per la sinistra che ha smesso di dare risposte ai propri elettori. Ivana Bartoletti, italiana che risiede a Londra e milita nel partito laburista, è stata impegnata nella campagna contro la Brexit. E anche per questo la sua analisi del voto è ancora più severa. Pochi mesi fa Bartoletti era stata candidata all'assemblea comunale di Londra, nella squadra di Sadiq Khan, nella circoscrizione di Havering, periferia fra le più euroscettiche del Paese. Non ce l'ha fatta, ma l'esito del referendum di ieri l'ha ferita molto di più della mancata elezione. A Londra, in queste ore, si discute soprattuto del futuro politico del Paese, con il premier David Cameron che ha annunciato il ritiro entro ottobre, quando il partito Conservatore sceglierà il nuovo leader che gestirà l'uscita dall'Ue. Ma nella comunità italiana c'è anche profonda preoccupazione sul futuro dei tanti connazionali che vivono in Gran Bretagna e temono di perdere diritti. L'esponente laburista parla di un esito "drammatico" del referendum, ma osserva che non è un voto spiegabile solo con l'intolleranza: “C'è anche una questione di dignità sociale calpestata e un problema politico, anzitutto per il partito laburista, perché dove vinceva la sinistra i nostri elettori hanno votato per l'uscita dall'Ue. Il problema profondo è che c'è un pezzo di elettorato che nella sua vita ha fatto tutte le cose giuste: ha lavorato, ha sostenuto un mutuo, ha cercato di mettere via risparmi. Ma intanto ha visto la società cambiare sotto i suoi occhi, e nessuno che gli ha spiegato che cos'è successo. Queste persone hanno sentito di aver perso il controllo delle proprie decisioni. E spesso il loro non è un voto razzista, è un voto di protesta contro l'establishment, un voto per fare una scelta personale con la consapevolezza di averla fatta. Si tratta di grandi settori della working class, che hanno sempre fatto le cose come si deve ma si sono sentiti traditi dal Paese. Gente che ha lavorato tutta la vita ma che non ha beneficiato della globalizzazione, che invece ha arricchito altri, per esempio chi ha pensato di usare l'immigrazione per pagare il lavoro sempre meno e licenziare quelli che poi hanno votato per il Leave”.

Roberta Zununi, del “Fatto Quotidiano”, ha intervistato l'economista Yanis Varoufakis, ex ministro delle Finanze greco e oggi leader del movimento paneuropeo DiEm 25, da lui fondato, oltre che essere consulente dei laburisti inglesi da quando è segretario Jeremy Corbyn, dopo aver insegnato all'università dell'Essex, che dice di essere preoccupato per la situazione europea, che vede fuori controllo, in cui populismi e razzismo stanno aumentando esponenzialmente e le maggiori economie, Italia in testa, stanno colassando. Nell'esito della votazione per decidere sulla Brexit, Varoufakis vede una reazione contro l'establishment propriamente britannico, per cui il ceto medio e la classe dei lavoratori hanno votato contro le politiche conservatrici di Cameron, essendo i più danneggiati dal progressivo taglio dello stato sociale e dall'aumento delle tasse, in linea con i diktat di Bruxelles e quella che viene rifiutata quindi, più che l'appartenenza all'Ue è la modalità dell'eurocrazia. Se le cose non cambiano, aggiunge Varoufakis, si assisterà al trionfo dei nazionalismi, e continua: “In questo contesto, le indicazioni della sinistra laburista per il “Remain” si sono unite a quelle dei banchieri, della City e dei responsabili della sciagurata politica europea: la “troika” (composta da un responsabile dalla Commissione Europea, uno della BCE e uno del FMI).. Noi, in Grecia, avevamo indetto il referendum non per uscire dall'Ue, bensì per renderla più giusta.
Chi voleva la Grexit era il ministro delle finanze tedesco Schäuble, l'unico che ha un'agenda per l'Europa e che ha fatto di tutto per fomentare i britannici a lasciare l'Unione, poiché vuole creare una piccola Europa basata su una permanente austerity.”

Mentre le borse mondiali hanno pagato un prezzo salato per la scelta del "Leave", le reazioni del mondo politico sono state di taglio diverso.
Il leader euroscettico Nigel Farage canta vittoria: "E' l'independence day".
Bruxelles prepara l'Europa per gli scenari futuri. Il presidente del consiglio Ue Donald Tusk ha presto avvertito: "Determinati a mantenere la nostra unità a 27". In attesa del vertice l'Ue nel pomeriggio che riunirà i ministri degli Esteri, al quale prenderà parte Paolo Gentiloni, per analizzare il voto, in tarda mattinata arrivano le dichiarazioni congiunte dopo il vertice di crisi che si è tenuto nella sede della Commissione europea tra i presidenti delle istituzioni europee (Juncker, Tusk, Schulz e Rutte). "L'Unione di 27 stati membri continuerà" affermano nella nota congiunta. "Ci aspettiamo che il governo del Regno Unito dia effetto alla decisione del popolo britannico al più presto possibile, per quanto doloroso il processo potrà essere".
Il commento del presidente Barack Obama: "Il popolo britannico ha parlato" e auspica che i negoziati che si apriranno tra Regno Unito e Unione europea "assicurino stabilità, sicurezza, prosperità per l'Europa, la Gran Bretagna, l'Irlanda del Nord e per tutto il mondo".




Per "L'illegalità nella cessione della Sovranità italiana all'Unione Europea" clicca QUI
Per "Le 42 modifiche alla Costituzione: quando, sotto quale governo (con classifica finale) e quali modifiche"
        clicca QUI
Per "Elenco dei governi dell'Italia post-fascista e repubblicana con legislature e composizioni politiche" clicca QUI
Per "La via suprematista dell'asse franco-tedesco e la conseguente perdita delle sovranità nazionali europee
        intrinseche nell'Unione Europea" clicca QUI
Per "1992: Il meccanismo politico-economico che ha causato la formazione di questa UE con la conseguente
        perdita della sovranità italiana" clicca QUI
Per "Massoneria: storia, usi e costumi" clicca QUI
Per "Intreccio politico-economico del clericalismo in Italia dal 1946: banche, partiti, logge e governi"
        clicca QUI
Per "Influenza dei clericali nella politica e diritto di voto nel Regno d'Italia" clicca QUI
Per "Da: Piergiorgio Odifreddi 'Perché non possiamo essere cristiani'" clicca QUI
Per "Antonio Gramsci e l'Egemonia" clicca QUI
Per "L'Anarchia" clicca QUI
Per "Elezioni 2015 in 78 comuni fra cui 10 capoluoghi di provincia: un altro dispiacere per Renzi" clicca QUI
Per "Nelle elezioni del 2015 in 7 regioni, il renzismo non paga!" clicca QUI
Per "Ecco chi era a capo dei 101 tradi-dem che hanno affossato Prodi per il colle nel 2013: Renzi" clicca QUI
Per "Lo strappo di Cofferati stimola un'analisi sulla sostanza del PD" clicca QUI
Per "Perplessità Renziane..." clicca QUI
Per "Resistere! Cos'altro possiamo fare?" clicca QUI
Per "Imposimato: Moro fu ucciso per volere di Andreotti e Cossiga" clicca QUI
Per "Brexit, i moventi e i risultati del voto" clicca QUI
Per "Yani Varoufakis fonda il movimento paneuropeo DiEm25" clicca QUI
Per "La Grecia non ci sta, osa indire un referendum e rifiuta di farsi spennare" clicca QUI
Per "La Grecia non vuole più subire l'austerità autoritaria e violenta impostale da UE e Fmi" clicca QUI
Per "Dalla Grecia, venti di sinistra sull'UE" clicca QUI
Per "Grecia: come sopprimere una democrazia" clicca QUI
Per "Risultati delle elezioni per il Parlamento Europeo nel 2014 e nel 2009" clicca QUI
Per "Nell'Unione Europea, fra fiscal compact e fondo salva stati, poca democrazia e molta aggressività finanziaria"
        clicca QUI
Per "Ucraina: la crisi finanziata dagli USA per vendere gas all'UE" clicca QUI
Per "Pirates, il partito dei Pirati" clicca QUI
Per "La rivoluzione d'Islanda" clicca QUI 
Per "L'Unione Europea: le origini, i moventi, la storia, le politiche e le crisi" clicca QUI
Per "Origini dei partiti in Inghilterra" clicca QUI
Per "Origini del sionismo: conflitti interni, richiesta d'intervento a Roma e successiva repressione" clicca QUI
Per "Partiti ed elezioni nell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "Le leggi Licinie Sestie dell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "Elezioni, elettori ed eletti nell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "Conflitto degli Ordini e Secessione della Plebe nell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "Le leggi delle XII tavole dell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "L'ordinamento politico-sociale dell'antica Roma monarchica" clicca QUI 


Per i post "Il pensiero nell'Italia contemporanea" clicca QUI
Per i post "Il pensiero nel mondo contemporaneo" clicca QUI
Per i post "La politica nell'Italia contemporanea" clicca QUI
Per i post "La politica nell'Europa contemporanea" clicca QUI
Per i post "Musica interpreti video testi e storia" clicca QUI
Per i post "Grande Storia dell'Europa" clicca QUI
Per i post "Storia dell'Europa" clicca QUI
Per i post "Storia dell'Economia Politica" clicca QUI
Per "Scienze: Informatica" clicca QUI
Per "Stelle e Costellazioni visibili nel nostro Cielo" clicca QUI
Per i post "Astrologia evolutiva, progressiva, oroscopo, numerologia" clicca QUI
Per i post "Satir-Oroscopo" clicca QUI
Per "Il Feg-Shui: Scuole della Bussola e del Ba Gua" clicca QUI
Per "I Chakra o Centri energetici fisici: dove sono e come si possono rilevare" clicca QUI
Per i post "Pietre e Cristalli" clicca QUI
Per i post "Aforismi, Foto e Frasi dei Nativi Nord Americani (gl'Indiani d'America)" clicca QUI
Per i post "Personaggi dei Nativi Nord Americani (gl'Indiani d'America)" clicca QUI
Per "Elenco tribù, personaggi, eventi e culture dei Nativi Nord-Americani, gl'Indiani d'America" clicca QUI
Per "Culture e aree culturali dei Nativi Nord-Americani, gl'Indiani d'America" clicca QUI
Per "Occitani: storia e cultura" clicca QUI
Per "Oroscopo degli Alberi celtico" clicca QUI
Per "Croce Celtica" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Celti" clicca QUI
Per "Celti: storia e cultura" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Ebraico-Cristiani" clicca QUI
Per "Cristianesimo: da setta giudaica a religione di Stato" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Romani" clicca QUI
Per i post "Politica nell'antica Roma" clicca QUI
Per "Evidenze storiche nel mito della fondazione di Roma" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Greci" clicca QUI
Per "Elenco degli storici antichi dell'Occidente" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Ebrei" clicca QUI
Per "Ebraismo: origini, storia e cultura" clicca QUI
Per "Liguri: storia e cultura" clicca QUI
Per i post "Antichi Liguri da Tartesso ai Celti" clicca QUI
Per i post "Prodotti della Riviera dei Fiori" clicca QUI
Per i post "Turismo nella Riviera dei Fiori" clicca QUI
Per i post "Politica nella Riviera dei Fiori" clicca QUI  
Per "La vita nel Mar Ligure e nelle acque della Riviera dei Fiori" clicca QUI

Nessun commento:

Posta un commento