Pagine

venerdì 31 marzo 2017

Intreccio politico-economico del clericalismo in Italia dal 1946: banche, partiti, logge e governi

Potere del Vaticano da http://www.
veritaoltreilsistema.com/2011/01/il-po
tere-del-vaticano-tra-ricchezze-e.html
La parola clericalismo indica un agire in senso politico che mira alla salvaguardia e al raggiungimento degli interessi del Clero e, conseguentemente, si concretizza nel tentativo di indebolire la laicità di uno Stato attraverso il diretto intervento nella sfera politica e amministrativa da parte di sostenitori anche non appartenenti al Clero, o talvolta non credenti. Al clericalismo si contrappone politicamente il laicismo e ideologicamente l'anticlericalismo.

Gli antefatti inerenti al tema del clericalismo nella Repubblica italiana (vedi anche "Influenza dei clericali nella politica e diritto di voto nel Regno d'Italia" QUI):
Periodico satirico anti-
clericale nel 1907, da.
https://commons.wiki
media.org/w/index.
php?curid=15929710

Lo Stato della Chiesa per circa un millennio si era esteso su buona parte dell'Italia centrale, costituendo la base territoriale del potere temporale dei papi. Papa Leone X, raccontava che la favola di Gesù era una vera pacchia per il clero e questo è indubbio!

Fu annesso al Regno d'Italia nel 1870, quando i bersaglieri (il 20 settembre) penetrarono in Roma attraverso la breccia di Porta Pia, astenendosi dall'occupare militarmente il solo rione Borgo. Si indisse quindi un plebiscito per i romani, che dovevano esprimersi se accettare l'inserimento di Roma nel Regno d'Italia o se rimanere sotto il regno del papa re. I voti a favore dell'appartenenza al Regno d'Italia furono la larga maggioranza e il papa, ritiratosi in castel Sant'Angelo, lanciò un anatema contro i cristiani che avrebbero collaborato con il Regno d'Italia, mentre il sentimento nazionale si mantenne fieramente anticlericale. Il territorio lasciato al Pontefice si restrinse ulteriormente, nei giorni successivi, alla sola cerchia delle mura leonine, per richiesta dello stesso cardinale segretario di stato, Giacomo Antonelli, che paventava problemi di ordine pubblico e si faceva portavoce del rifiuto di Pio IX a diventare una sorta di sovrano di un solo rione; ciò nascondeva l'intento di far pesare ancora di più la prigionia del papa, sperando in una nuova restaurazione per recuperare tutto lo Stato Pontificio. Col Regio Decreto del 9 ottobre 1870 n. 5903 Roma fu proclamata capitale d'Italia e fu soppresso il potere temporale dei papi. Pio IX, sovrano spodestato militarmente, non dette né adesione né consenso all'occupazione italiana, e nemmeno alla legge delle Guarentigie (delle Garanzie, un risarcimento in denaro), che fu proclamata unilateralmente dallo Stato occupante, nell'intento di mantenere e garantire l'indipendenza spirituale del Papa (ma non la sua sovranità) e la prosecuzione della sua missione religiosa. Il papa si considerò prigioniero in Vaticano, e non ne uscì mai più, pur continuando a esercitare il pontificato. Nacque così la questione romana, che tormentò i rapporti tra Regno d'Italia e Chiesa cattolica per 59 anni.

Seguirono lunghe trattative diplomatiche, durante le quali fu più volte ipotizzata la costituzione di un nuovo Stato, la cui estensione, a seconda delle proposte, variava dalla sola area a disposizione del Papa sin dall'ottobre 1870, ad un territorio esteso fino al mare o che comprendesse almeno un accesso al Tevere, come garanzia della possibilità di raggiungere i fedeli fuori d'Italia senza percorrere territorio italiano; o comunque si ipotizzava un territorio non troppo minuscolo che giungesse fino a Villa Doria Pamphilj... Ma non se ne fece nulla.

Nel 1874 la Santa Sede pubblica la bolla del “Non éxpedit” (in italiano: non conviene), con la quale il pontefice Pio IX dichiara inaccettabile per i cattolici italiani partecipare alle elezioni politiche del Regno d'Italia e all'intera vita politica italiana, mentre si costituisce l'Opera dei congressi, che può essere considerata come la nascita di un vero e proprio partito cattolico italiano “clericale”. L'organizzazione rivendica la rappresentanza del "paese reale" contro lo Stato liberale e si assume il compito di coordinare tutte le attività cattoliche di tipo sociale, cooperativistico, scolastico e giornalistico.

Il 28 luglio 1904 il papa Pio X (1903-1914) decide di sciogliere l'associazione Opera dei Congressi, dove i "sovversivi" di don Romolo Murri, sensibili alle tematiche sociali, avevano acquistato la maggioranza. Un altro sacerdote, don Luigi Sturzo, che si era distinto in Sicilia per la sua azione sociale, si adegua alla decisione pontificia in attesa di tempi migliori.
Nello stesso anno la corrente moderata del clericalismo, organizzata nell'Unione Elettorale Cattolica realizza accordi pre-elettorali con candidati liberali moderati, in maggioranza giolittiani. Giovanni Giolitti, in difficoltà dopo lo sciopero generale dei sindacalisti anarco-socialisti, aveva infatti deciso di ricorrere alle elezioni convinto che la parte moderata del paese avrebbe punito l'ala massimalista dei socialisti, e in quest'occasione stipulò un accordo per cui i candidati liberali avrebbero ottenuto il voto dei cattolici ma si sarebbero impegnati a non appoggiare leggi che contrastassero l'interesse del Clero. Il compromesso era sintetizzato dalla formula: «deputati cattolici no, cattolici deputati sì.», anche se non la pensavano così i cattolici democratici, che parlarono di «prostituzione di un voto.»
Lo stesso papa Pio X si mostra favorevole in quanto tra i due mali: accordo con i liberali o la nascita di un partito cattolico democratico, che avrebbe portato a divisioni nella Chiesa, preferisce quello per lui minore, per cui apprezza l'intento del conte Vincenzo Gentiloni (di cui è parente l'attuale presidente del consiglio) e dei cattolici vicini al suo orientamento, a schierarsi con la monarchia e con i liberali giolittiani, per fermare l'avanzata socialista, marxista e anarchica.

Il 6 novembre 1904 per il 1º turno e il 13 novembre per i ballottaggi, si svolgono nel Regno d'Italia le quindicesime elezioni politiche, nelle quali il papa Pio X consente delle eccezioni al “non expedit”, permettendo anche ai cattolici di partecipare alle elezioni, per la prima volta dal 1868, e ne risulteranno eletti tre deputati cattolici.

Nel 1909 Pio X, promuove la creazione dell'Unione Elettorale Cattolica Italiana (UECI), un'associazione laicale con il compito di indirizzare i cattolici italiani impegnati in politica, e pone il conte Vincenzo Ottorino Gentiloni alla direzione dell'organismo. Il primo banco di prova della collaborazione tra UECI e i liberali moderati di Giolitti, saranno le elezioni politiche di quell'anno in cui saranno eletti 21 "deputati cattolici" nelle liste liberali di Giolitti.

Nel 1919, Alcide De Gasperi aderisce al Partito Popolare Italiano promosso da don Luigi Sturzo e nel 1921 viene eletto deputato a Roma, ora che il Trentino è italiano.

Nel 1922, il 16 novembre, a seguito del discorso del bivacco, De Gasperi vota la fiducia al governo Mussolini.
Discorso (del bivacco) di insediamento del Presidente del Consiglio Benito Mussolini, pronunciato il 16 novembre 1922 alla Camera dei Deputati del Regno d'Italia: « Potevo fare di questa Aula sorda e grigia un bivacco di manipoli: potevo sprangare il Parlamento e costituire un Governo esclusivamente di fascisti. Potevo: ma non ho, almeno in questo primo tempo, voluto. »

Il PPI sostiene la prima parte del governo Mussolini, tanto che nel 1923 i popolari cercano di trovare un compromesso sulla legge Acerbo, che andava a modificare il sistema proporzionale in vigore dal 1919, integrandolo con un premio di maggioranza in quota fissa, pari ai 2/3 dei seggi, a beneficio del partito più votato qualora questo avesse superato il quorum del 25%. Durante la discussione in commissione, i popolari avanzarono numerose proposte di modifica, prima cercando di ottenere l'innalzamento del quorum al 40% dei votanti e poi l'abbassamento del premio al 60% dei seggi, ma inutilmente.

Il 20 maggio 1924, Alcide De Gasperi assume la segreteria del Partito popolare, carica che mantiene fino al 14 dicembre 1925.

Dopo il forzato scioglimento del Partito Popolare Italiano da parte del fascismo il 5 novembre del 1926, i maggiori esponenti del Partito Popolare Italiano, costretti all'esilio o a ritirarsi dalla vita politica e sociale, mantengono una rete di rapporti e relazioni reciproche grazie al faticoso lavoro di collegamento di Don Luigi Sturzo che, dall'esilio londinese, mantiene viva la breve esperienza di impegno politico del disciolto partito. L'indicazione delle gerarchie ecclesiastiche di concentrare i ristretti spazi concessi dal regime fascista nell'opera educativa e nell'asilo concesso ai leader del partito consentono a formazioni sociali come l'Azione Cattolica e la FUCI, Federazione Universitaria Cattolica Italiana, di sopravvivere e di operare anche sotto il regime.

De Gasperi decide finalmente di opporsi al fascismo, per cui prima è isolato dal regime poi viene arrestato alla stazione di Firenze l'11 marzo 1927, insieme alla moglie, mentre si stava recando in treno a Trieste. Al processo che segue viene condannato a 4 anni di carcere e a una forte multa, ma verrà scarcerato alla fine del luglio 1928.
Viene continuamente sorvegliato dalla polizia e deve trascorrere un periodo di grandi difficoltà economiche e isolamento sia morale che politico. Senza un impiego stabile, prova a presentare domanda di assunzione presso la Biblioteca Apostolica Vaticana nell'autunno 1928, contando sull'interessamento del vescovo di Trento, mons. Celestino Endrici, e di alcuni amici ex popolari. Lo stesso capo bibliotecario Igino Giordani si adopera presso padre Tacchi Venturi affinché i pedinamenti della polizia terminino.

L'11 febbraio 1929 si stipulano i “Patti Lateranensi” (nome che deriva dal palazzo di San Giovanni in Laterano, in cui avvenne la firma dei patti), gli accordi di mutuo riconoscimento tra il Regno d'Italia e la Santa Sede, grazie ai quali per la prima volta dall'Unità d'Italia, sono stabilite regolari relazioni bilaterali tra Italia e Santa Sede. I Patti furono negoziati tra il cardinale Segretario di Stato Pietro Gasparri per conto della Santa Sede e il presidente del Consiglio dei ministri nonché Duce d'Italia, Benito Mussolini per conto del Regno d'Italia. Il rapporto tra Stato e Chiesa era precedentemente disciplinato unilateralmente dalla cosiddetta «legge delle Guarentigie», approvata dal Parlamento italiano il 13 maggio 1871 dopo la presa di Roma ma mai riconosciuta dai Pontefici, da Pio IX in poi, per cui la somma stanziata anno per anno dal governo italiano veniva conservata in un apposito conto, in attesa di concludere un accordo con la Santa Sede.
I Patti Lateranensi constano di tre distinti documenti:
1) il primo riconosce l'indipendenza e la sovranità della Santa Sede ed è l'atto fondativo dello Stato della Città del Vaticano, con il quale l'Italia riconosce al Papa la piena sovranità e indipendenza sulla sola ed esclusiva parte del territorio della città di Roma compreso nella cerchia delle Mura Leonine, oltre che su Piazza San Pietro. Questo territorio, pur estremamente ridotto, è riconosciuto a livello internazionale e assicura così l'indipendenza sovrana della Santa Sede rispetto a qualsiasi altro potere politico.
2) il secondo, la "Convenzione Finanziaria", che fornisce i mezzi per l'autonomia economica della nuova formazione statale, con il versamento delle somme accantonate dal Regno d'Italia, previste dalla legge delle Guarentigie del 1870, più gli interessi, che ammontava a 3.160.501.113 lire (oggi circa dieci miliardi di euro). La Convenzione finanziaria, «apprezzando i paterni sentimenti del Sommo Pontefice», acconsentì a pagarne più o meno la metà: «750 milioni in contanti e un miliardo in titoli di Stato consolidati al 5% al portatore» per i danni finanziari subiti dallo Stato pontificio in seguito alla fine del potere temporale. È inoltre prevista l'esenzione, per il nuovo Stato denominato «Città del Vaticano», dalle tasse e dai dazi sulle merci importate.  
3) terzo, il Concordato che definisce le relazioni civili e religiose in Italia tra la Chiesa e il Governo, mentre fino a quel momento, dalla nascita del Regno d'Italia, le relazioni fra i due enti erano sintetizzate nel motto: «libera Chiesa in libero Stato».

Il governo italiano acconsente inoltre a rendere le proprie leggi sul matrimonio e il divorzio conformi a quelle della Chiesa cattolica di Roma (Mussolini si pronuncia contro il divorzio e dovettero passare 34 anni prima che la legge sul divorzio venisse rimessa in discussione) e di rendere il clero esente dal servizio militare. I Patti garantirono alla Chiesa il riconoscimento del cattolicesimo quale religione di Stato in Italia, con importanti conseguenze sul sistema scolastico pubblico, come l'istituzione dell'insegnamento della religione cattolica, già presente dal 1923 e tuttora esistente seppure con modalità diverse. Con i Patti Lateranensi sembra acquietarsi lo scontro tra la Chiesa e lo Stato fascista, che raccoglie un vasto consenso popolare dalla pacificazione con il papa e le gerarchie ecclesiali, anche se l'imprevedibilità e il populismo insiti in Mussolini rendevano poco affidabile quella politica di «buon vicinato» che i cattolici si auguravano.

La Città del Vaticano (0,43 kmq con una popolazione di 911 residenti di cui 532 cittadini, il cui reddito pro-capite ammonta a 407.095 euro nel 2005, fonte www.vatican.va) è composta di tre enti o istituzioni: lo Stato, la Santa Sede e la Curia. Il primo è l'entità territoriale, la seconda è il vertice della Chiesa e la Curia è la struttura organizzativa. Tutte le istituzioni vaticane spesso rivendicano l'extraterritorialità e l'indipendenza dalle leggi degli altri Stati-Nazione. Nel Vaticano hanno sede tre istituti finanziari:
- l'APSA (Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica), che è la Banca Centrale del Vaticano, svolge funzioni di tesoreria e gestisce gli stipendi dello Stato. Fra i suoi compiti c'è anche quello di coniare moneta. Nel 1998 infatti, l'Ue ha autorizzato l'Apsa ad emettere 670 mila euro l'anno. Con la possibilità di emetterne altri 201mila in occasione di Concili ecumenici, Anni Santi o in occasione di un'apertura della Sede vacante. Secondo quanto riportato dai dati ufficiali della Prefettura per gli Affari Economici, per il 2002 il Vaticano e la Santa Sede sarebbero in deficit di 29,5 milioni di euro. Nel bilancio però non figurano strutture come le università pontificie, gli ospedali cattolici (Bambini Gesù di Roma, ad esempio), i santuari (Loreto, Pompei). Ma soprattutto non figura l'obolo, che ha portato nel solo 2002 un gettito nelle casse della Città del Vaticano di 52,8 milioni di euro;
- il Ministero dell'Economia o Prefettura per gli Affari economici;
- lo IOR, (Istituto per le Opere di Religione), con il quale vengono gestiti circa un miliardo di cattolici sparsi nel mondo e ufficialmente l'unico azionista di questa banca è il papa. .
Lo IOR fu fondato nel 1887 da Leone XIII, col nome di "Commissione per le Opere Pie", al fine di convertire le offerte dei fedeli in un fondo facilmente smobilizzabile. La prima riforma delle finanze vaticane risale al 1908, quando su iniziativa di papa Pio X l'istituto assunse il nome di Commissione amministratrice delle Opere di Religione.

Papa Pio XI, soddisfatto della rinascita di uno Stato della Chiesa, il 14 febbraio 1929, in un discorso all’Università del Sacro Cuore, definisce Mussoliniuomo della Provvidenza”. 

La trasformazione dello IOR in una banca vera e propria avverrà solo nel 1941, anche se il finanziamento più significativo che indusse il papato a favorire tale trasformazione, fu quello concesso dal fascismo, col Concordato (Patti Lateranensi) del 1929, che prevedeva, a titolo di risarcimento per la perdita degli Stati pontifici all'indomani dell'unificazione nazionale, qualcosa come 100 milioni di dollari (40 in contanti e 60 in obbligazioni; in lire dell'epoca erano 1 miliardo e 750 milioni).
Per gestire questo ingente patrimonio, papa Pio XI ( 259º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica dal 1922 alla sua morte del 10 febbraio 1939, 1º sovrano del nuovo Stato della Città del Vaticano) istituisce l'Amministrazione speciale per le Opere di Religione, che affida a un laico esperto, l'ingegner Bernardino Nogara, un abile banchiere proveniente dalla Comit, membro della delegazione che dopo la prima guerra mondiale negoziò il trattato di pace e che successivamente sarà delegato alla Banca Commerciale di Istanbul.
Grazie alla sua abilità, Nogara trasformò l'Amministrazione in un impero edilizio, industriale e finanziario. Le condizioni che il banchiere pose a Pio XI per accettare l'incarico di gestire il patrimonio del Vaticano furono due: gli investimenti dovevano essere liberi da qualsiasi considerazione religiosa o dottrinale e realizzabili in ogni parte del mondo. Il Papa accettò e si aprì così la strada alle speculazioni monetarie e ad altre operazioni di mercato nella Borsa valori, compreso l'acquisto di azioni di società che svolgevano attività in netto contrasto con l'insegnamento cattolico (armi, contraccettivi ecc.).
Nogara rilevò l'Italgas, fornitore unico in molte città italiane, e fece entrare nel consiglio di amministrazione, come rappresentante del Vaticano nella società, l'avvocato Francesco Pacelli, fratello del cardinale Eugenio che poco dopo sarà eletto Papa e assumerà il nome di Pio XII. Grazie alla gestione di Nogara, il Banco di Roma, il Banco di Santo Spirito e la Cassa di Risparmio di Roma entrarono ben presto nell'ambito dell'influenza del Vaticano. Quando acquisiva quote di una società, raramente Nogara entrava nel consiglio di amministrazione: preferiva affidare quest'incarico a uno dei suoi uomini di fiducia, tutti appartenenti all’elite vaticana che si occupava della gestione degli interessi della Chiesa. I tre nipoti di Pio XII, i principi Carlo, Marcantonio e Giulio Pacelli, ne facevano parte, i loro nomi cominciarono ad apparire tra quelli degli amministratori di un elenco sempre più lungo di società. Gli uomini di fiducia della Chiesa erano presenti dappertutto: industrie tessili, comunicazioni telefoniche, ferrovie, cemento, elettricità, acqua. Bernardino Nogara sorvegliava ogni settore che promettesse margini di remunerazione.

L'assunzione in Vaticano come collaboratore soprannumerario impiegato al catalogo degli stampati, di De Gasperi, avviene il 3 aprile 1929, dopo la firma dei Patti Lateranensi. In quella sede intraprende lunghi anni di studio e di osservazione degli avvenimenti politici italiani e internazionali, nonché di approfondimento della storia del partito cristiano del Centro in Germania e delle teorie economiche e sociali maturate in seno alle varie correnti della cultura cattolica europea. In questo periodo De Gasperi scrive articoli regolari su una rivista vaticana chiamata "L'Illustrazione Vaticana" e mostra un evidente coinvolgimento nella lotta tra cattolicesimo e comunismo anche a scapito della perspicacia delle sue valutazioni sul nazismo tedesco. In particolare giustifica l'annessione dell'Austria al Reich criticando il "processo di scristianizzazione" portato avanti a suo dire dal Partito Socialdemocratico austriaco e appoggia le posizioni della chiesa tedesca del 1937, favorevoli al nazismo in opposizione ai comunisti tedeschi.

Nel 1935, quando Mussolini ebbe bisogno di armi per la campagna d'Etiopia, una considerevole quantità fu fornita da una fabbrica di munizioni che Nogara aveva acquisito per il Vaticano. E rendendosi conto, prima di molti altri, dell'inevitabilità della seconda guerra mondiale, sempre Nogara cambiò in oro parte del patrimonio Vaticano da lui gestito. Le sue speculazioni sul mercato dell'oro continuarono per tutto il periodo in cui fu alla guida dell'amministrazione dei beni del Vaticano.

Preti fascisti in marcia.
Con la II guerra mondiale alle porte, alla morte di Pio XI si elesse il nuovo Papa nella persona del cardinale Eugenio Pacelli, che assunse il nome di Papa Pio XII (papa dal 1939 al 1958). Era il cardinale preferito dal Terzo Reich. Prima di diventare Segretario di Stato nel 1930, Pacelli era stato nunzio in Germania dal 1917 al 1929 e, tra gli altri concordati, fece quello con la Germania di Hitler, il Reichskonkordat, il 20 luglio 1933, concordato che dava credibilità internazionale a quel regime e che già aveva messo fuori legge il partito cattolico tedesco, il Zentrumspartei. Nell'aprile del 1939, subito dopo la sua elezione, con l'infinità di problemi in sospeso ed impellenti, fu cura di Pio XII far togliere dall'Indice i libri del fascista Maurras di Action Française (organizzazione molto apprezzata dai cattolici di destra francesi), vecchio amore di Pio X, che erano smaccatamente antisemiti oltreché anticomunisti.

Clero fascista.
Con Pio XII (260º papa della Chiesa cattolica e 2º sovrano dello Stato della Città del Vaticano dal 2 marzo 1939 al 9 ottobre 1958) lo IOR, bisognoso di disporre di fondi sicuri, fornì sbocchi bancari ai fascisti italiani e ai nazisti, nonché alla mafia, anche perché al tempo della dittatura fascista era molto difficile al Vaticano gestire liberamente l'Obolo di S. Pietro proveniente dalle due Americhe.

Giulio Andreotti
da giovane.
Giulio Andreotti muove i primi passi nel mondo politico-clericale subito dopo il liceo. Deciso a diventare medico s’iscrive invece a giurisprudenza e si laurea con una tesi sulla “Personalità del delinquente nel diritto della Chiesa”. Nel 1937, appena diciottenne, entra a far parte della F.U.C.I., la federazione degli universitari dell’azione cattolica. Qui trova come guida un giovane monsignore: Giovan Battista Montini, poi salito al Soglio pontificio con il nome di Papa Paolo VI. La Fuci, tollerata a fatica dal regime, era allora il centro dell’antifascismo culturale appoggiato dalla chiesa. Nel 1938, durante un convegno tenuto da Giorgio La Pira, Andreotti vede Adriano Ossicini prendere la parola per sostenere che compito del cristiano “é quello di combattere il fascismo con tutte le forze concrete”. Giulio, seduto in prima fila, rimane sbalordito e a fine intervento lo avvicina chiedendo: “Vorrei capire bene che cosa hai detto”. I due diventano amici. Cominciano a discutere sulla conciliabilità di marxismo e cristianesimo, a scriversi e a giocare a ping-pong: interminabili tornei cui partecipavano oltre a Ossicini, futuro capogruppo degli indipendenti di sinistra, Luciano Barca, futuro responsabile economico del Pci, e Franco Rodano, l’uomo che più di ogni altro spingerà Enrico Berlinguer verso il compromesso storico. Qualche mese dopo l’incontro con Ossicini, Andreotti conosce anche Alcide De Gasperi, perseguitato dai fascisti e ospitato dal Vaticano per evitargli il carcere. Non é un colpo di fulmine, ma poco ci manca. Giulio entra nella biblioteca della Santa Sede alla caccia di volumi che gli dovevano servire per una tesina sulla marina pontificia. Il bibliotecario, un uomo di mezza età dalla faccia ossuta, lo guarda storto e gli chiede: “Ma lei non ha di meglio da fare?”. Era De Gasperi. Sarà lui ad offrire a Andreotti la possibilità di collaborare con il “Popolo”, il giornale clandestino che sarebbe poi diventato l’organo ufficiale della Dc. Così nel 1940 Andreotti si trova catapultato alla testa della Fuci, diventandone però ufficialmente presidente solo nel febbraio del ‘42. Prende il posto di Aldo Moro che, più vecchio di tre anni, deve partire militare. Andreotti invece non va in guerra. Per insufficienza toracica è assegnato ai servizi sedentari e poi riesce a farsi trasferire in Vaticano come “guardia palatina”. In pratica è un soldato di Pio XII. Con Moro sotto le armi, Andreotti ha il campo libero. Papa Eugenio Pacelli apprezza la sua pacatezza. Giulio può andare da lui senza appuntamento e restare nel suo studio per ore. Pio XII lo utilizza come un occhio sul mondo cattolico e gli chiede notizie sui ragazzacci della sinistra cristiana che intrattenevano segretamente rapporti con i pericolosi comunisti. Adesso per loro in Vaticano tira una gran brutta aria. Andreotti fin che può cerca di proteggerli, poi li abbandona al loro destino. Ormai ha quasi 25 anni.

Il 27 giugno 1942 Pio XII decide di cambiare nome all'Amministrazione speciale per le Opere di Religione che diventa Istituto per le Opere di Religione. Nasce così un ente bancario dotato di un'autonoma personalità giuridica e che si dedicherà non soltanto al compito di raccogliere beni per la Santa Sede, ma anche a quello di amministrare il denaro e le proprietà ceduti o affidati all'istituto stesso da persone fisiche o giuridiche per opere religiose e di carità cristiana. Il 31 dicembre 1942 il ministro delle Finanze del governo italiano Paolo Thaon di Revel emise una circolare in cui si affermava che la Santa Sede era esonerata dal pagare le imposte sui dividendi azionari.

Nell'estate del 1942, alcuni esponenti del Movimento Guelfo (Falck, Malvestiti, Clerici ecc.), si recarono a Borgo Valsugana per coordinare con Alcide De Gasperi una azione comune per la creazione di un nuovo partito che fosse la risultanza dell'antico Partito Popolare e del nuovo Movimento Guelfo. Si raggiunse così una intesa comune.

Nel 1942-43, De Gasperi compone, insieme ad altri, l'opuscolo “Le idee ricostruttive della Democrazia Cristiana” in cui esprime le idee alla base del futuro partito della Democrazia Cristiana di cui sarà cofondatore.

De Gasperi per cooptare Andreotti, gli affida incarichi sempre più importanti. Prima lo mette al vertice dei “Gruppi di studio e propaganda della Dc”, poi lo fa nominare delegato al congresso nazionale della democrazia cristiana. Accanto a sé adesso Giulio ha un nuovo amico, Franco Evangelisti, destinato a diventare il suo braccio destro.

Alcide De Gasperi
Nel settembre del 1942, quando la sconfitta del regime si approssimava, i fondatori del futuro partito democristiano cominciarono a incontrarsi clandestinamente nell'abitazione di Giorgio Enrico Falck, noto imprenditore cattolico milanese. Parteciparono agli incontri: Alcide De Gasperi, Mario Scelba, Attilio Piccioni, Camillo Corsanego e Giovanni Gronchi provenienti dal disciolto Partito Popolare Italiano di Don Sturzo; Piero Malvestiti e il suo Movimento Guelfo d'Azione; Aldo Moro e Giulio Andreotti dell'Azione Cattolica; Amintore Fanfani, Giuseppe Dossetti e Paolo Emilio Taviani della FUCI e Giuseppe Alessi. Aderirono quasi subito molti dirigenti cattolici, come Giuseppe Dossetti, Giuseppe Lazzati, Mario Bendiscioli, Giorgio La Pira e, al suo rientro dall'esilio, Don Sturzo.

Simbolo della DC
Il 19 marzo 1943, il gruppo si riunì a Roma, in casa di Giuseppe Spataro, per discutere e approvare il documento, redatto da De Gasperi, "Le idee ricostruttive della Democrazia Cristiana", considerato l'atto di fondazione ufficiale del nuovo partito. Lo stemma del nuovo partito fu lo stesso scudo crociato che era stato adottato precedentemente dal Partito Popolare di Sturzo.
Partecipò ai primi incontri di fondazione anche un gruppo attivo nella Resistenza, il Movimento Cristiano Sociale di Gerardo Bruni, che però, essendosi posto su posizioni socialiste e anticapitaliste, presto si dissociò e successivamente diede vita a un partito autonomo ma di breve durata, il Partito Cristiano Sociale. A Genova, invece, i giovani del Movimento Cristiano Sociale si unirono ai più anziani militanti del PPI per fondare il Partito Cristiano Sociale Democratico, che poi, dopo un incontro di Taviani con Pella e De Gasperi, cambiò nome e divenne la sezione ligure della DC.
Un evento fondamentale da cui scaturì l'ossatura del pensiero economico del nascente partito fu la settimana di studio al Monastero di Camaldoli tra il 18 e il 23 luglio del 1943. Qui una cinquantina di giovani cattolici promettenti si confrontarono con tre grandi economisti: Sergio Paronetto, Pasquale Saraceno ed Ezio Vanoni. Frutto del convegno fu l'elaborazione di un vero e proprio programma in 76 punti conosciuto come Codice di Camaldoli e che nel dopoguerra guidò l'azione della DC in campo economico. La DC, appena costituita, vive una vita clandestina fino al 25 luglio 1943.

Lucky Luciano
I servizi segreti americani, come é pacificamente documentato dai dispacci dell’Oss, l'antenata della CIA, per risolvere la questione del fronte sud italiano e riuscire finalmente a sbarcare in Italia, avevano preso accordi con Cosa Nostra. Nel ‘42 avevano trattano con Lucky Luciano organizzando uno sbarco di agenti prima e di truppe alleate poi, nella Sicilia occupata dai nazisti. I primi mafiosi e i primi 007 americani arriveranno nell’isola nel gennaio e nel febbraio del ‘43. Dopo la liberazione, gli amministratori locali legati al vecchio regime saranno sostituiti da uomini d’onore. A guerra finita molti di loro diventeranno democristiani e formeranno la base elettorale dei Dc seguaci di Bernardo Mattarella, padre del nostro attuale Capo di Stato. La vicenda è fondamentale per comprendere i fenomeni successivi rappresentati da Vito Ciancimino e Salvo Lima (pupillo proprio di Mattarella).

Di fronte all'evoluzione degli eventi bellici della seconda guerra mondiale, con lo sbarco degli alleati in Sicilia che prefigura ormai una disfatta e la conseguente perdita di consenso del regime fascista, si crea all'interno del fascismo stesso una fronda. Il 25 luglio del 1943 è quindi presentato da Dino Grandi e approvato dal Gran Consiglio del Fascismo con 19 voti a favore su 28, la mozione di sfiducia a Mussolini, che è invitato a rinunciare a tutte le sue cariche. Dino Grandi, estensore dell'ordine del giorno, sarà decisivo con il suo voto, così come sarà essenziale la sua opera di persuasione nei confronti degli altri membri del Gran Consiglio. 
Nell'ordine del giorno inoltre, si chiede al Re di assumere, "con l'effettivo comando delle forze armate di terra, di mare e dell'aria", "quella suprema iniziativa di decisione" che lo Statuto albertino gli riconosceva all'articolo 5.

Il sovrano, come noto, accoglie l'invito e, fatto arrestare Mussolini, nomina a capo di un Governo che ripristini in parte le libertà dello Statuto albertino sabaudo, il generale Pietro Badoglio il quale - mentre annuncia che comunque la guerra sarebbe proseguita - procede a eliminare le riforme effettuate dal fascismo all'ordinamento statutario ottocentesco (enti collegati al Partito nazionale fascista, socializzazione dei mezzi di produzione, Tribunale speciale per la difesa dello Stato), promettendo inoltre l'indizione di nuove elezioni entro quattro mesi dalla fine del conflitto, nonostante il mantenimento del divieto di istituzione di partiti politici. Il governo Badoglio, pur ufficialmente vietando la ricostituzione dei partiti, di fatto ne consente l'esistenza, incontrandone gli esponenti in due occasioni prima dell'armistizio dell'8 settembre 1943.

Nel Governo Badoglio I, il sessantesimo del Regno d'Italia, i ministri vengono nominati il 26 luglio 1943 e il governo rimane in carica dal giorno dopo al 24 aprile 1944, per un totale di 272 giorni, ovvero 9 mesi e 2 giorni. E' un esecutivo tecnico-militare composto da sei generali, due prefetti, sei funzionari e due consiglieri di stato. Il 5 agosto 1943 è soppressa la Camera dei Fasci e delle Corporazioni, mentre il Senato del Regno resta in carica. 

Un giornale clandestino cattolico, Glos Pracy, così scriveva il 15 agosto 1943: Il Papa è commosso per la sorte della Polonia, ma non si è udita una sola sua parola di condanna della condotta degli invasori. Le dichiarazioni ingenue furono inventate dagli incaricati d'affari del Vaticano. La vera condotta di Pio XII ... era quella dell'ardente sostenitore della politica dell'asse. Politicamente, Pio XII si è allineato con l'Italia di Mussolini e di conseguenza con i nazisti. Riporto un'ultima citazione da altra stampa clandestina e lo faccio relativamente alla Polonia per i maggiori disastri in quel Paese e perché era nella quasi totalità cattolico da secoli. Il Wólnosc scriveva il 6 aprile 1943: Quando le bombe distruggevano le città polacche ... il Vaticano, verso il quale tutti dirigevano i loro occhi, stette in silenzio come se non sapesse ciò che accadeva in Polonia, Danimarca, Belgio, Olanda, Francia, Norvegia, Grecia, Yugoslavia, ... Il Vaticano si chiuse in un silenzio tenace ed i vescovi italiani consacravano gli stendardi fascisti e benedicevano i soldati nazisti che, diretti in Africa, visitavano il Vaticano. E vi è ancora la testimonianza del Papa su se stesso quando nel 1943 confessò ad un agente del servizio segreto tedesco: “Portiamo da sempre il popolo tedesco nel profondo del nostro cuore e che è questo popolo, tanto provato dal dolore, quello che esige, prima di qualunque altra nazione, i nostri speciali sentimenti di affetto e solidarietà.” Alla faccia del Vicario di Cristo!

Pietro Nenni
Il 22 agosto 1943, a Roma il PSI, rappresentato dai futuri presidenti della Repubblica Giuseppe Saragat e Sandro Pertini, dal giurista Giuliano Vassalli, dallo scrittore Ignazio Silone e dal futuro ministro della Giustizia Giuseppe Romita, si fonde col Movimento di Unità Proletaria dell'avvocato Lelio Basso, di Carlo Andreoni. Nasce così il Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (PSIUP), alla cui segreteria viene chiamato il romagnolo Pietro Nenni.
Il PSIUP durante la Resistenza partecipa attivamente al Comitato di Liberazione Nazionale e si avvicina in particolare al Partito Comunista Italiano, con una politica di unità d'azione volta a modificare le istituzioni in senso socialista. Questa politica, osteggiata dalla destra del partito guidata da Giuseppe Saragat, è in buona parte legata alla preoccupazione che divisioni interne alla classe operaia possano favorire l'ascesa di movimenti di destra autoritaria, come era avvenuto nel primo dopoguerra con il fascismo.

L'8 settembre 1943, dopo gli accordi presi alla fine di luglio, un mese e mezzo prima, con gli Alleati (Inghilterra, Stati Uniti e Francia), Badoglio, nuovo capo del governo e dello stato maggiore militare, annuncia l'armistizio tra il governo e gli Alleati, la nuova alleanza con gli stessi e l'arresto di Mussolini. L'accordo con gli Alleati, stipulato alla fine di luglio, non era stato reso pubblico per la mancanza di decisione dei Savoia sul come rapportarsi con la Germania, prima alleata ed ora nemica. Mentre nell'Italia centrale e settentrionale è stanziato l'esercito tedesco, il nuovo nemico, non vengono dati nuovi ordini alle truppe italiane, ormai allo sbando in Russia, Africa, Grecia e Albania.

In seguito all'armistizio di Cassibile dell'8 settembre, (con conseguente dichiarazione di non belligeranza e denuncia dell'alleanza con la Germania nazista), il Re e il Governo Badoglio fuggono da Roma (in cui erano presenti forze tedesche) alla volta di Brindisi (libera dal controllo dei nazisti e non ancora raggiunta dall'avanzata degli angloamericani). Le forze armate sono lasciate allo sbando e il Paese si trova diviso in due: il cosiddetto Regno del Sud, già liberato dagli alleati, formalmente sotto la sovranità sabauda, e la Repubblica Sociale Italiana (RSI), nelle regioni ancora occupate dai nazisti, formalmente guidata da Mussolini.

Bandiera del CNL
In mancanza di un potere decisionista, che organizzi le forze armate alla luce del nuovo scenario, a Roma c'è chi decide che strada prendere: combattere i nazi-fascisti per liberare l'Italia, resistendo all'improvvisa e massiccia occupazione tedesca e al governo-fantoccio filo tedesco dell'imminente Repubblica Sociale Italiana. La Resistenza nasce a Roma, in un alloggio al quartiere Salario, nel pomeriggio del 9 settembre 1943, il giorno seguente alla dichiarazione di armistizio, con la costituzione del CNL (Comitato di Liberazione Nazionale) durante una riunione cui partecipano esponenti di tutte le forze di opposizione al fascismo, i componenti di quello che fino ad allora si era definito “Comitato delle Opposizioni”. Erano presenti l’indipendente Ivanoe Bonomi, il democristiano Alcide De Gasperi, il liberale Alessandro Casati, il socialista Pietro Nenni, il comunista Mauro Scoccimarro e Ugo La Malfa per il partito d’azione. E' approvata una risoluzione che dice: “Nel momento il cui il nazismo tenta di restaurare in Roma e in Italia il suo alleato fascista, i partiti antifascisti si costituiscono in Comitato di Liberazione Nazionale per chiamare gli italiani alla lotta e alla resistenza e per riconquistare all’Italia il posto che le compete nel consesso delle libere nazioni”. Al Comitato aderisce in seguito Meuccio Ruini, del partito della Democrazia del Lavoro.

La DC partecipò così alla costituzione del Comitato di Liberazione Nazionale, all'interno del quale cercò di assumere la guida delle forze politiche più moderate contrapponendosi ai partiti di sinistra PCI e PSIUP. L'atteggiamento della DC, in linea con quello della Chiesa, era di evitare prese di posizione troppo nette sul destino della monarchia nel dopoguerra e di ridurre la portata della lotta armata, ad esempio schierandosi a favore della dichiarazione di Roma città aperta.

Mussolini viene liberato dove era recluso, al Gran Sasso, dai paracadutisti tedeschi e crea la Repubblica Sociale Italiana, con sede a Salò, sul lago di Garda, costituita il 23 settembre col nome di Stato Nazionale Repubblicano. La Repubblica Sociale Italiana (o RSI, o Repubblica di Salò) è creata per espressa volontà di Adolf Hitler, dopo che il Regno d'Italia, nel contesto della Seconda guerra mondiale, aveva concluso il 3 settembre 1943 l'armistizio di Cassibile con le forze anglo-americane. Il suo primo consiglio dei ministri si tiene il 28 settembre 1943, alla Rocca delle Caminate, presso Forlì, per nominare i responsabili del nuovo governo repubblicano fascista. Considerata uno "Stato fantoccio" della Germania nazista (lo stesso Mussolini ne era consapevole), la Repubblica Sociale Italiana non fu riconosciuta dalla comunità internazionale.

Il primo atto politico del Governo Badoglio I insediatosi a Brindisi è l'approvazione e la firma del così detto armistizio lungo. Tale documento, firmato da Badoglio a bordo della corazzata HMS Nelson alla fonda nelle acque di Malta, il 29 settembre 1943, rappresenta un'integrazione dettagliata dei principi generali enunciati dall'armistizio corto firmato a Cassibile il 3 settembre. Pur rendendo esecutivo il principio della resa incondizionata, gli Alleati si impegnano ad ammorbidire le condizioni della resa in proporzione all'aiuto che l'Italia avrebbe fornito nella lotta contro i nazisti.

Solo il 13 ottobre il Governo Badoglio I dichiara guerra alla Germania, atto concordato da Badoglio con gli Alleati nell'armistizio lungo, e consegnato all'ambasciata tedesca a Madrid. Dal punto di vista politico tale dichiarazione è molto importante poiché pone l'Italia all'interno delle forze alleate, sia pur con la qualifica di cobelligerante e afferma lo status di "combattente" per i soldati italiani, contro i tedeschi, che già avevano eseguito fucilazioni nei loro confronti, come quelle dell'eccidio di Cefalonia.

Dal punto di vista legale, il potere del monarca viene quindi a mancare per la scissione del territorio nazionale in zone distinte ed entrambe, per motivi diversi, sottratte alla regia potestas: il Nord e il centro Italia, inclusa Roma, la capitale, si trovava di fatto, per il tramite della RSI, sotto il ferreo controllo nazifascista, al Sud le condizioni dell'armistizio avevano privato il Re del potere statutario e della sovranità di fatto, per via delle limitazioni derivanti dall'armistizio. Di fronte a questa delegittimazione del potere regio, perciò, si affermano come nuovi soggetti politici i partiti italiani, ricostituitisi nonostante il formale mantenimento del divieto e uniti nel Comitato di Liberazione Nazionale (CLN): ne fanno parte il Partito Comunista Italiano, il Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria, Democrazia del Lavoro, il Partito d'Azione, la Democrazia Cristiana e il Partito Liberale Italiano, che formano così la cosiddetta esarchia.

Formazione di partigiani.
Nello sbandamento generale, i partiti antifascisti riuniti  nel Comitato di Liberazione Nazionale (CNL) decidono di modificare radicalmente le istituzioni per fondare uno Stato democratico, mentre infuria la guerra civile tra partigiani antifascisti e "repubblichini" fascio-nazisti. I partiti aderenti al CNL, DC a parte, non permettono al re di riproporre uno Statuto albertino, anche se eventualmente modificato e considerano la monarchia stessa troppo compromessa con il precedente regime fascista per poter proseguire a regnare.

Il CLN si afferma, anche sulla scena internazionale, come soggetto complesso, plurimo, che si candida all'egemonia politica nel Paese con il Congresso di Bari (28-29 gennaio 1944), in cui unanimemente i partiti aderenti chiedono l'abdicazione del Re nonché la composizione di un Governo con pieni poteri e con la partecipazione di tutti i sei partiti, per affrontare la guerra e «al fine di predisporre con garanzia di imparzialità e libertà la convocazione di una Assemblea costituente appena cessate le ostilità».

Il Governo Badoglio II, il sessantunesimo del Regno d'Italia si forma in seguito alla svolta di Salerno dell'aprile 1944, con la quale il Partito Comunista Italiano di Palmiro Togliatti accetta di collaborare con Pietro Badoglio e la monarchia sabauda, in concomitanza alla «tregua istituzionale» in cui si stabilisce la necessità di trasferire i poteri del re al figlio (con un proclama del re del 12 aprile 1944), il quale doveva assumere la carica provvisoria di luogotenente del regno e impegnarsi ad indire l'elezione di un'Assemblea Costituente cui sarebbe stato affidato il compito di redigere una nuova carta costituzionale (decreto legislativo luogotenenziale n. 151 del 25 giugno 1944) a conflitto concluso.

E' il primo esecutivo aperto ai sei partiti antifascisti riuniti nel Comitato di Liberazione Nazionale: Democrazia Cristiana (DC), Partito Comunista Italiano (PCI), Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (PSIUP, già PSI), Partito Liberale Italiano (PLI), Partito Democratico del Lavoro (PDL), Partito d'Azione (PdA) e partecipavano inoltre al governo, militari, tecnici e indipendenti. Nominati i ministri il 24 aprile 1944, il governo rimane in carica da tale data al 18 giugno 1944 (da le dimissioni l'8 giugno, quattro giorni dopo la liberazione di Roma dall'occupazione nazi-fascista), per un totale di 55 giorni, ovvero 1 mese e 25 giorni. Sarà l'ultima volta che il giuramento dei ministri avviene nelle mani del re, il quale sarà esautorato e il suo luogotenente provvisorio diverrà il figlio, Umberto II.

Intanto l’Oss, l’antenata della Cia, aveva preso a finanziare segretamente, in funzione antifascista e anticomunista, la neonata DC. Dopo i primi contatti con don Luigi Sturzo, l’ex leader dei popolari, un agente segreto americano aveva aperto un canale anche con De Gasperi. Con i fondi di Washington s’inaugura così a Roma il centro universitario "Pro Deo", la cui direzione è affidata a un domenicano, padre Felix A. Morlion. Si devono a lui i rapporti sulla situazione italiana che a partire dal ’44 arrivano a Washington. Morlion é, di fatto, una spia. E come scriverà lui stesso accanto a sé “ad assisterlo nella pubblicità c’é un giovane mandatogli da De Gasperi di nome Giulio Andreotti”. Da quel momento gli americani cominceranno ad inviare fondi allo scudocrociato. Nel corso degli anni, secondo il Congresso Usa, arriveranno in Italia circa 100 milioni di dollari.

Nel Governo Bonomi II (il Governo Bonomi I è stato in carica dal 4 luglio 1921 al 26 febbraio 1922), il sessantaduesimo del Regno d'Italia, i ministri sono nominati il 18 giugno 1944 e rimane in carica da tale data al 12 dicembre 1944 (darà le dimissioni il 25 novembre) per un totale di 177 giorni, ovvero 5 mesi e 27 giorni. I ministri in verità avevano già giurato il 12 giugno, ma si dovette attendere il placet degli Alleati per ufficializzare la costituzione del governo ed entrare in carica. Inizialmente ha sede a Salerno e dal 15 luglio 1944 si sposta a Roma. E' composto da esponenti dei sei partiti antifascisti riuniti nel Comitato di Liberazione Nazionale: Democrazia Cristiana (DC), Partito Comunista Italiano (PCI), Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (PSIUP, già PSI), Partito Liberale Italiano (PLI), Partito Democratico del Lavoro (PDL), Partito d'Azione (PdA) e partecipano inoltre al governo tecnici, militari e un indipendente. Durante il governo Ivanoe Bonomi II, De Gasperi è nominato ministro senza portafoglio

Nel Governo Bonomi III, il sessantatreesimo del Regno d'Italia, i ministri sono nominati il 12 dicembre 1944 e rimane in carica da tale data al 21 giugno 1945 (da le dimissioni il 12 giugno), per un totale di 190 giorni, ovvero 6 mesi e 10 giorni. Composizione del governo: Democrazia Cristiana (DC), Partito Comunista Italiano (PCI), Partito Liberale Italiano (PLI) e Partito Democratico del Lavoro (PDL) oltre a due militari e un indipendente. Dal dicembre del 1944 al dicembre del 1945, anche quindi nel governo di Ferruccio Parri, De Gasperi è Ministro degli Esteri. Nel Governo Bonomi III ci si preoccupò di estendere il diritto di voto alle donne con il D.L.L. 2 febbraio 1945, n. 23.

Il 25 aprile 1945, dopo una sollevazione generale nelle città del nord che determina la Liberazione dalla Repubblica Sociale Italiana fascista, gli anglo-americani dilagano nell’Italia settentrionale e in maggio, con l’aiuto determinante delle brigate partigiane, costringono i tedeschi a capitolare. L’Italia é finalmente libera. I rapporti fra De Gasperi, presidente del consiglio dal ‘45 al ‘53 e gli americani, in chiave anti-socialcomunista, sono sempre più intensi.

Il Governo Parri, il primo in tempo di pace, in carica dal 21 giugno 1945 al 10 dicembre 1945, per un totale di 172 giorni, ovvero 5 mesi e 19 giorni, è composto da: Democrazia Cristiana (DC), 4 ministri e 5 sottosegretari, Partito Comunista Italiano (PCI), 3 ministri e 5 sottosegretari, Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (PSIUP già PSI), 4 ministri e 3 sottosegretari, Partito Liberale Italiano (PLI), 3 ministri e 4 sottosegretari, Partito d'Azione (PdA), Presidente del Consiglio, 2 ministri e 4 sottosegretari, Partito Democratico del Lavoro (PDL), 3 ministri e 3 sottosegretari oltre a militari ed indipendenti.

Il Vaticano, essendosi dichiarato neutrale durante la II guerra mondiale, poté, come la Svizzera, trattare tranquillamente affari con la Germania di Hitler. Finita la guerra il Vaticano non risarcì mai le vittime dell'olocausto, restituendo loro i preziosi che i nazisti avevano trasformato in lingotti ma anzi, la Banca Vaticana contribuì a nascondere l'oro nazista non solo nella stessa Santa Sede, ma anche presso il santuario di Fatima in Portogallo, controllato da elementi massonici, i quali solo apparentemente risultano anticlericali (è noto infatti che la loggia segreta P2 aveva ampi contatti con gli ambienti vaticani).

Lo IOR ha contribuito anche alla scomparsa di buona parte dell'oro della Croazia indipendente, che durante l'ultima guerra mondiale collaborava coi nazisti. Gli ustascia (i cattolici nazisti) massacrarono impunemente ben mezzo milione di serbi ortodossi, nonché decine di migliaia di ebrei e di gitani. La leadership ustascia, finita la guerra, si era rifugiata proprio in Vaticano e in alcune proprietà francescane italiane. Uno dei mediatori che permise agli ustascia e anche ad altri criminali nazisti di ottenere l'impunità, fu il segretario di stato Montini, in seguito papa Paolo VI. In particolare gli ustascia ebbero bisogno della Banca Vaticana proprio per gestire finanziariamente il loro governo esiliato in Argentina e per spedire i propri criminali in fuga verso il Sudamerica, l'Australia e altri luoghi con la protezione della Cia. Ovviamente il Segretariato Vaticano è a tutt'oggi assolutamente contrario a rendere pubblici gli archivi relativi alla II guerra mondiale.

Umberto II di Savoia, in qualità di Luogotenente del Re, nomina il Governo De Gasperi I, l'ultimo governo del Regno d'Italia, in carica dal 10 dicembre 1945 al 14 luglio 1946, per un totale di 216 giorni, ovvero 7 mesi e 4 giorni, che è formato da: Democrazia Cristiana (DC), Partito Comunista Italiano (PCI), Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (PSIUP), Partito Liberale Italiano (PLI), Partito d'Azione (PdA), Partito Democratico del Lavoro (DL) ed è così organizzato:
Presidente del Consiglio dei ministri: Alcide De Gasperi (DC), anche Capo provvisorio dello Stato dal 13 giugno al 1º luglio 1946.
Vicepresidente del Consiglio dei ministri: Pietro Nenni (PSIUP)
Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio dei ministri: Giustino Arpesani (PLI) e Giorgio Amendola (PCI)
Aeronautica: Ministro, Mario Cevolotto (DL)
Sottosegretari, Ernesto Pellegrino (militare)
Affari Esteri: Ministro, Alcide De Gasperi (DC)
Sottosegretari, Celeste Negarville (PCI), Renato Morelli (PLI) con delega per gli Italiani all'estero
Africa Italiana: Ministro, Alcide De Gasperi (DC) ad interim
Agricoltura e Foreste: Ministro, Fausto Gullo (PCI)
Sottosegretari, Antonio Segni (DC)
Assistenza Postbellica: Ministro, Luigi Gasparotto (DL)
Sottosegretari, Enrico Berardinone (indipendente), Antonio Cifaldi (PLI)
Commercio con l'Estero (istituito per scorporo dal Ministero dell'Industria e del Commercio il 9
gennaio 1946): Ministro, Ugo La Malfa (PdA), dal 9 gennaio al 20 febbraio 1946
poi, Mario Bracci (PdA), dal 20 febbraio 1946
Sottosegretari, Enzo Storoni (PLI), dal 9 gennaio 1946
Consulta Nazionale (soppressa con decreto legislativo luogotenenziale del 22 dicembre 1945,
n. 826): Ministro, Emilio Lussu (PdA), fino al 20 febbraio 1946
poi, Alberto Cianca (PdA), dal 20 febbraio 1946
Costituente: Ministro, Pietro Nenni (PSIUP)
Finanze: Ministro, Mauro Scoccimarro (PCI)
Sottosegretari, Bruno Visentini (PdA)
Grazia e Giustizia: Ministro, Palmiro Togliatti (PCI)
Sottosegretari, Dante Veroni (DL)
Guerra: Ministro, Manlio Brosio (PLI)
Sottosegretari, Pompeo Colajanni (PCI) e Luigi Chatrian (DC)
Industria e Commercio: Ministro, Giovanni Gronchi (DC)
Sottosegretari, Enzo Storoni (PLI), fino al 9 gennaio 1946, poi Rosario Pasqualino Vassallo junior (PDL), Ivan Matteo Lombardo (PSIUP)
Interno: Ministro, Giuseppe Romita (PSIUP)
Sottosegretari Giuseppe Spataro (DC)
Lavori Pubblici: Ministro, Leone Cattani (PLI)
Sottosegretari, Giuseppe Bruno (PdA)
Lavoro e Previdenza Sociale: Ministro, Gaetano Barbareschi (PSIUP)
Sottosegretari, Gennaro Cassiani (DC)
Marina: Ministro, Raffaele De Courten (militare)
Sottosegretari, Pasquale Schiano (PdA) e Angelo Corsi (PSIUP), con delega per la 'Marina mercantile'
Poste e Telecomunicazioni: Ministro, Mario Scelba (DC)
Sottosegretari, Mario Fano (indipendente)
Pubblica Istruzione: Ministro, Enrico Molè (DL)
Sottosegretari, Achille Marazza (DC), Enrico Paresce (DL) con delega per le Belle arti e spettacolo
Ricostruzione (soppresso con decreto luogotenenziale del 22 dicembre 1945, n. 824 ed accorpato al Ministero dell'Industria e del Commercio): Ministro, Ugo La Malfa (PdA), fino al 22 dicembre 1945
Tesoro: Ministro, Epicarmo Corbino (PLI)
Sottosegretari, Giovanni Persico (DL), Pietro Mastino (PSd'Az), con delega per i Danni di guerra
Trasporti: Ministro, Riccardo Lombardi (PdA)
Sottosegretari, Antonio Priolo (PCI)

Giuseppe Saragat
Il XXIV Congresso socialista, celebrato a Firenze dall'11 al 17 aprile 1946, vede accendersi lo scontro fra la maggioranza, guidata da Pietro Nenni e la minoranza di Giuseppe Saragat, che comprendeva i simpatizzanti di "Critica sociale" di Ugo Guido Mondolfo e di "Iniziativa socialista" di Mario Zagari, che sostenevano una linea politica più autonoma del PSIUP rispetto al PCI.
Fondamentalmente la minoranza non era disposta a schierarsi con Mosca ed era preoccupata che eventuali rivendicazioni e conquiste della classe operaia-contadina potessero favorire l'affermazione di movimenti di destra autoritaria, innescati dai ceti medio e borghese, così come era avvenuto nel primo dopoguerra con il fascismo.

A proposito del referendum del 2 giugno 1946 per la scelta fra monarchia o repubblica, la Chiesa appoggia apertamente la causa monarchica trasformando l'alternativa tra monarchia e repubblica in quella tra cristianesimo e comunismo. Il 1º giugno 1946, il giorno precedente il referendum, lo stesso papa Pio XII, rivolge un appello agli Italiani e senza accennare esplicitamente alla monarchia o alla repubblica, invita i votanti affinché scelgano tra il materialismo e il cristianesimo, tra i sostenitori e i nemici della civiltà cristiana. Considerato che nella campagna elettorale il fronte repubblicano annoverava in prima linea i partiti marxisti materialisti, sarebbe stato difficile fraintendere il senso di questo appello papale.

Alla vigilia del referendum istituzionale del 1946, la DC era decisa a pronunciarsi in favore della Monarchia, ma poi cambiò idea, anche su indicazione di Mario Scelba, che riteneva pericoloso lasciare la preferenza repubblicana in mano ai social-comunisti.

La repubblica italiana.
Ad oltre vent'anni dall'inizio della dittatura fascista, il 2 giugno 1946, in Italia si svolgono contemporaneamente:
- il referendum istituzionale per la scelta fra repubblica e monarchia, che sancirà la nascita della Repubblica Italiana con il 54% dei voti (più di 12 milioni) a favore dello stato repubblicano, superando di 2 milioni i voti dei monarchici, che contestarono l'esito della votazione,
- l'elezione (con un sistema proporzionale e l'assegnazione di 556 seggi distribuiti in 31 collegi elettorali) dell'Assemblea Costituente, a cui partecipano l'89% degli aventi diritto.

Manifesto per la
 costituente.
I partiti che componevano il Comitato di Liberazione Nazionale e che si erano considerati di pari peso, poterono quantificare la loro rappresentatività popolare.
Risultati referendum 1946 da:
https://it.wikipedia.org/wiki/
Nascita_della_Repubblica
_Italiana
Su una popolazione di 45.540.000 persone stimata al 1° gennaio 1946, gli aventi diritto al voto sono 28.005.449 cittadini, (il 61,49%) uomini e donne maggiorenni (secondo gli ordinamenti di allora, che avessero compiuto i 21 anni). E' la prima volta in Italia che le donne hanno il diritto di voto e sono 12.998.131 mentre 11.949.056 sono gli uomini.
Per il referendum i votanti sono 24.946.878, l'89,08% degli aventi diritto. I voti validi sono 23.437.143 e le schede non valide (1.146.729 bianche incluse)1.509.735. La Repubblica ottiene 12.718.641 consensi, il 54,27% mentre la Monarchia 10.718.502, il 45,73%.

Nelle elezioni politiche per l'Assemblea Costituente, i votanti sono 24.947.187, l'89,08 % degli aventi diritto. I voti validi saranno 23.010.479, i non validi 1.936.708 7,8 di cui 643.067 schede bianche.
La propaganda elettorale nel 1946.
Dominano le elezioni tre grandi formazioni: la DC, Democrazia Cristiana, che ottiene il 35,2% dei voti pari a 207 seggi (Andreotti viene eletto deputato all’assemblea costituente), il PSIUP, Partito Socialista con il 20,7% dei voti ottenendo 115 seggi e il PCI, Partito Comunista con il 18,9% di suffragi pari a 104 seggi.
Manifesto del Partito
Socialista, il PSIUP.
La tradizione liberale (riunita nella coalizione Unione Democratica Nazionale), protagonista della politica italiana nel periodo precedente la dittatura fascista, con il 6,8% dei consensi ottenne 41 deputati, il Partito Repubblicano, anch'esso d'ispirazione liberale ma con un approccio progressista rispetto ai temi sociali, con il 4,4% di voti ottiene 23 seggi, mentre il Partito d'Azione, nonostante un ruolo di primo piano nella Resistenza, ha solo l'1,5% di consensi, corrispondente a 7 seggi.
Manifesto del PCI
Fuori dal coro, in opposizione alla politica dei partiti formatari il CLN, i voti dei sostenitori del precedente regime fascista affluiscono nelle formazioni dell'Uomo Qualunque, che ottiene il 5,3%, con 30 seggi assegnati e nel Blocco Nazionale della Libertà, lista elettorale d'ispirazione conservatrice e monarchica costituita, proprio in occasione delle elezioni per l'Assemblea Costituente del 1946, da: Partito Democratico Italiano (PDI), Concentrazione Nazionale Democratica Liberale (CNDL) e Centro Democratico (CD) che ottiene 637.328 voti (pari al 2,77%) e 16 seggi sui 556 assegnati e che già prima della conclusione dei lavori della Costituente, vede i propri membri dividersi tra il Partito Liberale Italiano, il Fronte dell'Uomo Qualunque e il nascente Partito Nazionale Monarchico.

Il PSIUP consegue un grande risultato: con il 20,68% dei voti e 115 deputati su 556, è il secondo partito della Repubblica, dopo la Democrazia Cristiana (con il 35,21 % dei voti e 207 deputati) e il primo partito della sinistra, prima del PCI (con il 18,93 % dei voti e 104 deputati). Forte di questo risultato, ma non considerando abbastanza la scarsa presenza del PSIUP fra i giovani e nelle grandi aree urbane, Nenni insistette nella sua politica di stretta alleanza politica coi comunisti.
Da notare che la somma di socialisti e comunisti, superando la DC, provocherà, sia nel Vaticano che negli USA, un allarme rosso foriero di misure mirate ad escludere le sinistre dal potere.

Enrico De Nicola
Enrico De Nicola è eletto dall'Assemblea Costituente come capo provvisorio dello Stato al primo scrutinio, il 28 giugno 1946, con 396 voti su 501 votanti e 573 aventi diritto (il 69,1%), e assume la carica il 1º luglio 1946. Enrico De Nicola (Napoli, 9 novembre 1877 - Torre del Greco, 1º ottobre 1959), è un politico di area liberale giolittiana e avvocato e sarà il primo presidente della Repubblica Italiana. L'elezione di De Nicola a capo provvisorio dello Stato è il frutto di un lungo lavoro "diplomatico" fra i vertici dei principali partiti politici, i quali avevano convenuto che si dovesse eleggere un presidente capace di riscuotere il maggior gradimento possibile presso la popolazione affinché il trapasso al nuovo sistema fosse il meno traumatico possibile. Si convenne perciò che si dovesse scegliere un meridionale, a compensazione della provenienza settentrionale della maggioranza dei leader politici e che (stante il risicato - e da parte monarchica contestato - scarto dei risultati del referendum istituzionale) dovesse trattarsi di un monarchico. L'iniziale contrapposizione delle candidature di Vittorio Emanuele Orlando (proposto da DC e destre) e di Benedetto Croce (proposto dalle sinistre e dai laici) si protrasse sterilmente per lungo tempo e tardò a essere composta, per evolvere infine nella comune indicazione di De Nicola, grazie principalmente all'incessante opera di convincimento condotta dal democristiano De Gasperi. Successivamente anche dall'interessato venne un supplemento di ritardo, esasperante per l'alternanza di orientamenti, ora positivi, ora negativi, che pareva esternare. Di fronte alle difficoltà si chiese all'avvocato Porzio di Napoli di convincere De Nicola che, alla fine, accettò e fu eletto Capo provvisorio dello Stato dall'Assemblea Costituente il 28 giugno 1946, ricoprì tale carica dal 1º luglio dello stesso anno fino al 31 dicembre 1947. Il 1º gennaio 1948, a norma della prima disposizione transitoria e finale della Costituzione, esercitò le attribuzioni e assunse il titolo di presidente della Repubblica, mantenendolo fino al successivo 12 maggio. De Nicola aveva ricoperto numerosi altri incarichi pubblici ed in particolare è l'unico ad aver ricoperto sia la carica di presidente del Senato che quella di presidente della Camera dei deputati. Nella sua vita è stato anche il primo presidente della Corte Costituzionale, trovandosi così ad aver ricoperto quattro delle cinque maggiori cariche dello stato.

De Nicola, in qualità di Capo provvisorio dello Stato, nomina così il primo governo dell'Italia repubblicana, il De Gasperi II, composto da esponenti della Democrazia Cristiana, del Partito Comunista Italiano, del Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (già, e poi nuovamente, PSI) e del Partito Repubblicano Italiano. Vi partecipa inoltre il liberale Epicarmo Corbino, a titolo di esperienza pregressa personale e nel quadro di unità nazionale derivato dal Comitato di Liberazione Nazionale. Il governo rimane in carica dal 14 luglio 1946 al 2 febbraio 1947, per un totale di 203 giorni, ovvero 6 mesi e 19 giorni e rassegnerà le dimissioni, andando in crisi il 20 gennaio 1947 in seguito alla scissione di Palazzo Barberini, in cui i fuorusciti dal PSIUP origineranno il Partito Socialista dei Lavoratori Italiani (PSLI), il futuro PSDI, Partito Socialista Democratico Italiano. L'esecutivo era così composto:
Presidente del Consiglio dei ministri: Alcide De Gasperi (DC)
Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri: Paolo Cappa (DC)
Ministri senza portafoglio: Pietro Nenni (PSIUP) con incarico per la Costituente, soppresso con decreto
legislativo del capo provvisorio dello Stato del 02/08/46 e Cino Macrelli (PRI)
Affari esteri: Ministro, Alcide De Gasperi (DC) ad interim fino al 18/10/46
poi, Pietro Nenni (PSIUP) dal 18/10/46
Sottosegretari, Antonio Giolitti (PCI) fino al 18/10/46, poi Giuseppe Brusasca (DC), Giuseppe Lupis (PSIUP)
Africa Italiana: Ministro, Alcide De Gasperi (DC), ad interim
Interno: Ministro, Alcide De Gasperi (DC), ad interim
Sottosegretari, Angelo Corsi (PSIUP)
Grazia e Giustizia: Ministro, Fausto Gullo (PCI)
Sottosegretari, Achille Marazza (DC)
Finanze: Ministro, Mauro Scoccimarro (PCI)
Sottosegretari, Salvatore Scoca (DC) fino al 18/10/46, poi Giuseppe Pella (DC)
Tesoro: Ministro, Epicarmo Corbino (PLI) fino al 18/09/46, poi Giovanni Battista Bertone (DC)
Sottosegretari, Raffaele Pio Petrilli (DC), Vincenzo Cavallari (PCI)
Guerra: Ministro, Cipriano Facchinetti (PRI)
Sottosegretari, Enrico Martino (PRI), Luigi Chatrian (DC) fino al 18/10/46
Aeronautica: Ministro, Mario Cingolani (DC)
Sottosegretari, Giosuè Fiorentino (PSIUP)
Marina Militare: Ministro, Giuseppe Micheli (DC)
Sottosegretari, Vito Mario Stampacchia (PSIUP) dal 18/10/46
Assistenza Postbellica: Ministro, Emilio Sereni (PCI)
Sottosegretari, Luigi Cacciatore (PSIUP), Giovanni Carignani (DC)
Industria e Commercio: Ministro, Rodolfo Morandi (PSIUP)
Sottosegretari, Roberto Tremelloni (PSIUP), Giuseppe Brusasca (DC) fino al 18/10/46, poi Mario Assennato (PCI)
Commercio con l'Estero: Ministro, Pietro Campilli (DC)
Sottosegretari, Giuseppe Chiostergi (PRI)
Agricoltura e Foreste: Ministro, Antonio Segni (DC)
Sottosegretari, Velio Spano (PCI)
Lavori Pubblici: Ministro, Giuseppe Romita (PSIUP)
Sottosegretari, Pier Carlo Restagno (DC)
Lavoro e Previdenza Sociale: Ministro, Ludovico D'Aragona (PSIUP)
Sottosegretari, Gennaro Cassiani (DC)
Trasporti: Ministro, Giacomo Ferrari (PCI)
Sottosegretari, Angelo Raffaele Jervolino (DC)
Marina Mercantile: Ministro, Salvatore Aldisio (DC)
Sottosegretari, Giuseppe Montalbano (PCI)
Poste e Telecomunicazioni: Ministro, Mario Scelba (DC)
Sottosegretari, Luigi De Filpo (PCI)
Pubblica Istruzione: Ministro, Guido Gonella (DC)
Sottosegretari, Giuseppe Salvatore Bellusci (PRI)

Composizione della
assemblea costituente.
L'Assemblea Costituente, costituendo l'unico corpus parlamentare della neonata Repubblica, oltre a votare la fiducia ai governi che si susseguirono in quel periodo, procedeva alla stesura della Costituzione della Repubblica Italiana nella sua forma originaria. Le sedute si svolsero fra il 25 giugno 1946 e il 31 gennaio 1948. 

Giorgio La Pira (politico e docente siciliano, fra i primi ad aderire alla D.C., sindaco di Firenze, terziario domenicano e francescano, appartenente all'Istituto Secolare dei Missionari della Regalità di padre Agostino Gemelli e servo di Dio per la Chiesa cattolica) sintetizzò le due concezioni costituzionali e politiche alternative dalle quali si intendeva differenziare la nascente Carta, distinguendone una "atomista, individualista, di tipo occidentale, rousseauiana ed una "statalista, di tipo hegeliano". Secondo i costituenti, riferì La Pira, si pensò di differenziarla nel principio che, per il pieno sviluppo della persona umana, a cui la nostra Costituzione doveva tendere, era necessario non soltanto affermare i diritti individuali, non soltanto affermare i diritti sociali, ma affermare anche l'esistenza dei diritti delle comunità intermedie che vanno dalla famiglia alle comunità religiose fino alla comunità internazionale.

La linea politica di Nenni, che riteneva indispensabile l'attiva collaborazione col PCI venne confermata da un nuovo patto di unità d'azione PCI - PSIUP stretto il 25 ottobre 1946, mentre il gruppo di Saragat trovava diretta conferma alle proprie tesi, e cioè che l'alleanza col PCI avrebbe solo rafforzato quest'ultimo, dai risultati delle elezioni amministrative del 10 novembre dello stesso anno: il Partito Comunista superava per la prima volta i socialisti, divenendo la prima forza della sinistra italiana. Mentre Nenni, tralasciando la riduzione del numero dei votanti socialisti, sottolineava la crescita elettorale globale della sinistra interpretandola come una vittoria, Saragat in un'intervista sostenne invece che la dirigenza del partito paralizzava l'azione socialista, con l'effetto ultimo che avrebbe portato lo stesso alla dissoluzione.

L'11 gennaio 1947, l'ala democratico-riformista guidata da Giuseppe Saragat, al termine di una concitata riunione presso Palazzo Barberini in Roma, esce dal PSIUP e da vita al Partito Socialista dei Lavoratori Italiani (PSLI), il futuro PSDI, Partito Socialista Democratico Italiano, riprendendo il nome deciso dal 2° Congresso socialista di Reggio Emilia nel 1893 e poi adottato negli anni dell'esilio a Parigi. La scissione costa al PSIUP la trasmigrazione nel nuovo partito di 50 parlamentari socialisti e di una folta schiera di dirigenti e intellettuali, fra cui Paolo Treves, Ludovico D'Aragona, Giuseppe Emanuele Modigliani e Angelica Balabanoff. Il PSIUP guidato da Nenni, per evitare che il nuovo partito di ispirazione socialista fondato da Saragat possa utilizzarne la denominazione, decide di riprendere il vecchio nome di PSI, Partito Socialista Italiano. Sembra che nel gruppo di socialisti che si riconoscevano in Saragat, aleggiasse la preoccupazione che eventuali rivendicazioni e conquiste della classe operaia, avrebbero potuto favorire l'ascesa di movimenti di destra autoritaria, come era avvenuto nel primo dopoguerra col fascismo.

Il Governo De Gasperi III è stato il secondo governo della Repubblica Italiana, in carica dal 2 febbraio 1947 al 1º giugno 1947, per un totale di 118 giorni, ovvero 3 mesi e 29 giorni. Questo governo, nato dal nuovo assetto politico causato dalla scissione di palazzo Barberini in casa socialista, si dimise poi a causa della rottura politica fra i democristiani ed i social-comunisti che si era creata a causa delle mire fortemente anti social-comuniste del presidente statunitense Harry Truman. Il governo era composto da : Democrazia Cristiana (DC), Partito Comunista Italiano (PCI), Partito Socialista Italiano (PSI) e vi partecipava inoltre il repubblicano Carlo Sforza, a titolo di esperienza pregressa personale e nel quadro di unità nazionale derivato dalla Resistenza. Sarà l'ultimo governo di unità nazionale antifascista.

Giuseppe Consoli - Portella della Ginestra, 1951.
Il 1º maggio 1947, si tornava a festeggiare la festa dei lavoratori, spostata al 21 aprile, ossia al Natale di Roma, durante il regime fascista. Circa duemila lavoratori della zona di Piana degli Albanesi, San Giuseppe Jato e San Cipirello, in prevalenza contadini, si riunirono in località Portella della Ginestra, nella vallata circoscritta dai monti Kumeta e Maja e Pelavet, per manifestare contro il latifondismo, a favore dell'occupazione delle terre incolte e per festeggiare la vittoria del Blocco del Popolo nelle recenti elezioni per l'Assemblea Regionale Siciliana, svoltesi il 20 aprile di quell'anno e nelle quali la coalizione PSI - PCI aveva conquistato 29 rappresentanti su 90 (con il 29% circa dei voti) contro i soli 21 della DC (crollata al 20% circa). Improvvisamente dal monte Pelavet partirono sulla folla in festa numerose raffiche di mitra, che si protrassero per circa un quarto d'ora e lasciarono sul terreno undici morti (nove adulti e due bambini) e ventisette feriti, di cui alcuni morirono in seguito per le ferite riportate.
Nel mese successivo alla strage di Portella della Ginestra, avvennero attentati con mitra e bombe a mano contro le sedi del PCI di Monreale, Carini, Cinisi, Terrasini, Borgetto, Partinico, San Giuseppe Jato e San Cipirello, provocando in tutto un morto e numerosi feriti: sui luoghi degli attentati vennero lasciati dei volantini firmati dal bandito Salvatore Giuliano che incitavano la popolazione a ribellarsi al comunismo.
La CGIL proclamò lo sciopero generale, accusando i latifondisti siciliani di voler “soffocare nel sangue le organizzazioni dei lavoratori”. Solo quattro mesi dopo si seppe che a sparare a Portella della Ginestra e a compiere gli attentati contro le sedi comuniste erano stati gli uomini del bandito separatista Salvatore Giuliano, ex colonnello dell'E.V.I.S., l'Esercito volontario per l'indipendenza della Sicilia, formazione paramilitare clandestina, creata da Antonio Canepa (conosciuto con lo pseudonimo Mario Turri), che ne fu il primo comandante, nel febbraio del 1945 e che rappresentò la formazione armata separatista fiancheggiatrice del Movimento Indipendentista Siciliano. L'EVIS si prefiggeva da un lato il sabotaggio del governo italiano con azioni di guerriglia e dall'altro di imprimere al processo indipendentista siciliano una soluzione repubblicana. Si sciolse di fatto il 29 dicembre 1945 con l'arresto del suo ultimo "comandante", Concetto Gallo. Il rapporto dei carabinieri sulla strage faceva chiaramente riferimento ad "elementi reazionari in combutta con i mafiosi". Per alcuni studiosi, la strage di Portella della Ginestra è la prima della "strategia della tensione" da parte del potere democristiano-mafioso al fine di arginare le rivendicazioni delle sinistre.

Mario Scelba
Mario Scelba è stato ministro dell'Interno dal 2 febbraio 1947 al 7 luglio 1953 e dal 26 luglio 1960 al 21 febbraio 1962. Di fronte alla strage di Portella della Ginestra del 1º maggio 1947, l'atteggiamento del ministro dell'interno fu inizialmente teso a minimizzare l'accaduto, definendo l'eccidio un caso circoscritto di «banditismo feudale», negandone la natura politica. A questo atteggiamento reticente, smentito dagli stessi proclami istericamente anticomunisti del bandito Salvatore Giuliano, seguì una vasta serie di operazioni militari che portarono infine all'uccisione del bandito. Uno dei provvedimenti presi da Scelba fu la creazione, il 26 agosto 1949, del Comando forze repressione banditismo al cui vertice fu posto il colonnello dei Carabinieri Ugo Luca proveniente dal Servizio Informazioni Militare e da pochi giorni in servizio all'Ispettorato generale di polizia in Sicilia. Aveva ai suoi ordini 27 ufficiali dei carabinieri e 16 della polizia, e 2000 uomini (1.500 carabinieri e 500 poliziotti). Capo di stato maggiore fu l'allora capitano dei carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa (che verrà poi ucciso dalla mafia nel 1982) mentre il responsabile del nucleo informazioni era il tenente colonnello Giacinto Paolantonio.
In pochi mesi fu fatto il vuoto intorno a Giuliano, catturando o uccidendo diversi membri della banda e il 3 luglio 1950 a Castelvetrano uomini del corpo, al comando del capitano Antonio Perenze, dichiararono di aver ucciso il bandito. In realtà quella fu la versione ufficiale imposta dal Comando generale dell'Arma, perché Giuliano era stato ucciso nel sonno dal cugino e luogotenente Gaspare Pisciotta, che era informatore degli uomini del colonnello Luca, che fu poi promosso generale e il reparto sciolto.
A proposito della strage di Portella della Ginestra del 1º maggio 1947, il nome di Mario Scelba quale mandante fu proferito sia da Gaspare Pisciotta, cugino, luogotenente e assassino di Salvatore Giuliano, che da altri banditi in relazione ai gravissimi fatti avvenuti in Sicilia. Da diversi storici è stato investigato quale elemento chiave delle connessioni di potere che in un modo o in un altro avrebbero contribuito alla strage medesima e che, al fine di eliminare definitivamente ogni traccia, avrebbero poi deciso l'uccisione del capobanda di Montelepre, avvenuta il 5 luglio 1950. Ricostruzioni e ipotesi su quei fatti risultano, fra le tante, nell'opera “Il binomio Giuliano-Scelba” di Carlo Ruta (1995), in “Salvatore Giuliano” di Giuseppe Casarrubea (2001) e in “Segreti di Stato” di Paolo Benvenuti (2003), tuttavia non fu mai portata alcuna prova e nulla fu mai accertato. Secondo lo storico Giuseppe Carlo Marino, docente ordinario dell'Università di Palermo, Scelba, divenuto Ministro dell'Interno il 2 febbraio 1947, diede il via a una politica repressiva antidemocratica verso gli scioperi causando numerose vittime e feriti nel corso della sua funzione pubblica. Sempre secondo il parere di tale studioso, l'avversione a idee di giustizia sociale di stampo socialcomunista in nome di una priorità di ordine economico portò a violare le libertà costituzionali di opinione e assemblea agli appartenenti alle formazioni sindacali e delle sinistre.

E' questo il momento cruciale che deciderà i destini della Repubblica italiana. Lo scenario politico-economico, non solo nazionale, presenta fondamentalmente quattro nuovi elementi rispetto al passato:
1) Gli ideali marxisti ottocenteschi dell'Internazionale Socialista che avevano ispirato le rivolte di disoccupati, operai e contadini mal-occupati nel biennio rosso in Italia, (1919-1920) che rivendicavano lavoro sostenibile e reddito dignitoso, erano stati anestetizzati, se non traditi, dagli inetti quadri del partito socialista e dei sindacati e la loro ritrosia a pretendere riforme in tal senso, aveva convinto alcuni di essi a costituire il Partito Comunista d'Italia nel 1921. Per tutta risposta, il re, gli apparati di stato, il mondo dei "moderati" e "benpensanti" avevano appoggiato, favorito o finanziato le reazioni squadriste dei fascisti, fino alla dittatura e alla soppressione dei diritti delle persone, come del resto è avvenuto e sta avvenendo tuttora altrove. Le "chiese", da parte loro, non potrebbero certo non ostacolare una politica laica e atea come quella di stampo marxista. Quindi, storicamente, alle rivendicazioni dei disoccupati, della classe operaia e contadina per una distribuzione dei redditi e delle risorse, si tende a rispondere con la repressione e il condizionamento: fisico e/o psicologico-mentale... quest'ultimo spesso appannaggio delle religioni.
2) A questo proposito, dall'unità d'Italia la Chiesa si era mantenuta perlopiù fuori dalle ingerenze politiche e il suo avvicinamento al Parlamento era iniziato solo nel 1909, con il patto Gentiloni (parente del nostro attuale presidente del consiglio) che permetteva l'elezione di clericali nelle liste liberali. Ci fu poi con la costituzione del Partito Popolare di don Luigi Sturzo che comunque riscosse una malcelata diffidenza dalla santa sede.
Il Regno d'Italia aveva sottratto il potere temporale al papa e Cavour proclamava: "Libera Chiesa in libero Stato" ma il fascismo, con Patti Lateranensi aveva sdoganato il clero, che da allora gestiva capitali, istruzione, produceva armamenti che vendeva allo Stato e benediva le truppe in partenza per colonizzare l'Africa.
Ora nel parlamento non c'era più ne la maggioranza liberale fieramente anticlericale del Regno d'Italia, ne l'accondiscendente dittatore fascista, ma un fronte social-comunista, diviso, di matrice ateo-marxista appena superiore come numero agli esponenti della DC, un partito prettamente clericale, generato fra le sottane stesse dei prelati che comunque guidava il paese con i suoi governi, allargati comunque anche ai partiti antifascisti compagni d'armi nella Resistenza... fattore abbastanza increscioso per il Vaticano, al cui interno era affluita anche la massoneria, che in altri tempi aveva fortemente contribuito all'unità di un'Italia laica e che si era ormai svilita a quello che è tutt'oggi: un assembramento di persone di ogni livello sociale volto a favorire gli interessi dei propri affiliati, svilendo i principi di meritocrazia e di pari opportunità per ogni persona
3) La conclusione della prima guerra mondiale aveva sancito la fine di un mondo governato dall'Europa, che si era fortemente indebitata con gli USA, diventati la prima potenza industriale e la valuta internazionalmente riconosciuta non era più la sterlina ma il dollaro, mentre la Russia, che era uscita a caro prezzo dall'orbita europea nel 1917 si era trasformata in una potenza al di fuori dell'economia internazionale e che era stata determinante per la sconfitta della Germania nazista. L'Europa, in primis la Francia, fra l'altro, non ha mai riconosciuto la propria responsabilità per la nefasta evoluzione del nazismo, vista la massiccia disoccupazione ed impoverimento avvenuti nella Germania post-imperiale per gli esorbitanti debiti di guerra richiesti.
Dal 4 all'11 febbraio 1945, alla Conferenza di Jalta, in Crimea, Churchill, Roosevelt e Stalin definirono il nuovo assetto europeo una volta vinta la guerra, che probabilmente consisteva nel reciproco diritto di controllo dei territori occupati durante il conflitto. L'alleanza in tempo di guerra tra Stati Uniti ed Unione Sovietica fu un'eccezione del normale tenore delle relazioni tra i due paesi. La rivalità strategica tra le due vaste nazioni, future superpotenze, risaliva al 1890 quando, dopo un secolo di amicizia, durante il quale, fra l'altro, la Russia aveva venduto agli USA l'Alaska, americani e russi divennero rivali fin dallo sviluppo della Manciuria e ancora durante il secondo conflitto mondiale, i sovietici non dimenticavano le ripetute assicurazioni, a lungo disattese, di Franklin D. Roosevelt, che USA e Regno Unito avrebbero aperto un secondo fronte sul continente europeo. Infatti, mentre gli USA combattevano nel Mediterraneo e in Italia, distruggendone inutilmente con bombardamenti città e infrastrutture nel nord e centro-nord, prestavano aiuto ai sovietici solo bombardando pesantemente l'Europa continentale: un'invasione Alleata su vasta scala del continente avvenne solo nel D-Day del giugno 1944, più di due anni dopo la richiesta dei sovietici. Per cui, alla fine della guerra, l'URSS aveva sofferto perdite tremende, fino a venti milioni di morti, per quanto fu con la battaglia di Stalingrado (l'odierna Volgograd) che i nazi-fascisti iniziarono la loro ritirata fino a Berlino stessa, che capitolò comunque all'Armata Rossa.
Nel mondo ora, vi sono due superpotenze vittoriose e di fatto svincolate dall'Europa, con economie e valori contrapposti, mire imperialistiche a parte.
Nonostante i precedenti, a Jalta, Franklin Delano Roosevelt doveva essere sinceramente convinto dell'esigenza di una pace mondiale duratura e probabilmente non pensava di aprire le ostilità contro Stalin, come invece avrebbe fatto Winston Churchill... ma morì il 12 Aprile 1945. Gli successe Harry S. Truman, che diventò presidente degli USA dall'aprile 1945 e che era determinato ad aprire i mercati mondiali al capitalismo e a modellare il mondo del dopoguerra secondo i principi stilati nella Carta Atlantica: autodeterminazione, pari accesso economico e un ricostruito capitalismo in Europa. Ma non solo: Truman, e Eisenhower dopo di lui, si impegnarono soprattutto in una competizione internazionale con l'URSS e il blocco comunista. La lotta al comunismo ebbe risvolti anche all'interno degli USA, dando luogo ad una vera e propria “caccia al comunista”, il Maccartismo mentre all'esterno, vista l'impossibilità di fronteggiarsi con le armi, a causa della grande potenza distruttiva degli armamenti nucleari che entrambe le superpotenze possedevano, prese avvio la Guerra Fredda fra i due blocchi.
Nello stesso1947 scatta in aiuto dell'Europa distrutta, il Piano Marshall, che serviva a dissuadere le simpatie verso il mondo comunista e a ricostruire il capitalismo in Europa da una parte e a finanziare una ricostruzione dai danni provocati in larga parte dai bombardamenti angloamericani stessi dall'altra.
4) L'Italia, da parte sua, con ancora le truppe d'occupazione alleate sul suo territorio, il 10 febbraio 1947 firma il trattato di pace, a Parigi, tra lo Stato italiano, sconfitto, e le potenze vincitrici della seconda guerra mondiale, che mette formalmente fine alle ostilità.
Già l'Italia era stata penalizzata nel trattato di pace di Parigi finita la prima guerra mondiale, per quanto potenza vincitrice poiché alla fine del 1917, dopo la rivoluzione bolscevica d'ottobre, disintegrato l'impero degli zar, il governo rivoluzionario russo decise di uscire dallo stato di guerra, firmando poi il Trattato di Brest Litovsk con gli imperi centrali il 3 marzo '18, mentre dava immediata e massima pubblicità ai patti diplomatici segreti rinvenuti negli archivi zaristi. Tra di essi si rinviene il "Patto di Londra", la cui pubblicazione ebbe vasta risonanza internazionale, causando grave imbarazzo alle potenze firmatarie e suscitando inquietudine presso l'opinione pubblica mondiale, ponendo in scacco il metodo della "diplomazia segreta", seguito da decenni dalle potenze europee. L'emergere del Patto di Londra diede il via ad una modifica degli orientamenti politici internazionali che influenzò notevolmente sulla sua non completa attuazione a guerra finita. La risoluta opposizione alla diplomazia segreta e la sua denuncia quale metodo inaccettabile nelle relazioni internazionali, fu uno dei principali motivi ispiratori della stesura, da parte del presidente degli Stati Uniti d'America, Woodrow Wilson, dei suoi celebri "Quattordici punti" e, non a caso, il presidente statunitense si oppose risolutamente alla completa realizzazione delle rivendicazioni territoriali italiane basate sul Patto di Londra non riconoscendo ad esso, come ad accordi similari con altri paesi, alcuna validità.
Dopo gli eventi dolorosi patiti dal popolo italiano fra cui sono da ricordare, oltre agli eccidi, le torture, le impiccagioni e le fucilazioni dei fascisti repubblichini con le SS e le SA naziste, le stragi di comunità di civili da parte delle truppe tedesche, le stragi da bombardamenti aerei e de terra “alleati”, gli stupri sistematici delle truppe franco-marocchine, l'esodo dalle loro terre di oltre 300.000 istriani, fiumani e dalmati tra il 1945 e il 1947, quello che l’Italia firma il 10 febbraio 1947 con le potenze vincitrici della Seconda guerra mondiale, più che un “trattato di pace” è un “diktatpunitivo imposto senza possibilità di negoziato a un Paese nemico sconfitto che si è arreso “senza condizioni” nel settembre 1943 e non viene tenuta in considerazione la Resistenza, la guerra civile italiana che ha liberato l'Italia dalla RSI, lo stato-fantoccio nazi-fascista e che ha partecipato alla Liberazione dell'Italia a nord della Linea Gotica: cessione alla Iugoslavia di quasi tutta la Venezia Giulia (l’alta valle dell’Isonzo con l’entroterra fino al crinale delle Alpi Giulie, gran parte del Carso goriziano e triestino, l’Istria), delle città di Fiume e Zara e dell’isole della Dalmazia (Cherso, Lussino, Lagosta, Pelagosa); perdita di Trieste, costituita in Territorio libero (fino al 1954); cessione alla Francia di un’area di 770 kmq sul confine occidentale (i comuni di Briga e Tenda, il passo del Monginevro, la Valle Stretta del monte Thabor, parte del Moncenisio con le centrali idroelettriche, parte del Piccolo San Bernardo); rinuncia a tutti i possedimenti coloniali (Etiopia, Eritrea, Somalia, Libia, Albania, isole del Dodecaneso, concessione cinese di Tientsin o Tianjin); consegna di gran parte della flotta e di molti beni italiani all’estero; pagamento di ingenti indennizzi; disarmo; smilitarizzazione delle zone di confine per una fascia di 20 km.
Alcide De Gasperi cerca di far valere i meriti acquisiti, dopo la resa, dalla cobelligeranza antitedesca delle nostre residue forze armate e delle formazioni partigiane con più di 150.000 caduti, dalla sollevazione che ha liberato le regioni del nord il 25 aprile 1945, dalla scelta democratica e repubblicana dell’Italia sancita con il voto popolare del 2 giugno 1946: nessuna delle sue proposte di alleggerimento dei castighi e degli indennizzi stabiliti da Usa, Urss, Gran Bretagna e Francia, viene accolta.
Dal discorso che lo statista democristiano tenne alla Conferenza di pace di Parigi il 10 agosto 1946, quando finalmente fu ammesso alla tribuna: “Prendendo la parola in questo consesso mondiale sento che tutto, tranne la vostra personale cortesia, è contro di me: è soprattutto la mia qualifica di ex nemico, che mi fa considerare come imputato; è l’essere citato qui dopo che i più influenti di voi hanno già formulato le loro conclusioni”. Tre giorni prima, alla partenza da Roma, De Gasperi aveva dichiarato ad un redattore dell’Ansa: “Non so nemmeno se parto come imputato. Direi che la mia posizione è per quattro quinti quella di imputato come responsabile di una guerra che non ho fatto e che il popolo non ha voluto, per un quinto quella di cobelligerante. La figura di cobelligerante è riconosciuta nel preambolo del Trattato come principio, ma nel testo si tiene invece conto dei quattro quinti, rappresentati dalla guerra perduta e non del quinto costituito dalla nuova guerra che abbiamo combattuto a fianco degli Alleati. Tutto lo sforzo che bisogna fare è ricordare agli Alleati che li abbiamo chiamati così perché li abbiamo creduti tali”.
Il Diktat di Parigi suscitò profonda indignazione tra le forze politiche italiane, e molti proponevano di non firmarlo. Fra questi: Vittorio Emanuele Orlando, primo ministro della Vittoria del 1918; Luigi Sturzo, fondatore nel 1919 del Partito Popolare Italiano; il filosofo liberale Benedetto Croce.
De Gasperi, però, avvertiva che la situazione determinata dalla disfatta era tale per cui, anche se le condizioni imposte dai vincitori fossero state peggiori, l’Italia non avrebbe potuto fare altro che eseguirle. Tuttavia, distingueva tra l’atto imposto della firma e la sua accettazione morale, ricordando che nel 1919 i tedeschi avevano firmato ma non accettato il Trattato di Versailles. La firma - sosteneva - era necessaria per porre fine all’occupazione militare, ripristinare l’indipendenza della nazione, chiudere un capitolo doloroso della storia d’Italia e aprirne uno nuovo, di ricostruzione e di pace.
In effetti, il castigo dell’Italia sconfitta avrebbe potuto essere di gran lunga più duro: si salvò l’Alto Adige, grazie anche all’accordo “De Gasperi-Grüber” con l’Austria del 5 settembre 1946 sulle garanzie alla minoranza di lingua tedesca; si salvò la Valle d’Aosta, che la Francia del generale De Gaulle aveva tentato di annettersi occupandola militarmente nel marzo del 1945 e soprattutto, si scongiurò una divisione punitiva dello Stato italiano come quella inflitta dai vincitori alla Germania fino al 1989 e all’Austria fino al 1955, grazie all’insurrezione partigiana del 25 aprile 1945, che pose fine alla Repubblica di Salò impedendo trattative di pace separate con i fascisti repubblichini.
La decisione di firmare il Trattato, sia pure con riserva di ratifica da parte dell’Assemblea Costituente, fu presa il 7 febbraio 1947 dal Consiglio dei ministri, che ne affidò il triste compito a un ambasciatore, Antonio Meli Lupi (marchese) di Soragna, il quale avrebbe conferito al gesto il basso profilo di un adempimento burocratico. Spedito a Parigi come plenipotenziario, l’anziano diplomatico firmò il librone del Trattato alle ore 11,15 del 10 febbraio, nella Sala dell’Orologio del Quai d’Orsay e, in mancanza di un sigillo della Repubblica Italiana da apporre su un bollo di ceralacca, vi lasciò l’impronta del suo anello con lo stemma gentilizio. In quel momento, tutta l’Italia era in lutto, con le bandiere a mezz’asta, e immobilizzata in segno di protesta da uno sciopero generale di dieci minuti.
Il giorno precedente, il Nuovo Corriere della Sera aveva così descritto la disfatta: “L’Italia è mutilata nel suo territorio, disarmata per ogni eventualità di difesa, privata della flotta e delle colonie, umiliata e rovinata, senza contare le distruzioni innumerevoli delle sue città, grandi e piccole”.
L’Assemblea Costituente approvò la ratifica il 31 luglio 1947, dopo un acceso dibattito, con 262 voti favorevoli (democristiani, repubblicani, socialdemocratici), 68 contrari, 80 astensioni (dei comunisti) e l’uscita dall’aula dei socialisti di Nenni.
Il Trattato entrò in vigore il vigore il 15 settembre successivo, e da quella data cominciarono a decorrere i 90 giorni previsti per lo sgombero delle truppe di occupazione, che si concluse una settimana prima del voto finale con cui, il 22 dicembre, l’Assemblea Costituente varò la Costituzione della Repubblica.
Dopodiché, il Diktat della sconfitta fu rapidamente rimosso dalla coscienza degli italiani, e ottenne pochissimo spazio nei testi di storia, perché la nuova Italia democratica voleva scrollarsi di dosso le responsabilità della guerra fascista, combattuta dalla parte di Hitler, e apparire piuttosto come vincitrice, nel 1945, con la guerra di liberazione dal nazifascismo, in modo da porre a fondamento della Costituzione della Repubblica un riscatto morale dell’identità nazionale.
Proprio questo è stato il significato dell’omaggio ai caduti delle Fosse Ardeatine come primo atto pubblico compiuto dal nuovo presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, eletto il 31 gennaio 2015.

La strategia  dei governi democristiani da qui in poi, sarà quella di orientare gli italiani verso una politica di riconciliazione con i paesi che prima erano stati nemici poi nuovi alleati, di auspicare la costruzione di un’Europa unita, di allearsi decisamente con la democrazia americana condividendone l'anticomunismo, elemento centrale per il Vaticano e intrattenere politiche di buon vicinato con la Iugoslavia comunista (per via della questione di Trieste e poiché non allineata a Mosca), in un'allerta militare e dei servizi segreti per incombenti minacce dal blocco sovietico. Infine, non prestare ascolto alle rivendicazioni sociali e non accettare alleanze con le sinistre per non dare spazio ad un risveglio di risentimenti nazionalistici, potenzialmente eversivi, che la destra neofascista cercava di fomentare.

Nel maggio del ‘47, il presidente del Consiglio De Gasperi si reca negli Stati Uniti d'America, ottenendo dal presidente Truman l'assicurazione di poderosi aiuti economici per la ricostruzione del Paese, in cui il deficit statale era ingente, il carovita non permetteva a buona parte della popolazione una vita dignitosa e in cui la guerra aveva distrutto edifici e infrastrutture. Il Piano Marshall divenne così un eccellente argomento propagandistico: esaltato dalla DC, fortemente osteggiato dalle sinistre poiché subordinato all'emarginazione di socialisti e comunisti dal governo italiano, che allora comprendeva ancora i partiti membri del Comitato di Liberazione Nazionale.

De Gasperi pone fine al periodo dei governi di Unità antifascista”, frutto delle intese intercorse all'interno del CLN.

Il Governo De Gasperi IV è stato il terzo governo della Repubblica Italiana, in carica dal 1º giugno 1947 al 24 maggio 1948, per un totale di 357 giorni, ovvero 11 mesi e 22 giorni.
La composizione del governo: Democrazia Cristiana (DC), Partito Socialista dei Lavoratori Italiani (PSLI), Partito Repubblicano Italiano (PRI) e Partito Liberale Italiano (PLI).
Nel IV Governo De Gasperi, varato con l'appoggio di una coalizione centrista a guida DC che includeva anche il PSLI e in cui Saragat ottiene l'incarico di Vicepresidente del Consiglio dei ministri, il PSI e il PCI, presenti nei precedenti governo finirono esclusiandando all'opposizione per la prima volta dalla costituzione della Repubblica Italiana e Giulio Andreotti diventa sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Il suo grande sponsor, l’uomo che spinge per la sua nomina è Giovan Battista Montini (il futuro Paolo VI, n.d.r.). Andreotti ha 28 anni e ricoprirà l’incarico fino al gennaio del 1954.

Per conto di De Gasperi Andreotti svolge missioni delicate. Quando all'inizio del ‘48 il governo italiano si trova tra le mani il documento costitutivo del Cominform, l’ufficio d’informazione creato un anno prima dai paesi del blocco sovietico, Andreotti va a Parigi e consegna il carteggio al governo francese perché lo faccia pubblicare. Il rapporto sul Cominform provoca sdegno in Italia e assieme all’emozione causata dall’invasione sovietica della Cecoslovacchia contribuirà alla vittoria della Dc nelle elezioni del successivo 18 aprile.

Il simbolo del PCI ridisegnato
da Renato Guttuso.
La fondazione del Cominform nel settembre 1947 è l'evento determinante della nuova impostazione della politica estera dell'Unione Sovietica, che esprime l'esigenza di ripristinare il coordinamento tra il Partito comunista russo e i partiti comunisti occidentali, a cui viene chiesta un'azione di opposizione incisiva verso i governi nazionali e il pieno allineamento all'URSS nella politica internazionale. Le critiche di Zdanov alla linea "parlamentare", del PCI sono durissime. Mosca infatti, avalla possibilità insurrezioniste e ciò riapre la frattura tra moderati e intransigenti all'interno del PCI, ma de facto, al momento delle decisioni, la direzione sovietica sostiene Togliatti e i moderati, decidendo di non esprimersi formalmente sulla situazione italiana, pur restando incisiva la sua azione di propaganda e la sua dissuasione nel PCI a sostenere e attivare nuove mobilitazioni sociali: strategia volta non a scatenare una grande guerra, ma a indebolire il blocco occidentale dall'interno, per consolidare la propria posizione.
La strategia del "partito nuovo" di Togliatti risulta quindi, in qualche modo, avallata dal PCUS: dopo un autunno in cui sostiene l'organizzazione aggressiva del malcontento popolare, il Partito trasforma la mobilitazione in campagna elettorale e concentra i suoi sforzi sulla conquista della maggioranza alle elezioni del 1948, lanciando quali parole d'ordine: rispetto della legalità costituzionale e azione contro l'imperialismo guerrafondaio, per la pace internazionale.

Lo scontro si sposta ben presto nelle piazze, con scioperi e proteste in diverse occasioni cui seguiranno le ferme risposte del governo che non potevano non rendere ancora più crudo lo scontro in atto. La fine della collaborazione tra tutti i partiti antifascisti non bloccò comunque i lavori, già avanzati, dell'Assemblea Costituente, che avrebbero dovuto terminare il 25 febbraio 1947 e si prolungarono invece fino al 22 dicembre 1947, con l'approvazione definitiva della Costituzione con 458 voti favorevoli e 62 contrari. A seguito di ciò l'Assemblea Costituente è sciolta e vengono indette nuove elezioni politiche.

Costituzione della Repubblica italiana, da: http://cmaps
public2.ihmc.us/rid=1M51LJ77F-19Z5NRJ-1P5M/
Costituzione%20della%20Repubblica%20Italiana.cmap
La Costituzione è promulgata il 27 dicembre 1947 ed entra in vigore il 1º gennaio 1948.
Nell'articolo 7 della Costituzione della Repubblica Italiana sono riconosciuti i Patti lateranensi: "Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti, accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale [cfr. art. 138]".

Palmiro Togliatti
Da: Piergiorgio Odifreddi, “Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici)”, collana Le spade, Longanesi, 2007, pgg.112-117.
...Nel 1947 i Patti Lateranensi, lungi dall’essere abrogati dopo la caduta del fascismo, furono annessi alla Costituzione repubblicana tramite il famigerato articolo 7, grazie al tradimento di Palmiro Togliatti. I comunisti votarono infatti a favore, insieme a democristiani e qualunquisti, mentre socialisti, repubblicani e azionisti votarono contro, e i liberali si divisero fra i due schieramenti: fu il primo caso, anche se purtroppo non l’ultimo, degli sciagurati compromessi antistorici che una sinistra “sinistra” ha più volte regalato ai clericali, per il loro interesse e la sua vergogna. Come degno ringraziamento a Togliatti, un decreto del Sant’Uffizio del 1° luglio1949 vietava ai cattolici, pena la scomunica, di aderire a (o anche solo collaborare con) partiti o movimenti di ispirazione comunista...

Manifesto della DC del 1948.
Manifesto del FDP nel '48.
Nonostante i mutamenti nelle strutture sociali e nel costume che si sviluppano nel dopoguerra, l'Italia (soprattutto grazie all'influenza delle gerarchie della Chiesa cattolica sul potere politico) rimane a lungo senza una legislazione sul divorzio.
Mentre le persone facoltose potevano rivolgersi al Tribunale ecclesiastico della Sacra Rota, con costi elevati, oppure far deliberare in Italia sentenze di divorzio pronunciate da tribunali di Paesi dove la legislazione locale consentiva il divorzio anche di cittadini stranieri (segnatamente il Messico e la Repubblica di San Marino), il resto dei coniugi che si separavano doveva rassegnarsi a non poter regolarizzare le unioni con i/le loro nuovi compagni/e ed i figli nati da esse, i quali, fino alla riforma del diritto di famiglia nel 1975, continuarono a subire discriminazioni.
Manifesto del FDP nel '48
Manifesto della DC nel '48

Terminata l'esperienza al governo e divenuto evidente che l'Italia guidata da De Gasperi prendeva ordini dal Vaticano e dagli USA (in chiave anti-socialcomunista, puntava sull'occidente e la NATO, il patto atlantico di alleanza militare in funzione anti-sovietica che sarà firmato a Washington D.C. il 4 aprile 1949), PCI e PSI decidono di fondare un'alleanza elettorale, presentando liste comuni: nasce così il Fronte Democratico Popolare.
La contrapposizione tra DC e FDP crea una sorta di bipolarismo che rispecchia fedelmente la divisione politica internazionale: la Guerra Fredda appena esplosa.

In vista delle elezioni del 1948, Scelba, come ministro dell'Interno, prepara lo Stato al possibile scoppio di una guerra civile, rafforzando la polizia, espellendo da essa elementi considerati (dal punto di vista scelbiano) di dubbia fedeltà, conseguenti ad arruolamenti provvisori avvenuti sul finire della guerra (polizia partigiana), e sostituendoli con uomini di fiducia (chiamati in maniera dispregiativa «scelbiatti») la cui risolutezza e spicciatività provoca tumulti sia in piazza che in Parlamento. Gli effettivi della polizia, dal luglio del 1947 al gennaio del 1948, aumenteranno di 30 mila unità, fino a raggiungere una forza complessiva di 70 mila uomini, in aggiunta ai 75 mila effettivi dell'arma dei carabinieri e ai circa 45 mila agenti della guardia di finanza. Il titolare dell'interno impegna la macchina organizzativa del ministero e delle questure nel lavoro per la costituzione e la dislocazione nelle aree nevralgiche del territorio nazionale di reparti mobili e di pronto intervento. La gestione di Scelba determina una rapida riorganizzazione del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza. La celere, nata sotto il suo predecessore Giuseppe Romita, cresce perfezionando l'equipaggiamento (è dotata di mitragliatrici pesanti e addirittura di mortai) e distinguendosi come un vero e proprio reparto di pronto impiego militare, idoneo a situazioni belliche che l'insorgente guerra fredda rende non improbabili. I reparti della celere divennero unità assai organiche e coese la cui complessità e consistenza quantitativa variavano in funzione dei problemi d'ordine pubblico previsti. Con le elezioni del 1948, Scelba diventerà deputato alla Camera dei deputati, dove sarà costantemente rieletto fino al 1968, quando passerà al Senato.

Manifesto della DC nel '48.
Manifesto del FDP nel '48.
La nuova divisione del mondo in due sfere d'influenza ebbero una grossa ripercussione sulle elezioni italiane.

La Chiesa cattolica intervenne direttamente nella contesa, la fede giocò un ruolo rilevante nella campagna elettorale e fu probabilmente un potente fattore di mobilitazione per i cattolici non interessati alla dialettica politica.
Manifesto della DC nel '48
Manifesto del FDP nel '48.

Pio XII, promuove una grande mobilitazione dei cattolici riformando l'Azione Cattolica.

Sostiene inoltre l'azione mediatica del "Movimento per un mondo migliore " di padre Riccardo Lombardi e Luigi Gedda.

Luigi Gedda, cattolico piuttosto intransigente ed integralista fonda, alla vigilia delle elezioni, i Comitati Civici a sostegno della Democrazia Cristiana contro il Fronte Democratico Popolare formato da Partito Socialista Italiano e Partito Comunista Italiano.

Manifesto del FDP nel '48.
Manifesto dell DC nel '48.
In vista delle elezioni, l'ala "destra" del PSI si unisce al PSLI, il Partito Socialista dei Lavoratori Italiani (nato dalla cosiddetta "scissione di Palazzo Barberini" nel 1947) a formare la lista Unità Socialista, mentre liberali e qualunquisti si uniscono nel Blocco Nazionale. Il PSLI di Saragat si presenta come forza indipendente "autenticamente socialista e democratica", schierata su un terreno di sinistra riformista e autonomista rispetto alla scena politica italiana, ma aperta anche al contributo di altre forze laico-riformiste di centro e di centrosinistra, nonché naturalmente a qualunque spezzone socialista e di sinistra che avversasse il PCI e l'Unione Sovietica.

Manifesto della DC nel '48.
Manifesto del FDP nel '48.
Tra gli altri aderisce alla proposta anche il gruppo fuoriuscito dal PSI guidato da Ivan Matteo Lombardo e comprendente, tra gli altri, intellettuali quali Ignazio Silone, Piero Calamandrei e Franco Venturi.
Tale operazione ingrossa e rafforza la lista Unità Socialista.

In vista delle elezioni che si approssimavano, la mobilitazione popolare fu ingente: centinaia di migliaia furono i militanti che in ogni parte d'Italia organizzavano comizi, affiggevano manifesti (quelle del 1948 furono le prime elezioni in cui divenne rilevante il ruolo della propaganda cartellonistica), praticavano proselitismo convincendo casa per casa gli elettori indecisi.
Manifesto della DC nel '48.
Per vastità della mobilitazione, numero di votanti e importanza della posta in gioco, le elezioni del 1948 segnano un unicum nella storia delle consultazioni elettorali italiane.
Manifesto della DC nel '48.

Rispetto alle precedenti elezioni le maggiori novità erano rappresentate da:
- la coalizione PSI-PCI, unita nel Fronte Democratico Popolare,
- la nuova formazione dei fuorusciti dal PSIUP ora nel PSLI, con altri movimenti nella lista Unità Socialista,
- la nuova formazione del MSI, il Movimento Sociale Italiano, che raccoglieva i nostalgici del fascismo e i neofascisti.

Le maggiori liste in corsa alle elezioni del '48 erano:
Lista:                                          Collocazione:                  Ideologia:
                                        
Democrazia Cristiana                     Centro          Cristianesimo democratico,                       Segretario:      
                                                                            Centrismo, Popolarismo,
                                                                           Antifascismo, Anticomunismo                   Attilio Piccioni
Fronte Democratico Popolare        Sinistra         Socialcomunismo, Comunismo,
                                                                       Marxismo-Leninismo, Antifascismo              Palmiro Togliatti
Unità Socialista                        Centro-sinistra      Socialdemocrazia, Socialismo               Ivan Matteo Lombardo
Blocco Nazionale                     Centro-destra    Liberalismo, Conservatorismo liberale,
                                                                                      Anticomunismo                             Roberto d'Aprigliano
Partito Nazionale Monarchico         Destra            Monarchismo, Conservatorismo
                                                                              nazionale, Anticomunismo                     Alfredo Covelli
Partito Repubblicano Italiano          Centro        Repubblicanesimo, Mazzinianesimo,
                                                                                      Centrismo                                     Giulio Andrea Belloni
Movimento Sociale Italiano        Estrema destra          Neofascismo, Nazionalismo,
                                                                          Socialismo nazionale, Anticomunismo,
                                                                                          Anticapitalismo                          Giorgio Almirante
Elezioni del '48 da: https://www.
uninfonews.it/25174-2/

Domenica 18 aprile 1948, si svolgono le elezioni politiche per la Camera e il Senato.

Nell'elezione della Camera dei deputati, su una popolazione stimata in 46.000.000 (nel censimento del 1936 gli abitanti erano 42.398.489 e 47.515.537 in quello del 1951) hanno diritto di voto 29.117.554 cittadini/e, pari al 63,29%, di cui i votanti sono 26.855.741, il 92,23% degli aventi diritto.

I risultati:
Lista                                                     Voti (%)                   Voti                            Seggi ottenuti su 574
Democrazia Cristiana (DC)                      48,51                 12.740.042                              305
Fronte Democratico Popolare (FDP)       30,98                   8.136.637                              183
Unità Socialista (US)                                  7,07                   1.858.116                                 33
Blocco Nazionale (BN)                               3,82                   1.003.727                                 19
Partito Nazionale Monarchico (PNM)         2,78                      729.078                                 14
Partito Repubblicano Italiano (PRI)            2,48                     651.875                                   9
Movimento Sociale Italiano (MSI)               2,01                      526.882                                   6
Partito Popolare Sudtirolese (PPST)         0,47                      124.243                                  3
Partito dei Contadini d'Italia (Pcd'I)            0,37                        95.914                                  1
Partito Cristiano Sociale (PCS)                  0,28                        72.854                                  0
Partito Sardo d'Azione (Psd'Az)                 0,24                         61.928                                 1
Mov. Nazionalista Dem. Sociale (MNDS)    0,21                        56.096                                  0
Unione Movimenti Federalisti (UMF)          0,20                        52.655                                  0
Blocco Popolare Unionista (BPU)               0,14                        35.899                                  0
Altre liste                                                    0,44                      118.512                                   0
Totale                                                      100,00                   26.264.458                             574

Mentre al Senato della Repubblica, su 25.874.809 cittadini/e aventi diritto al voto, ne votano 23.842.919, il 92,15%. I partiti maggioritari nelle singole circoscrizioni elettorali sono:
Lista                                                     Voti (%)                          Voti                              Seggi su 237
Democrazia Cristiana (DC)                      48,11                     10.899.640                              131
Fronte Democratico Popolare (FDP)       30,76                       6.969.122                                72
Blocco Nazionale (BN)                               5,40                        1.222.419                                7
Unità Socialista (US)                                   4,16                           943.219                                8
Unità Socialista - Part. Rep. It. (US-PRI)     2,68                           607.792                                4
Partito Repubblicano Italiano (PRI)            2,62                           594.178                                 4
Indipendenti (IND.)                                      2,40                          544.039                                 4
Partito Nazionale Monarchico (PNM)          1,74                          393.510                                  3
Movimento Sociale Italiano (MSI)                0,72                          164.092                                  1
Edelweiss (SVP)                                          0,42                            95.406                                  2
Partito dei Contadini d'Italia (Pcd'I)              0,29                            65.925                                  0
Partito Sardo d'Azione (Psd'Az)                   0,29                            65.743                                  1
Unione Movimenti Federalisti (UMF)            0,19                            42.880                                  0
Mov. Nazionalista Dem. Sociale (MNDS)      0,12                            27.152                                  0
Altre liste                                                      0,10                            22.108                                  0
Totale                                                         100,00                       22.657.290                            237

Risultati per la Camera nel
1948, da: https://commons
.wikimedia.org/w/index.
php?curid=10038420
La Democrazia Cristiana ottiene un notevole aumento di consensi in tutto il Paese. Particolarmente rilevanti sono quelli delle regioni centro-meridionali, con incrementi che superano il 20% dei voti nella Ciociaria e in Provincia di Salerno. Meno imponenti, seppur superiori al 5%, quelli delle regioni centrali, mentre nel nord la percentuale di voti guadagnati è allineata con quella nazionale. A seguito di ciò, la distribuzione del consenso democristiano risulta più omogeneo rispetto alle precedenti elezioni, anche se la DC resta ancora molto radicata nell'Alta Lombardia e nel Triveneto, superando il 70% dei consensi a Vicenza e Bergamo, ed in provincia di Lucca, in Abruzzo e nel Lazio. Si confermano invece ostili al partito le regioni del centro Italia. Infine si portano al di sopra della media nazionale le percentuali del sud mentre quelle del nord ovest scendono al di sotto del risultato nazionale.

Il Fronte Democratico Popolare non conferma i risultati di PCI e PSIUP nelle precedenti elezioni, ma la distribuzione geografica di questo calo di consensi non è per niente omogenea. Infatti è nel nord Italia che può essere localizzata l'emorragia di voti, con decrementi generalmente superiori al 10% e talvolta anche oltre il 20%, che sono solo in parte compensati dal risultato dei socialdemocratici. Anche nel centro Italia si registrano decisi cali per le forze di sinistra, ma più contenuti. In netta controtendenza i risultati del centro-sud, dove il FDP incrementa i propri consensi, soprattutto in Calabria e Campania. In queste zone, tuttavia, sia i socialisti che i comunisti si erano rivelati particolarmente deboli e infatti, nonostante gli incrementi, le percentuali restano inferiori alla media nazionale, salvo alcune eccezioni come il sud della Sicilia e la Provincia di Foggia. Le sinistre si confermano molto deboli anche nel Triveneto e nell'Alta Lombardia. Nonostante il calo di consensi, gli ottimi risultati delle precedenti elezioni rendono le cosiddette regioni rosse (Emilia Romagna, Toscana e Umbria) le zone più forti del FDP, con risultati anche superiori al 60%. A queste si aggiungono, seppur con risultati più modesti, anche il nord ovest, il mantovano ed il Polesine.

L'Unità Socialista ottiene ottimi risultati nel nord Italia, dove si aggira tra l'8 ed il 10% dei voti. Particolarmente rilevanti sono i risultati tra le province di Belluno e Udine, dove tocca il 15%. Nel centro Italia i consensi sono in linea con la media nazionale (anche se in qualche caso inferiori), mentre i risultati del sud Italia sono nettamente al di sotto della media, con qualche eccezione come la Basilicata e la Sicilia orientale, dove riscuote ottimi consensi. L'Unità Socialista, con il suo 7,1% di voti alla Camera dei deputati e il 4,2% al Senato contribuisce ad impedire in Italia la vittoria del "Fronte Democratico Popolare" costituito dall'alleanza fra PCI e PSI, mirante alla formazione di un governo delle sinistre in grado di avviare le riforme di struttura. L'ottimo piazzamento del PSLI consente ai socialdemocratici di costituire in Parlamento un gruppo consistente, formato da trentatré deputati, mentre al Senato la situazione è ancor più rosea, dato che, con il contributo dei senatori aventiniani di diritto provenienti dall'esperienza del PSU, alla Camera alta si riuscirà a comporre una pattuglia socialdemocratica di ben ventitré membri.

Il Blocco Nazionale perde gran parte del consenso che avevano accumulato, nelle precedenti elezioni, l'UDN e il FUQ. Nel centro-nord il calo è piuttosto contenuto, ma in queste zone i due partiti non avevano ottenuto grande successo. Al contrario al sud, con pochissime eccezioni, si assiste a dei veri e propri tracolli, spesso superiori al 20%, con punte del -30% registrate in Provincia di Napoli. Nonostante ciò i liberali si confermano radicati quasi esclusivamente al sud dove ottengono risultati molto al di sopra della media nazionale, con l'eccezione della Sicilia centrale. Nel centro-nord si registrano risultati rilevanti solo nel Piemonte Occidentale ed in Friuli.

Il Partito Nazionale Monarchico risulta stabile rispetto alle precedenti elezioni. Ciò è conseguenza di un calo di consensi nel nord, non compensato dal fatto che si presenta in molte circoscrizioni dove prima era assente, e di una leggera crescita al sud. In quest'area però il confronto è molto variegato. Si alternano crescite considerevoli in Campania, Sicilia e Basilicata e drastici cali in Calabria e nel Salento, dove arriva a perdere anche il 20% dei voti. Il PNM conferma il suo forte radicamento nel Mezzogiorno, con l'eccezione di Calabria e Sardegna. Pessimi risultati invece provengono dalle regioni del centro-nord, dove molto spesso non raggiunge il punto percentuale.

Il Partito Repubblicano Italiano arretra su tutto il territorio nazionale. In particolare perde molti consensi nel centro Italia, che però si conferma ancora la zona più forte dei repubblicani, soprattutto nella Romagna, nelle Marche e sulla costa Toscana. Altre zone in cui percepisce un buon consenso sono la Calabria e la Provincia di Trapani. Nel resto del Paese il PRI risulta piuttosto debole e generalmente in calo rispetto alle precedenti consultazioni.

Il Movimento Sociale Italiano vede pervenire la maggior parte dei suoi consensi dal centro-sud, dove ottiene risultati superiori al 5% in Calabria e nelle province di Roma e Napoli. Al Nord invece risulta molto debole, spesso sotto l'1% dei voti.

Rispetto alle precedenti elezioni la DC conferma il primato in quasi tutte le province, conquistando Ancona e Aosta e perdendo Vercelli. Inoltre i vantaggi aumentano considerevolmente soprattutto nelle zone più forti dei democristiani, cioè nel nord-est e nel centro-sud, dove talvolta riesce a distaccare il secondo partito di più del 50%. Meno consistenti i distacchi in Calabria, in alcune parti della Puglia e nel sud della Sicilia mentre il nord-ovest si conferma una zona molto contesa, con vantaggi da parte di entrambi i pariti molto risicati. Il FDP si rafforza notevolmente nelle regioni rosse accumulando vantaggi anche superiori al 30%.

Il 23 maggio 1948 nel conseguente V Governo De Gasperi entrano a farne parte due ministri socialdemocratici: Saragat come Vicepresidente del Consiglio e Ministro della Marina mercantile e Lombardo al ministero dell'industria.

Dopo le elezioni del '48, verrà meno avvertito il pericolo di insurrezione generale armata delle sinistre. Si passa al tempo delle manifestazioni, violente ma in genere non armate. Nell'Italia di quegli anni, le manifestazioni sono organizzate soprattutto dai partiti Comunista e Socialista, per cui Scelba si fa rapidamente fama di nemico e persecutore delle rivendicazioni di piazza.

Il giovane Andreotti comincia da subito a imparare l’importanza degli archivi, dei servizi segreti e della stampa. De Gasperi gli affida in custodia l’elenco segreto degli intellettuali italiani che erano stati finanziati dal Miniculpop, il ministero della cultura popolare fascista. Le potenzialità ricattatorie di quei documenti sono evidenti. Ma non basta. Andreotti, con l’ormai inseparabile Evangelisti, si occupa anche di propaganda elettorale. E’ un mago della politica clientelare a tutti i livelli letta, a suo dire, con l’ottica della carità cristiana. E’ lui per esempio a decidere a chi intestare buona parte delle migliaia di assegni da 2.000 lire inviati come sussidio dalla presidenza del Consiglio nei primi anni della Repubblica a famiglie di elettori bisognosi. E sarà lui ad organizzare periodicamente ricevimenti per dipendenti pubblici sulla via della pensione che potranno tornare a casa vantandosi di essere stati “invitati da Andreotti”. Nasce così in Ciociaria la sua prima base elettorale. A Frosinone, la fabbrica di materassi Permaflex apre una propria succursale. La dirigerà, a partire da metà degli anni ’50 un ex fascista repubblichino, il futuro capo della P2, Licio Gelli. La Permaflex gode dei finanziamenti della Cassa per il mezzogiorno.  

Nel 1949, gli iscritti al PCI sono scomunicati da Pio XII.

Bernardino Nogara
Intanto Nogara continuava a lavorare per accrescere le risorse del Vaticano. Dagli anni '50, lo IOR prese ad arricchirsi coi fondi che molte famiglie agiate volevano trasferire all'estero per pagare meno tasse.
Furono rafforzati i legami con diverse banche. Già dai primi del Novecento i Rothschild di Londra e di Parigi trattavano con il Vaticano, ma con la gestione Nogara gli affari e i partner bancari aumentarono vertiginosamente: Credit Suisse, Hambros Bank, Morgan Guarantee Trust, The Bankers Trust di New York (di cui Nogara si serviva quando voleva comprare e vendere titoli a Wall Street), Chase Manhattan, Continental Illinois National Bank. E Nogara assicurò al Vaticano partecipazioni in società che operavano nei settori più diversi: alimentare, assicurativo, acciaio, meccanica, cemento e beni immobili. Un susseguirsi di successi finanziari senza precedenti per la Chiesa cattolica.

Fedele alla chiesa e agli americani, Andreotti negli anni ’50 guarda a destra per allargare l’elettorato. Mentre in parlamento e sui giornali infuria la polemica sulla legge truffa (un premio di maggioranza del 15 per cento dei seggi che doveva essere garantito al partito che superasse il 50 per cento dei consensi), Andreotti tiene un comizio ad Arcinazzo in Ciociaria dove, equipaggiate di cestini merenda forniti dall’organizzazione, accorrono 5.000 persone. Tra di loro c’é anche l’ex maresciallo d’Italia, il repubblichino Rodolfo Graziani. Il maresciallo, che proprio ad Arcinazzo qualche mese prima aveva organizzato un campo di simpatizzanti missini (definito “paramilitare” dalla stampa), davanti ad Andreotti, dice “se qualcosa abbiamo ottenuto in questa valle, l’abbiamo avuto da quando De Gasperi è al governo”. I due al termine del discorso si abbracciano. Scoppia lo scandalo.
Giulio è dunque un conservatore. E non solo in politica, dove si colloca decisamente più a destra di De Gasperi. Anche nel mondo della cultura. Nelle sue vesti di sottosegretario presidenza del Consiglio con delega alla Spettacolo e allo Sport, non si limita a ricostruire il cinema italiano, ma tenta anche di condizionarlo. Nel ‘52 manda una lettera a Vittorio De Sica in cui critica il pessimismo di “Umberto D”, la storia di un orfano, e gli chiede di far brillare “un raggio di sole in più”. Secondo i giornali ad Andreotti non piace il neorealismo perché “i panni sporchi si lavano in famiglia”. Lui, come spesso è accaduto, negherà di aver pronunciato la frase.

Stemma di Gladio
Il 26 febbraio 1991 Giulio Andreotti, all’epoca presidente del Consiglio, prendendo tutti in contropiede - specie l’allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga, nonché i vertici del SISMI - invia alla commissione Stragi una relazione su Gladio. Fra altre informazioni, nella lettera si afferma: "Il Servizio Informazioni delle Forze Armate (SIFAR) mise allo studi, fin dal 1951, la realizzazione e la gestione di una organizzazione "clandestina" di resistenza, mutuata dalle precedenti esperienze della guerra partigiana, per uniformare e collegare in un unico, omogeneo contesto operativo e difensivo le strutture militari italiane con quelle dei Paesi alleati. Reti di resistenza erano state organizzate in quell'epoca dalla Gran Bretagna in Olanda, Belgio e, presumibilmente, in Danimarca e Norvegia. La Francia aveva provveduto per i territori tedeschi ed austriaci sottoposti al suo controllo e, per il territorio nazionale, fino ai Pirenei. Anche la Jugoslavia, dopo la rottura con Mosca, aveva orientato la sua preparazione militare essenzialmente su questo tipo di operazioni speciali.
Il 21 novembre 1951 veniva conclusa dal SIFAR e dal Servizio americano un'intesa di reciproca collaborazione relativa alla organizzazione ed alla attività del complesso clandestino postoccupazione comunemente denominato "Stay-Behind" (stare indietro), il quale prevedeva la costituzione di reti di resistenza addestrate ad operare, in caso di occupazione nemica del territorio, nei seguenti campi:
- raccolta delle informazioni,
- sabotaggio,
- guerriglia,
- propaganda ed esfiltrazione.
Tale ultima attività rivestiva nel complesso operativo di particolare importanza e delicatezza, attesa la necessità di mantenere i collegamenti fra le zone occupate ed il territorio libero.
Con la conclusione di tale intesa vennero definitivamente poste le basi per la realizzazione dell'operazione indicata in codice con il nome di "Gladio". Elemento essenziale dell'intera operazione era l'installazione in Sardegna di un Centro destinato a:
- fungere da base di ripiegamento;
- dirigere le operazioni delle reti clandestine post-occupazione;
- addestrare il personale.
Tale Centro, denominato Centro addestramento guastatori (CAG), la cui costituzione venne finanziata con fondi USA, è stato utilizzato in seguito non solo per l'attività addestrativa degli appartenenti alla "Gladio", ma anche per quella di personale operativo dei Servizi di informazione e sicurezza italiani ed appartenenti a Paesi alleati e di unita' delle "forze speciali" nazionali e NATO. L'opzione Sardegna, quale territorio destinato ad ospitare la "base operativa" della "Gladio", non fu casuale, ma era coordinata con i piani all'epoca predisposti dallo Stato Maggiore Difesa italiano, che prevedevano l'attuazione di tutti gli sforzi per "mantenere" l'isola nell'ipotesi di invasione straniera del territorio nazionale. Una volta costituito l'organismo clandestino di resistenza, l'Italia fu chiamata a partecipare quale membro effettivo ai lavori di alcuni organismi operanti in ambito NATO."

Papa Pacelli: Pio XII
Nel 1952 il papa, che aveva ripetutamente tentato di dirigere la politica italiana, teme l'elezione di un sindaco comunista a Roma e invia lettere al Presidente del consiglio, Alcide De Gasperi, esponente della DC e segretario politico dal luglio 1944 al settembre 1946, per indurlo a formare un'alleanza politica, in funzione anticomunista, con il Movimento Sociale Italiano, il partito a cui facevano riferimento i reduci fascisti e i neofascisti.

Alcide De Gasperi
De Gasperi si batté invece, nei limiti delle sue convinzioni cattoliche e delle opportunità politiche, per la non appartenenza ad alcuna confessione religiosa dello Stato, contenendo le spinte clericali della destra cattolica e dell'Azione Cattolica di Luigi Gedda.

L'abilità di Andreotti, i suoi contatti, la sua capacità di raccogliere decine di miglia di preferenze, la sua giovane età, gli attirano addosso odi e malumori. Anche nel suo partito molti lo vorrebbero fare fuori. L’occasione sembra arrivare nel ‘53 quando, con De Gasperi malato, nella Dc si scatena la guerra per la successione. In pole position c’è l’ex segretario della Dc Attilio Piccioni, vice-presidente del Consiglio in carica. L’11 aprile del ’53 però, sulla spiaggia di Torvaianica viene trovata morta - senza né calze, né reggicalze - una ragazza poco più che ventenne: Wilma Montesi. Inizialmente si parla di disgrazia. Poi salta fuori una storia oscura, fatta di festini e cocaina, che sembra coinvolgere direttamente un figlio del vice-primo ministro. Emergono una serie di coperture politiche democristiane attivate per soffocare lo scandalo. Piccioni esce di scena distrutto.

Ancor oggi non é chiaro chi abbia manovrato l’intera vicenda. Tutti gli storici sono comunque concordi nell’asserire che l’"affaire" fu utilizzato da correnti interne alla Dc per evitare che Piccioni succedesse a De Gasperi. Molti puntano il dito su Amintore Fanfani. Andreotti dal canto suo ha dimostrato di sapere benissimo come andarono realmente le cose. E nel marzo del ‘74, quando si vedrà minacciato dal primo scandalo dei petroli, dirà in un’intervista all’amico giornalista Lino Jannuzzi: “Se veramente ci fosse qualcuno che mi vuole tirare dentro […] ha sbagliato i suoi calcoli. Proprio in questo periodo stavo cercando di ricostruire come nacque veramente l’affare Montesi, e chi lo manovrò”. L’abitudine di andare a rivangare il passato e di minacciare, quando attaccato, rivelazioni clamorose sarà una costante della sua vita. All’epoca dello scandalo Montesi risale anche il primo grande mistero della storia della Repubblica.

Gaspare Pisciotta a sinistra e
Salvatore Giuliano a destra.
E’, infatti, il 1954 quando Fanfani, diventato presidente del consiglio, nomina Andreotti ministro degli Interni in un governo destinato a durare, proprio a causa della vicenda Montesi, solo 23 giorni. Il 9 febbraio, 24 ore prima, che Fanfani rassegnasse le dimissioni, Gaspare Pisciotta, cugino, ex-luogotenente e assassino del bandito Salvatore Giuliano, viene ucciso in carcere da un caffè avvelenato. Con sé Pisciotta porta tutti i suoi segreti. Durante un processo aveva ammesso di aver ucciso Giuliano (smentendo così la versione ufficiale che voleva il bandito morto in un conflitto a fuoco con i carabinieri), e aveva sostenuto di aver contrattato l’uccisione direttamente con il ministro siciliano degli Interni, Mario Scelba. La Dc, infatti, secondo Pisciotta, voleva morto il bandito perché il democristiano-mafioso Bernardo Mattarella (padre dell'attuale capo dello stato) e i deputati monarchici Alliata e Leone di Marchesano, lo avevano coperto ed erano stati mandanti di una serie di delitti politici da lui commessi.

Dopo la morte di Pisciotta sarà proprio Scelba ad andare al governo tenendo per sé ad interim anche la carica di ministro degli Interni. Questo governo cercò forti relazioni con gli Stati Uniti e contribuì a risolvere le questioni in sospeso in tempo di guerra, come il recupero di Trieste. Scelba lascierà la Presidenza del Consiglio dopo l'elezione a Presidente della Repubblica di Giovanni Gronchi, il 6 luglio 1955. Il giovane Andreotti invece resta fuori dal governo e  in giugno parte per gli Stati Uniti; al suo ritorno fonda una corrente tutta sua che si chiama “Primavera”. E’ collocata su posizioni di destra, ma ha seguito solo nel Lazio e nel mondo del Vaticano. Gli andreottiani infatti, saranno per anni destinati ad essere una forza minoritaria della Dc, finché nel ’69 non viene stretto un accordo con il fanfaniano Salvo Lima, ex sindaco di Palermo, figlio di un uomo d’onore e citato 149 volte nelle conclusioni della commissione antimafia. Nel 1956 Carlo Alberto Dalla Chiesa, ancora colonnello, aveva parlato per la prima volta di lui in un’intervista a Giorgio Bocca “La mafia non c’è”, aveva detto con amara ironia, “Ci sono solo delle strane combinazioni. Per esempio c’è un tale Salvatore Lima. Lo hanno votato in massa tutti i dipendenti dell’azienda tranviaria diretta da un amico di Vassallo. Non conosce Vassallo? Faceva il carrettiere, poi ha costruito mezza Palermo”.  

Massimo Spada
Nel 1954 Bernardino Nogara decide di ritirarsi dalla dirigenza dello IOR, senza tuttavia interrompere l'attività di consulente finanziario del Vaticano, che continuerà fino alla morte, avvenuta nel 1958. La stampa dedicò poco spazio alla sua scomparsa, ma negli ambienti vaticani si era ben consapevoli della sua eccezionale importanza. Al geniale banchiere, nel corso della sua lunga attività, venne affiancato il principe Massimo Spada. Anche lui mostrò lungimiranza e spregiudicatezza nella gestione degli interessi del Vaticano e si lanciò in varie operazioni, la maggior parte delle quali in collaborazione con Michele Sindona, che si occupava dei capitali della mafia, non solo italiana.

Giuseppe Ciarrapico
Sul finire degli anni ’60, Gelli consegna ai servizi segreti un appunto nel quale sostiene che fu Andreotti ad attivarsi per far arrivare i fondi pubblici alla sua impresa, la Permaflex. Gelli, secondo il documento, si sarebbe sdebitato allungando al politico, tra il ‘56 e il ’60, mazzette per 20 milioni. Nel ’58, a Frosinone, Gelli diventa amico anche di Giuseppe Ciarrapico, destinato a essere, negli anni 80 e 90, il più andreottiano di tutti gli imprenditori andreottiani. Nel 1983, la commissione inquirente, archivierà una denuncia presentata contro Andreotti per aver favorito la Permaflex in una gara per la fornitura di 40.000 materassi alla Nato.

Il 26 febbraio 1991 Giulio Andreotti, all’epoca presidente del Consiglio, prendendo tutti in contropiede - specie l’allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga, nonché i vertici del SISMI - invia alla commissione Stragi una relazione su Gladio. Fra altre informazioni, nella lettera si afferma: "A partire dal 1959, entrammo a far parte del Comitato clandestino di pianificazione (CPC), operante nell'ambito dello SHAPE (Supreme headquarters allied powers Europe). Detto Comitato aveva il compito di studiare la condizione dell'attività informativo-offensiva in caso di guerra, con particolare riferimento ai territori di possibile occupazione da parte del nemico: in esso erano già rappresentati gli USA, la Gran Bretagna, la Francia, la Germania ed altri paesi della NATO.

Antonio Segni
Tra il febbraio e il marzo 1960 cade il governo Segni II, a causa di tensioni interne alle forze politiche che lo sostenevano, dovute alla richiesta di apertura ai socialisti. Ad Antonio Segni viene chiesto di provare a costituire un nuovo esecutivo centrista, ma i tentativi non hanno successo.
A marzo del 1960 l'esponente democristiano Fernando Tambroni riceve l'incarico di formare un governo per sostituire quello guidato da Antonio Segni appena dimessosi. L'obiettivo politico era quello di superare l'emergenza, attraverso un "governo provvisorio", in grado di consentire lo svolgimento della XVII Olimpiade a Roma e di approvare il bilancio dello Stato.
L'8 aprile il governo monocolore democristiano proposto da Tambroni ottiene la fiducia della Camera, per soli tre voti di scarto (300 sì e 293 no), con il determinante appoggio dei deputati appartenenti al MSI, il Movimento Sociale Italiano, formazione neofascista. La circostanza causa l'abbandono dei ministri appartenenti alla sinistra della DC: Bo, Pastore e Sullo.

Fernando Tambroni
Quando è chiaro come i voti missini siano determinanti per il governo, Tambroni è oggetto di feroci critiche e di accuse di filo-fascismo e, su richiesta del direttivo del partito (l'11 aprile), il governo rassegna le dimissioni, accolte negativamente dal MSI: la conseguenza immediata è il ritiro dell'appoggio dei missini in molte delle giunte locali a guida democristiana che si reggono anche sui loro voti (oltre alla capitale vi sono altre 30 amministrazioni locali appoggiate dal MSI) ed è deciso di convocare il sesto congresso del Movimento Sociale Italiano a Genova, città decorata di medaglia d'oro della Resistenza e da cui era partita l'insurrezione del 25 aprile, come un'occasione per indebolire il governo Tambroni..

Dopo nuovi tentativi, da parte di Amintore Fanfani di formare il governo con una maggioranza diversa, si arriva al 21 aprile, quando il presidente Giovanni Gronchi decide di respingere le dimissioni di Tambroni. Il 29 aprile il politico democristiano ottiene la fiducia anche al senato, nuovamente grazie all'appoggio esterno del MSI (128 voti favorevoli e 110 contrari). Nel frattempo monta l'opposizione contro il governo Tambroni, accusato da sinistra di aprir le porte ai neofascisti.

- Il 2 giugno il senatore comunista Umberto Terracini (che fu presidente dell'Assemblea costituente), durante un discorso tenuto a Pannesi, nel comune di Lumarzo (un comune della Val Fontanabuona, in provincia di Genova), nella ricorrenza della Festa della Repubblica, invita le forze che si rifanno ai valori della Resistenza a organizzare una riunione contro il congresso del MSI, ritenuto una provocazione contro Genova.
- Il 5 giugno l'Unità, nella sua edizione genovese, pubblica una lettera-appello scritta da un operaio, in cui si chiedeva che la città prendesse posizione contro l'annunciato congresso del MSI.
- Il giorno successivo, il 6 giugno, su iniziativa della federazione del PSI, i rappresentanti locali dei partiti comunista, radicale, socialdemocratico, socialista e repubblicano, dopo essersi riuniti per decidere una posizione comune sul congresso, fanno stampare un manifesto in cui, denunciando il congresso missino come una grave provocazione, additano al disprezzo del popolo genovese nei confronti degli eredi del fascismo.
- Il 13 giugno, alla richiesta di non fare svolgere il congresso si aggiunge in maniera ufficiale la Camera del lavoro.
- Due giorni dopo, il 15 giugno, una manifestazione indetta con lo scopo di protestare contro lo svolgimento dello stesso, vede la partecipazione stimata di 20.000 persone e si registrarono i primi scontri (poi sedati dai carabinieri), nella zona di via San Lorenzo (strada adiacente all'omonima cattedrale), tra un gruppo di manifestanti e alcuni neofascisti.
- Il 24 giugno, un comizio di protesta contro il congresso, indetto dalla Camera del lavoro, che si doveva svolgere nella zona del porto, è vietato dalla Questura, con la motivazione che l'autorizzazione non era stata chiesta coi tre giorni di anticipo previsti dalla legge.
- Il 25 giugno, durante un nuovo corteo di protesta organizzato dalle federazioni giovanili del PCI, del PSI, del PSDI, del PRI e dei radicali, a cui aderiscono anche i portuali, vi sono nuovi scontri, questa volta in via XX Settembre, tra manifestanti e polizia. Nel corso di quel corteo si decide d'indire per il 2 luglio un comizio, nel quale sarebbe intervenuto Ferruccio Parri, leader del Partito d'Azione che con il nome di battaglia “Maurizio” fu capo partigiano durante la guerra di liberazione dal regime fascista in Italia, decorato dagli USA con la Bronze Star Medal. E' stato inoltre il primo presidente del Consiglio a capo di un governo di unità nazionale istituito alla fine della seconda guerra mondiale. .
- Il 27 giugno 1960 al presidente del consiglio Tambroni è consegnato, da parte dei dirigenti del MSI, un rapporto in cui si dice che il deputato missino ligure Giuseppe Gonella aveva raccolto informazioni che portavano a ritenere il prossimo congresso a rischio di disordini. Secondo questa nota, in parte a causa delle condizioni precarie di povertà e disoccupazione in cui vivevano i lavoratori del porto, in cerca di uno sfogo per il malcontento accumulato e in parte per la configurazione stessa del centro storico, che poteva favorire eventuali scontri, la situazione sarebbe potuta degenerare. Nella nota il MSI informava Tambroni che era stato ipotizzato dal segretario Michelini di chiedere al governo la proibizione del congresso per motivi d'ordine pubblico, in modo da evitare il pericolo, senza però che si sapesse che la decisione era stata richiesta dagli stessi missini, ma la proposta era stata fermamente respinta dagli altri dirigenti del partito. In conclusione, il MSI rendeva noto d'aver deciso di celebrare il congresso, ma anche di far giungere a Genova "almeno un centinaio di attivisti romani, scelti tra i più pronti a menar le mani": decisione quest'ultima che viene resa pubblica tramite la stampa, e sottoposta a critiche nei giorni successivi agli scontri. A rendere ancora più incandescente la situazione interviene la notizia, riportata dal quotidiano Il Giorno, della partecipazione ai lavori del congresso di Carlo Emanuele Basile, sottosegretario all'Esercito e prefetto della città ai tempi della Repubblica Sociale Italiana. Basile era conosciuto a Genova per gli editti del marzo 1944 contro lo sciopero bianco e le proteste indette dagli operai, a cui succedette nel mese di giugno la deportazione di alcune centinaia di lavoratori nei campi di lavoro della Germania nazista. Per le sue azioni durante la guerra, Basile venne prima assolto, poi condannato a morte, per poi essere nuovamente assolto dopo ulteriori ricorsi, grazie anche a una serie di amnistie e condoni, continuando nel dopoguerra la sua attività politica all'interno del MSI. È stato ipotizzato che la presenza di Basile fosse un errore dovuto a un caso di omonimia, e che a essere ospite al congresso sarebbe stato Michele Basile, avvocato di Vibo Valentia e futuro senatore del MSI nella IV Legislatura, ma secondo Donato Antoniello e Luciano Vasapollo, in “Eppure il vento soffia ancora” (2006), la presenza di Carlo Emanuele Basile sarebbe stata annunciata dai dirigenti del MSI insieme con quella di Junio Valerio Borghese. I due saggisti citano come riferimento il libro di Nicola Tranfaglia “Le Piazze”. L'ipotesi relativa alla possibile presenza di Borghese è saltuariamente ricordata dalla pubblicistica che tratta di questi avvenimenti (anche solo per smentirla).
Sandro Pertini
- Il 28 giugno venne indetta una manifestazione di protesta, nel corso della quale Sandro Pertini, affermando la sua opposizione al congresso, dice:
« La polizia sta cercando i sobillatori di queste manifestazioni, non abbiamo nessuna difficoltà ad indicarglieli. Sono i fucilati del Turchino, di Cravasco, della Benedicta, i torturati della casa dello studente che risuona ancora delle urla strazianti delle vittime, delle grida e delle risate sadiche dei torturatori. »
A questa manifestazione partecipano circa 30.000 persone. Il discorso di Pertini, particolarmente appassionato, verrà soprannominato in genovese "u brichettu" (letteralmente "il fiammifero") per aver simbolicamente "incendiato" la popolazione genovese.
- Il 29 giugno la Camera del Lavoro cittadina indice uno sciopero generale nella provincia genovese per la giornata del 30, dalle 14 alle 20, a cui si sarebbe aggiunto un lungo corteo per le strade della città, mentre il presidente dell'ANPI invita tutti gli iscritti a partecipare alla manifestazione del 30.
A complicare questa situazione di tensione si aggiungono alcune decisioni prese dalle forze dell'ordine che vengono in parte percepite come ulteriori provocazioni: la visita del comandante generale dell'Arma dei Carabinieri per un'ispezione della città, la sostituzione del questore Alfredo Ingrassia (che aveva chiesto il pensionamento) con Giuseppe Lutri, noto per la sua attività anti-resistenziale a Torino durante la dittatura fascista, e l'arrivo della Celere di Padova, specializzata in tattiche di anti-guerriglia urbana.
- Oltre ai partiti e ai sindacati, durante il mese di giugno anche l'Università (soprattutto l'Istituto di Fisica diretto da Ettore Pancini) si attiva con un appello, firmato da intellettuali di vario orientamento politico, contro lo svolgimento del congresso e numerosi studenti e ricercatori partecipano alle varie manifestazioni.
- Il 30 giugno, sia l'accesso alla zona di Portoria, sia alcuni cantieri del nascente centro dirigenziale di Piccapietra, vengono bloccati e presidiati dalle forze dell'ordine, mentre viene chiuso per lavori (fittizi) il vicino parco dell'Acquasola. Tra i sindacati, la UIL si opporrà alla manifestazione prevista, mentre la CISL lascerà ai propri iscritti libertà di scelta sulla partecipazione o meno.
La manifestazione, seppur in un'atmosfera tesa, si svolge inizialmente senza particolari problemi: partendo dal primo pomeriggio da piazza dell'Annunziata, i manifestanti proseguono per via Cairoli, via Garibaldi, via XXV Aprile, piazza De Ferrari, via XX Settembre (dove vengono depositati alcuni fiori davanti al sacrario dei caduti, situato sotto al ponte Monumentale), per poi terminare in piazza della Vittoria, dove viene svolto un comizio dal segretario della Camera del Lavoro. Nelle foto della manifestazione si vedono sia politici sia comandanti partigiani che sfilano preceduti dai Gonfaloni della città.
Al termine della manifestazione parte dei manifestanti risalgono verso piazza De Ferrari, fermandosi lungo la strada sia davanti al teatro Margherita (controllato da gruppi di Carabinieri, che verranno provocatoriamente fischiati) sia davanti al Sacrario dei Caduti, dove vengono cantati degli inni della Resistenza. I manifestanti giungono così in piazza de Ferrari, dove molti si fermano nei dintorni della fontana centrale: qui sono presenti alcuni mezzi motorizzati della polizia, oltre ad agenti a piedi, e la situazioni comincia a peggiorare. Alle provocazioni dei manifestanti, che intonano canti partigiani e slogan contro le forze dell'ordine, queste provano a disperdere la folla con un idrante, per poi cominciare alcune cariche intorno alla fontana.
A questo punto lo scontro diviene aperto: le camionette e le jeep della celere effettuano cariche sia nella piazza, sia nelle vie limitrofe, sia sotto i porticati della parte alta di via XX Settembre. I manifestanti, che continuano a fluire nella zona, nel frattempo si procurano attrezzi da lavoro, spranghe di ferro e alcuni pali di legno dai vicini cantieri edili, con cui colpiscono le camionette che si fermano e gli agenti a terra, mentre le forze dell'ordine cominciano a impiegare, oltre che i lacrimogeni, anche alcune armi da fuoco (ma solo una persona risulterà ricoverata per ferite da arma da fuoco). Alcune delle camionette della celere vengono incendiate (segni in parte ancora visibili sui mosaici del pavimento del porticato). Si registra il fatto che alcuni degli esponenti delle forze dell'ordine, tra cui il comandante della celere finito nella vasca della fontana, rimasti isolati e soggetti a violenze, vengono portati fuori dagli scontri da alcuni dei manifestanti.
Nella descrizione di un giornalista del Corriere della Sera gli scontri vengono raccontati in questo modo:
« Giovanotti muscolosi si applicavano a divellere cassette di immondizie, a staccare dalle pareti di un portico riquadri con i programmi dei cinematografi, a spaccare i cavalletti che recingevano un piccolo cantiere di lavori in piazza De Ferrari. Nelle mani dei manifestanti comparvero, stranamente bombe lacrimogene. La sassaiola contro la polizia era incessante. Un agente fu buttato nella vasca della fontana di piazza De Ferrari, altri vennero colpiti dalle pietre e andarono sanguinanti a medicarsi »
Gli scontri si spostano anche nei vicini "caruggi", gli stretti vicoli tipici del centro storico genovese, dove la popolazione residente "bombarda" con vasi e pietre lasciati cadere dalle finestre gli esponenti delle forze dell'ordine che inseguono i manifestanti. Gli scontri proseguono e gli organizzatori della manifestazione temono che, per porvi fine, venga ordinato alle forze dell'ordine di aprire il fuoco sulla folla, azione che avrebbe causato numerosi morti. Il presidente dell'ANPI, Giorgio Gimelli, si accorda quindi con alcuni ex-partigiani, tra cui un funzionario di polizia, per impegnare gli aderenti all'associazione per fermare gli scontri, avendo in cambio l'assicurazione che le forze dell'ordine si sarebbero ritirate senza effettuare nessun arresto. Al termine degli scontri si registrano 162 feriti tra gli agenti e circa 40 feriti tra i manifestanti.

Manifestazioni e scioperi di protesta contro il governo Tambroni si svolgeranno nello stesso giorno anche a Roma, Torino, Milano, Livorno e Ferrara.

- Il 1º luglio si registrano diversi scontri tra forze dell'ordine e manifestanti in diverse parti d'Italia, tra cui Torino (manifestazione organizzata dal Pci, svoltasi in piazza Solferino) e San Ferdinando di Puglia (assemblea indetta dalla locale Camera del Lavoro). In un suo discorso alla Camera dei Deputati relativo agli scontri del giorno precedente, Sandro Pertini accuserà degli stessi la Polizia ("a provocare gli incidenti non sono stati i carabinieri, non le guardie di finanza: è stata la polizia"), accusandola di aver mantenuto un comportamento fazioso anche nelle manifestazioni dei giorni precedenti al 30 giugno.
- La Camera del Lavoro di Genova indice uno sciopero generale per il 2 luglio, il primo giorno del congresso dell'MSI. Il prefetto Luigi Pianese convoca i responsabili della manifestazione e dell'MSI, proponendo un compromesso: il congresso del partito si sarebbe tenuto, ma al teatro Ambra di Nervi (come il teatro Margherita di proprietà della SARP di Fausto Gadolla, imprenditore genovese e al tempo da poco ex presidente del Genoa), mentre l'ANPI e le altre forze della sinistra avrebbero effettuato una manifestazione altrove. I missini però rifiutano l'accordo, sostenendo che avrebbero accettato il trasferimento solo se ai manifestanti fosse stato vietato di sfilare per il centro della città. La tensione in città comincia quindi a salire di nuovo. Il prefetto fa arrivare in città diversi reparti delle forze dell'ordine e dell'esercito, schierandoli in zone in cui potessero in qualche modo impedire l'afflusso dei manifestanti provenienti dai quartieri industriali verso il centro della città.
Il prefetto e il questore ritengono che il PCI e l'ANPI avrebbero potuto far intervenire alla manifestazione alcuni ex-partigiani per dar vita a incidenti di piazza, e valutano quindi come possibile l'uso delle armi da fuoco. Il questore tuttavia ritiene che il teatro Margherita sia troppo vicino al sacrario dei caduti (50 metri circa) e che quindi l'unico modo per evitare nuovi scontri sia lo spostamento della sede del congresso. Il giorno seguente la stessa SARP nega la disponibilità del teatro Margherita, dicendosi disponibile a ospitare l'incontro presso il teatro Ambra, ma il direttivo del Movimento Sociale, guidato da Arturo Michelini, respinge la proposta e decide di annullare la manifestazione denunciando: "le gravissime responsabilità che da un lato i sovversivi e dall'altro il governo si sono assunti nel rendere praticamente irrealizzabile un congresso di partito e nel tollerare una sfrontata violazione del codice penale vigente". L'MSI rinuncia quindi al congresso, per ragioni "morali, politiche ed organizzative". La Camera del Lavoro e i sindacati annullano lo sciopero previsto per il 2 luglio, mentre il giorno 3 si svolge una manifestazione che vedrà la partecipazione di diversi politici ed esponenti dell'antifascismo, tra cui Luigi Longo, Umberto Terracini, Pietro Secchia, Franco Antonicelli e Domenico Riccardo Peretti Griva. Durante la manifestazione si sosterrà che i manifestanti arrestati hanno dovuto agire per legittima difesa.

Nel periodo seguente si hanno diversi scontri in diverse parti d'Italia, spesso nati da manifestazioni di protesta dei lavoratori o da tentativi di commemorare avvenimenti della lotta antifascista. Al contrario di Genova, in queste occasioni si registrerà un uso frequente delle armi da fuoco da parte delle forze dell'ordine, con diversi morti e numerosi feriti tra i manifestanti.

- Il 5 luglio a Licata gli scontri a seguito di una manifestazione di protesta del sindacato e del relativo blocco della stazione ferroviaria vedranno un morto e 24 feriti. A Milano viene distrutta la sede del Partito Radicale, a Roma alcuni ordigni esplosivi vengono gettati contro una sede locale del PCI, mentre a Ravenna, durante le ore notturne, un gruppo di neofascisti incendia l'abitazione di Arrigo Boldrini, segretario nazionale dell'ANPI.
- Il 6 luglio a Roma presso la Porta San Paolo è indetta una nuova manifestazione contro il governo, che prevede la deposizione di alcune corone di fiori presso la lapide ricordo degli scontri del settembre 1943. La manifestazione, vietata all'ultimo, venne ugualmente organizzata (con anche la partecipazione di una cinquantina di parlamentari provenienti dal PCI, PSI e PRI) e i reparti a cavallo della polizia caricano violentemente i manifestanti con il tentativo di disperderli. Lo scontro che ne segue porta a incidenti nel corso dei quali viene tra l'altro ferito l'agente Antonio Sarappa, che morirà circa due mesi dopo a causa delle ferite riportate. Dopo gli scontri si registrano numerosi fermi e arresti nel quartiere Testaccio: la rivista L'Espresso nel successivo numero del 17 luglio a questo proposito scriverà "Per molte ore, in quelle zone, chiunque non aveva la cravatta veniva fermato interrogato, spesso bastonato".
- Il 7 luglio una manifestazione sindacale a Reggio Emilia, con 20.000 partecipanti (contro i soli 600 posti della Sala Verdi concessa dalla questura per la manifestazione), finisce in tragedia quando la polizia e i carabinieri sparano sulla folla in rivolta, provocando 5 morti. In totale le forze dell'ordine esploderanno 500 colpi durante quegli scontri.
- L'8 luglio il democristiano Cesare Merzagora, presidente del Senato, propone una "tregua" di due settimane, chiedendo che vengano sospese tutte le manifestazioni di protesta indette dai partiti di sinistra, dall'ANPI e dai sindacati, e che nel frattempo vengano ritirate nelle caserme le forze di polizia. La proposta viene accettata dal PCI, PSI, PSDI, PRI e dal Partito radicale, con riserva dalla DC, e vede l'opposizione dei partiti di destra.
Nel pomeriggio dello stesso giorno avvengono nuovi scontri a Palermo (con due morti e 36 feriti da arma da fuoco per alcuni, mentre altre fonti riportano 4 morti, e circa 300 fermati) e Catania (un morto). Sempre l'8 luglio a Firenze, una manifestazione di protesta relativa ai recenti avvenimenti di Reggio Emilia viene caricata dalla polizia.

Comincia a circolare l'ipotesi (sposata per esempio dal The New York Times in un articolo che parla degli scontri dell'11 luglio intitolato "Violence in Italy") che le manifestazioni che stavano avvenendo in tutta Italia e le relative violenze siano organizzate dal PCI, in riferimento anche ad un recente viaggio di Togliatti a Mosca, dal 21 giugno al 4 luglio.

- Il 13 luglio la direzione della DC emette un documento in cui dichiara esaurito il compito del governo, dicendosi pronta e favorevole a cercare la creazione di un nuovo esecutivo. Il giorno seguente Tambroni, nel riferire alla Camera dei deputati, riprende la tesi delle violenze organizzare dal PCI, e il collegamento di queste con il viaggio a Mosca di Togliatti. Durante il consiglio dei ministri nega l'ipotesi di dimissioni, evidenziando che queste avrebbero potuto sembrare un "cedimento alla piazza", mettendo al corrente i ministri che gli scontri avrebbero destato preoccupazioni anche all'estero, compresi gli Stati Uniti.
- Il 18 luglio la rivista Il Mulino pubblica un appello, sottoscritto da 61 intellettuali cattolici, in cui afferma la necessità di rifiutare le politiche autoritarie e le alleanze contro le forze politiche neofasciste, anche quando queste servono a difendere i "valori cristiani contro il marxismo".

A seguito delle proteste e dello sfaldarsi della propria maggioranza il Governo Tambroni si dimette il 19 luglio.
Emerge, da parte dei partiti del centro democratico, la convinzione che occorra voltare pagina e costituire una maggioranza in grado di assicurare al paese una nuova e costruttiva fase politica. Matura così un comune orientamento, tendente a collaborare con il partito di maggioranza nel difficile momento politico che il paese sta attraversando. Il 22 luglio 1960 Gronchi conferisce a Fanfani l'incarico di formare il nuovo governo. Nella circostanza il lavoro di Fanfani è particolarmente agevolato dal fatto che l'accordo tra i partiti era giò stato raggiunto e stava prendendo corpo un governo che Moro definva delle "convergenze democratiche" il cui fatto nuovo è rappresentato dall'astensione del partito socialista, dopo molti anni di dura opposizione.

Dal 15 al 20 marzo 1961, al teatro Lirico di Milano si svolge uno dei più importanti congressi nella storia del PSI, destinato ad aprire nuovi e importanti sbocchi al quadro politico italiano, favorendo la svolta di centro-sinistra che da anni è oggetto di un lento e faticoso processo di maturazione. Il compito di Nenni, in questo Congresso, non era facile, dovendo fronteggiare l'opposizione della sinistra interna, che rifiutava qualsiasi ipotesi di collaborazione con la Democrazia cristiana.
La mozione presentata da Nenni, che prevale con il 55,09% dei voti, ribadisce il significato dell'autonomia del partito (dal PCI) e la scelta incondizionata del metodo democratico. Il leader socialista mira ad un governo non più risultato dell'emergenza, ma politicamente qualificato nella chiara prospettiva di una politica di collaborazione di centro-sinistra.

Il 27 gennaio 1962 si svolge a Napoli l'VIII Congresso nazionale della DC. La lunga relazione di Moro tocca tutti gli aspetti della vita politica italiana, riperre le vicende degli ultimi mesi, sottolinea il ruolo svolto dalle forze politiche, tocca i problemi internazionali e gli aspetti economici e sociali, analizza i problemi del governo, il programma e le finalità della Democrazia cristiana, ecc. Un discorso di eccezionale ampiezza, tutto attraversato però dall'esigenza di far capire ai congressisti, la necessità di una svolta politica che appare inderogabile e necessaria per il paese e per la Democrazia cristiana. La mozione conclusiva, che si richiama alle tesi di Moro, viene approvata a grandissima maggioranza dal Congresso. Nel giro di un paio d'anni Aldo Moro era riuscito a condurre tutto il partito ad una svolta politica di grande significato nella storia del paese: il centro-sinistra.

Amintore Fanfani
Gli esiti del Congresso della DC di Napoli, portano nel marzo 1962 alla formazione del quarto governo Fanfani basato su una coalizione DC-PSDI-PRI con l'astensione dei socialisti, fonte di grande apprensione sia in Vaticano che nella NATO. Il nuovo Governo avvia subito una serie di riforme, richieste soprattutto da parte socialista, tra le quali la più significativa fu la nazionalizzazione dell'energia elettrica, con l'obiettivo di ridurre i costi dell'elettricità e il peso dei monopoli privati. Altri provvedimenti varati dal governo Fanfani sono l'istituzione della Commissione nazionale per la programmazione economica, con il compito di preparare il programma di sviluppo economico al fine di eliminare gli squilibri economici tra le diverse aree geografiche e i diversi settori produttivi del paese. Viene inoltre proposta una nuova tassa sui dividendi azionari e sui profitti immobiliari, al fine di colpire la speculazione nelle aree edificabili delle grandi città.

Giovanni Leone
Questi indirizzi programmatici ispirati alla riforma delle strutture economico- sociali del paese, subiscono un primo momento di arresto con le elezioni del 28 aprile 1963, che vedono una notevole flessione (- 4,1%) della DC, una più lieve flessione socialista e un consistente incremento del PCI (+ 2,6) e del PLI (+ 3,5). Appare in quel momento difficile - soprattutto per le resistenze della sinistra del PSI - varare un governo di centro-sinistra. Il nuovo presidente della Repubblica Antonio Segni (eletto nel maggio 1962), ripiega su un ministero di transizione, presieduto da Giovanni Leone.

Papa Roncalli: Giovanni XXIII
L'11 aprile 1963, il nuovo papa Giovanni XXIII firma l'enciclica "Pacem in Terris", sulla pace fra tutte le genti nella verità, nella giustizia, nell'amore, nella libertà, e abolisce la scomunica ali iscritti al partito comunista italiano. Il pontificato di Giovanni XXIII (1958-1963) segna una svolta nelle posizioni del Clero rispetto alla politica in Italia, e lo stesso Concilio Vaticano II è espressione di questo nuovo spirito di "aggiornamento" che anima la Chiesa cattolica.
In quegli anni la formazione di un governo di centro-sinistra, voluto da Aldo Moro, non sarà infatti ostacolata dalle gerarchie ecclesiastiche.

Papa Montini: Paolo VI
Il 30 giugno 1963 è eletto papa Giovanni Montini, lo sponsor di Giulio Andreotti, che prende il nome di Paolo VI (1963-1978),  improntato ad uno spirito innovatore, sebbene per alcuni aspetti tenesse in considerazione quelle istanze conservatrici che già avevano animato il dibattito nel Concilio Vaticano II. Paolo VI riformò la Curia romana introducendovi prelati da tutto il mondo, volle la riforma liturgica, introdusse la collegialità episcopale con il Sinodo dei vescovi. Interrompendo una lunga tradizione, compì alcuni viaggi all'estero, trasformò il Sant'Uffizio e abolì l'Indice dei libri proibiti.
Durante il suo pontificato, L'Azione Cattolica guidata da Vittorio Bachelet compì la "scelta religiosa", che segnava la fine del collateralismo dell'associazione alla politica della Democrazia Cristiana. Contemporaneamente però, l'Azione Cattolica smise di essere l'unica associazione cattolica laicale in Italia.

Paul Marcinkus
Monsignor Paul Casimir Marcinkus, di origine lituana, nato a Cicero, nei sobborghi di Chicago, il 15 gennaio 1922, studiò teologia a Roma divenendo sacerdote nel 1947. Negli anni ‘50 lavorò nella sezione inglese della Segreteria di Stato vaticana. Lì Marcinkus conobbe Giovanni Battista Montini, che nel 1963 divenne Papa col nome di Paolo VI. Sotto il pontificato di Montini la carriera di Marcinkus, sponsorizzata anche dal segretario del papa, mons. Macchi, decollò. Soprannominato "Il Gorilla" per il suo aspetto imponente e le maniere spicce, ebbe l'incarico di organizzare il servizio di guardia del corpo al papa.

Michele Sindona
Michele Sindona, siciliano, consulente finanziario del Vaticano e della mafia italo-americana (in particolare della famiglia Gambino), è stato un'operatore finanziario che negli anni '60 diventa un protagonista del mercato finanziario americano. Sospettato negli Usa di essere coinvolto nel traffico internazionale di stupefacenti e legato ad ambienti mafiosi, Sindona può continuare a gestire i suoi affari grazie ai rapporti con la democrazia cristiana, in particolare con Andreotti ed alle credenziali che costui vanta con Paolo VI.
Quest'ultimo incarica Sindona di eludere la legislazione fiscale sottraendo alla tassazione l'ingente patrimonio azionario vaticano (che esulava dai privilegi fissati dal Concordato). Sindona non tradisce le aspettative del Pontefice e trasferisce gli investimenti nel mercato esentasse degli eurodollari, tramite un rete di banche off-shore domiciliate nei paradisi fiscali. I Madonìa erano in affari con Sindona attraverso lo IOR del Vaticano.

Licio Gelli nel '41.
Licio Gelli (ex fascista e repubblichino, collaboratore da sempre dei servizi segreti americani) si iscrive alla massoneria nel 1963 e tre anni dopo, il gran maestro Giordano Gamberini lo trasferisce a dirigere la loggia "Propaganda 2", la P2, di cui diventerà "maestro venerabile" nel 1975.

Aldo Moro
Il 4 dicembre 1963, dopo la fase transitoria del "governo ponte" guidato da Giovanni Leone, si raggiunge l'accordo storico fra Dc e Psi - tanto voluto da Aldo Moro - che porta alla costituzione del primo governo della nuova storia repubblicana italiana con partecipazione dei socialisti. Pietro Nenni, leader del Psi, è vicepresidente del Consiglio; 6 sono i ministri socialisti. Al momento di porre la fiducia, però, alcuni parlamentari socialisti manifestano il loro disaccordo (25 deputati e 13 senatori escono dall'aula) e fonderanno il nuovo Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (PSIUP). Fra i dissidenti, tuttavia, c'è anche qualche democristiano, come ad esempio Mario Scelba, capofila della corrente Centrismo. Consumate tutte le polemiche, il governo ottiene la fiducia (alla Camera 350 sì, 233 no, 4 astensioni; al Senato 175 sì, 111 no). Il governo Moro I, presieduto da Aldo Moro e formato da esponenti della Democrazia Cristiana, del Partito Socialista Italiano, del Partito Socialista Democratico Italiano e del Partito Repubblicano Italiano, è stato il diciannovesimo governo della Repubblica Italiana, il secondo della IV legislatura. È rimasto in carica dal 5 dicembre 1963 al 23 luglio 1964 per un totale di 231 giorni, ovvero 7 mesi e 18 giorni.
Il 27 dicembre 1963 il governo istituisce la Regione Molise, la ventesima regione d'Italia, dallo scorporo dalla precedente Abruzzi e Molise.
Il 26 gennaio 1964, Moro si dimette da segretario della Dc, lasciando l'eredità a Mariano Rumor (della corrente dorotea) e al vice Arnaldo Forlani (fanfaniano).
Il 22 febbraio 1964 scattano i nuovi provvedimenti del governo: viene disciplinata la vendita a rate e viene varata una riforma finanziaria per trattenere la fuga di capitali (tra le altre cose, il governo riduce al 5% la quota di possesso sui titoli nominativi e mantiene al 30% quella sui titoli anonimi).
Il 25 marzo 1964, il capo dell'Arma dei Carabinieri, il generale Giovanni De Lorenzo, si incontra con i comandanti delle divisioni di Milano, Roma e Napoli e aveva pone in essere un piano finalizzato a far fronte a una situazione di estrema emergenza da parte dei carabinieri e solo essi (Piano Solo). Il piano prevedeva di occupare anche questure, sedi di partiti e sindacati. La riunione era stata autorizzata ufficialmente dal Capo di stato maggiore della difesa, generale Rossi.
Il 27 maggio 1964 i provvedimenti governativi suscitano la crisi: il ministro socialista del Bilancio, Antonio Giolitti, dice di non essere d'accordo e di prevedere un aggravamento della situazione e anche il collega democristiano del Tesoro, Emilio Colombo, afferma di prevedere un collasso dell'economia a causa dell'eccessivo aumento dei salari rispetto al reddito. Pochi giorni dopo, ad avallare questa situazione è il governatore della Banca d'Italia, Guido Carli, il quale afferma che a pagarne le conseguenze sarebbe stato l'intero sistema produttivo.
Il 2 giugno 1964, la tradizionale parata militare della Festa della Repubblica è eseguita da un numero di militari straordinariamente più elevato del solito. In occasione delle successive celebrazioni per il 150º anniversario della fondazione dell'Arma dei carabinieri, rimandata dal 7 al 14 giugno per precedenti impegni del Presidente della Repubblica, il comandante generale Giovanni De Lorenzo fa sfilare l'appena rodata brigata meccanizzata, con un'impressionante dotazione di armi e mezzi pesanti. Dopo la sfilata, adducendo motivazioni di ordine logistico, il Comando generale comunica che le truppe affluite nella Capitale per le celebrazioni vi si sarebbero trattenute sino alla fine del mese successivo. A Roma arrivano anche i paracadutisti dei corpi speciali e alcuni gruppi di sottufficiali, addestrati nei mesi precedenti nell'utilizzo di apparecchiature elettroniche di trasmissione, si trasferiscono in gran segreto e massima riservatezza a Milano e a Roma per essere preparati, in caso di attuazione del piano, così da poter occupare subito le sedi della Rai.
Il 25 giugno 1964, il governo Moro I cade su un provvedimento che riguarda l'istruzione privata. Solo 7 voti di scarto determinano il rifiuto del progetto governativo di assegnare fondi per 149 milioni di lire (una cifra irrisoria, ma gli oppositori la prendono come questione di principio). Nel calderone ci sono anche la tassa sulle automobili, l'aumento della benzina e soprattutto il nuovo piano urbanistico pensato dal ministro socialista Giovanni Pieraccini.
Il 26 giugno 1964 lo scontro è infuocato: socialisti, socialdemocratici, repubblicani, ma anche una parte della stessa Dc non sostengono i provvedimenti. Il governo non può più stare in piedi e Moro si dimette.

Dalla relazione su Gladio del 26 febbraio 1991 che Andreotti invia alla commissione Stragi: "Nel 1964, il nostro Servizio informazioni entrò nel Comitato Clandestino Alleato (CCA), organismo destinato a studiare e risolvere tutti i problemi di collaborazione fra i diversi Paesi per il funzionamento delle reti di evasione e fuga. Di questo Comitato facevano parte: Gran Bretagna, Francia, USA, Belgio, Olanda, Lussemburgo e Germania Occidentale. Inoltre, il necessario raccordo strategico nell'ambito dell'Alleanza Atlantica tra le attività di guerra non ortodossa, affidate alle reti clandestine di resistenza, e le operazioni non tradizionali effettuate, in territorio nemico o invaso dal nemico, dalle forze militari regolari, veniva attuato attraverso apposite direttive emanate dal Comando Supremo Alleato in Europa."

La contrapposizione politica che si stabilì, a livelli quasi di scontro, fra Segni, il Capo dello Stato ed il premier uscente Aldo Moro riguardava il centrosinistra: alle proposte di Moro (cui peraltro Antonio Segni doveva buona parte delle sue fortune politiche, compreso il Quirinale), che avrebbe aperto alla sinistra con maggior fiducia, col sostegno di una parte della DC ed un tiepido avvicinamento del PCI, Segni rispose proponendo, o forse minacciando, un governo di tecnici sostenuto dai militari.
La ricomposizione di un'eventuale governo di centro-sinistra non sarebbe piaciuta al presidente della Repubblica democristiano Antonio Segni, poiché vedeva, in prospettiva, rischi gravi di destabilizzazione per la democrazia italiana, anche se negli Stati Uniti, la presidenza Kennedy aveva in qualche modo mitigato la netta chiusura americana nei confronti di tali nuove esperienze di governo. Segni si consulta ripetutamente con i comandanti delle Forze Armate, in particolare con il capo del SIFAR, il servizio segreto, nonché comandante dell'Arma dei Carabinieri, generale Giovanni De Lorenzo. Contemporaneamente, il 15 luglio - fatto inedito ed irripetuto per un comandante militare- De Lorenzo è convocato ufficialmente da Segni nel corso delle consultazioni per la nomina del nuovo governo e immediatamente dopo, viene consultato anche il Capo di Stato maggiore della Difesa, generale Aldo Rossi.
L'uomo cui Segni prevedeva di dover far riferimento per l'affidamento delle funzioni di governo sarebbe stato il Presidente del Senato Cesare Merzagora, che si era poco tempo prima fatto notare per una singolare affermazione in cui dichiarava di attendersi che i partiti politici avrebbero avuto vita breve, invocando un governo di emergenza.

Il 17 luglio '64, invece, Moro si reca al Quirinale, con l'intenzione di accettare l'incarico per formare un nuovo governo di centro-sinistra. Durante le trattative infatti, il PSI, su impulso di Pietro Nenni, aveva accettato il ridimensionamento dei suoi programmi riformatori. La crisi rientrò, nessun carabiniere dovette muoversi. Moro, insieme a Nenni (che nel 1967 rievocherà quel periodo come quello del «tintinnio di sciabole»), optò per un più tranquillo e morbido ritorno alla formula governativa precedente, che avrebbe evitato rischi alquanto inquietanti, e il PSI rilasciò prudenti comunicati di rinuncia ad alcune richieste di riforme che prima aveva avanzato come prioritarie.

Il 7 agosto '64, giorno successivo all'insediamento del nuovo governo, Segni fu colpito da un ictus cerebrale nel corso di un'accesissima discussione con Moro e Saragat; la supplenza del Quirinale fu assunta dal presidente del Senato Cesare Merzagora. Qualche mese dopo, perdurando la condizione di impedimento, Segni si dimise definitivamente e al suo posto fu eletto Giuseppe Saragat. Nel dicembre del 1965, dopo aver lasciato l'Arma, De Lorenzo diventò Capo di Stato Maggiore dell'Esercito al posto del generale Giuseppe Aloja.

Giovanni De Lorenzo
Il tentativo di colpo di stato di De Lorenzo, il piano "solo", era stato tenuto ovviamente segreto, sebbene alcune voci avessero sin dall'inizio preso a circolare (sempre più insistentemente, provocando nel 1965 la metamorfosi del SIFAR, evolutosi nel pressoché identico SID, formalizzata l'anno successivo). La sua scoperta pubblica si ebbe soltanto qualche anno dopo, grazie ad alcuni articoli L'Espresso diretto da Eugenio Scalfari, che diede inizio a una campagna giornalistica che ricostruiva le vicende del «bimestre nero» dandone i connotati di un golpe incompiuto ma innegabile. Alla «bomba» dell'Espresso seguirono una causa giudiziaria tra De Lorenzo da una parte, Scalfari e Lino Jannuzzi (autore degli articoli) dall'altra; dopo una condanna dei giornalisti in primo grado tutto si concluse con una remissione di querela. Immediatamente De Lorenzo fu rimosso dal suo incarico allo Stato Maggiore dell'Esercito e furono avviate procedure di inchiesta da parte di diversi enti; per i carabinieri fu il vice-comandante generale, il generale Giorgio Manes, già precedentemente in urto col De Lorenzo (ed anche con uno dei suoi successori, Ciglieri) e uno fra i primi ad ammettere pubblicamente l'esistenza del piano, a dirigere un'investigazione che si risolse nel famoso «rapporto Manes». Manes, in realtà, era ben partecipe (come subordinato) del piano e anzi taluni suoi appunti privati del tempo furono in seguito esaminati in sede giudiziaria per ricostruire le fasi dell'approntamento del piano.
Fu istituita una commissione parlamentare d'inchiesta che, insieme alle inchieste militari, censurò con espressioni dure il comportamento tenuto da De Lorenzo, ma ritenne che il suo piano illegittimo (perché approntato all'insaputa dei responsabili governativi e delle altre forze dell'ordine e affidato unicamente ai carabinieri) fosse irrealizzabile e fantasticante, bollandolo come «una deviazione deprecabile» ma non come un tentativo di colpo di Stato. Parte del materiale raccolto dagli organismi che avevano indagato fu coperto da omissis per motivi di sicurezza, facendo mancare perciò il necessario materiale d'esame, e anche la lista degli «enucleandi» andò perduta (mentre dei fascicoli SIFAR si dispose la distruzione).
Nel frattempo, nel 1968, De Lorenzo diventò deputato nelle fila del Partito Democratico Italiano di Unità Monarchica (e dal 1971 nel Movimento Sociale Italiano) e, nel nuovo ruolo, con la mozione n.484 del 9 ottobre 1968, tentò di organizzare e decidere come si sarebbero svolti i lavori di inchiesta parlamentare che lo riguardavano. Nel 1990 il governo presieduto da Giulio Andreotti deliberò la rimozione degli omissis ed emerse che anche la sede del PSI avrebbe dovuto essere occupata, con 20.000 carabinieri da impiegare.

Loris Fortuna
Nel 1965, in concomitanza con la presentazione alla Camera dei deputati di un progetto di legge per il divorzio da parte del deputato socialista Loris Fortuna, inizia la mobilitazione del Partito Radicale per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema dell'istituzione del divorzio in Italia.

Marco Pannella ad un comizio.
Nel 1969, in un periodo di fioritura di diversi movimenti ecclesiali, viene fondata da don Luigi Giussani “Comunione e Liberazione”, caratterizzata da un forte senso di appartenenza reciproca e da una religiosità neointransigente e di impegno sociale (Compagnia delle Opere) e di influsso sulla vita politica. La contrapposizione tra lo stile associativo dell'Azione Cattolica e quello di Comunione e Liberazione avrebbe segnato per i decenni a venire l'associazionismo cattolico del Paese. Intanto il partito Radicale, con Pannella in testa, insieme alla Lega italiana per l'istituzione del divorzio (LID), si mobilita con grandi manifestazioni di massa e una continua azione di pressione sui parlamentari laici e comunisti ancora incerti per ottenere una legge sul divorzio.

Sede dello IOR.
Lo IOR, in quanto istituto che opera con modalità proprie, non è mai stato tenuto a nessun tipo di informativa - né verso i propri clienti, né verso terzi - né tanto meno a pubblicare un bilancio o un consuntivo sulle proprie attività. A ogni cliente viene fornita una tessera di credito con un numero codificato: né nome né foto. Con questa si viene identificati: alle operazioni non si rilasciano ricevute, nessun documento contabile. Non ci sono libretti di assegni intestati allo IOR: chi li vuole dovrà appoggiarsi alla Banca di Roma, convenzionata con l'istituto vaticano.
I clienti dello IOR possono essere solo esponenti del mondo ecclesiastico: ordini religiosi, diocesi, parrocchie, istituzioni e organismi cattolici, cardinali, vescovi e monsignori, laici con cittadinanza vaticana, diplomatici accreditati alla Santa Sede. A questi si aggiungono i dipendenti del Vaticano e pochissime eccezioni, selezionate con criteri non conosciuti.
Il conto può essere aperto in euro o in valuta straniera: circostanza, questa, inedita rispetto alle altre banche. Aperto il conto, il cliente può ricevere o trasferire i soldi in qualsiasi momento da e verso qualsiasi banca estera. Senza alcun controllo. Per questo, negli ambienti finanziari, si dice che lo IOR è l'ideale per chi ha capitali che vuole far passare inosservati. I suoi bilanci sono noti a una cerchia ristrettissima di cardinali, qualsiasi passaggio di denaro avviene nella massima riservatezza, senza vincoli né limiti.
Lo IOR è indipendente dagli altri due istituti finanziari vaticani e sulla sua attività si sa soltanto che è gestito da cardinali di alto livello e da banchieri internazionali.

Salvo Lima con Giulio Andreotti
e dietro Flaminio Piccoli.
Nello stesso 1969, Marcinkus viene nominato vescovo e presidente dello IOR. I prelati vaticani avevano capito l’importanza di dirottare le cospicue finanze della Santa Sede altrove (e non nelle partecipazioni azionarie di dubbia moralità quali quelle dell'“Acquamarcia”, della “Wurth - Divisione Armi”, ecc.).
Per quasi 20 anni egli ha diretto lo IOR, capendo subito che direzione prendere: verso i paradisi fiscali (off-shore) e i giochi sporchi delle scatole cinesi. La sede dello IOR cominciò ad essere frequentata da personaggi mafiosi o corrotti: Salvo Lima, Ignazio Salvo, Michele Sindona, ecc.
Come capo della Banca Vaticana, e di una banca che non pubblica un bilancio annuale e non dà informazioni sui propri investimenti, Marcinkus fece accordi anche con Michele Sindona, uomo d'affari siciliano con agganci nel mondo della mafia, presidente della Banca Privata, che in quegli anni comprò o fondò moltissimi tra istituti di credito e società finanziarie, spesso creati in paradisi fiscali grazie alle prerogative derivanti dalla extraterritorialità dello IOR.
Principato del Liechtenstein.
Tra i paradisi fiscali più importanti va annoverato lo staterello del Liechtenstein (30 mila abitanti di cui 5000 nella capitale Vaduz, con centinaia di banche e società finanziarie), il quale venne separato dalla diocesi svizzera di Coira e proclamato Arcidiocesi di Vaduz, immediatamente soggetta alla Santa Sede. Il Principe regnante del Liechtenstein, titolare di una immensa ricchezza (controlla la più importante banca del principato) è devotissimo di Santa Romana Chiesa.
Isole Cayman, Giamaica e Bahamas.
Altri paradisi fiscali utilizzati dal Vaticano sono quello delle isole Cayman - diocesi di Kingston in Giamaica - e delle Turks and Caicos - diocesi di Nassau, alle Bahamas - sottratte alle rispettive diocesi, e proclamate “sui iuris”, e affidate a due eminenti Arcivescovi americani di grandi aderenze nella Segreteria di Stato Vaticana.
Le isole Bahamas.
Tra le relazioni d'affari di Marcinkus è molto importante quella con David Kennedy, allora Presidente della Continental Illinois National Namk di Chicago, che sarà nominato ministro del Tesoro nell'amministrazione Nixon nel 1969. Questo rapporto è importante perché è proprio il banchiere-ministro che metterà Marcinkus in contatto con Michele Sindona, che gli presenterà poi Roberto Calvi, del Banco Ambrosiano.
Lo IOR finirà più volte nel mirino della Sec americana (che la multerà per operazioni finanziarie illecite) e della Banca d'Italia.

La strategia della tensione in Italia è una teoria politica che indica generalmente un periodo storico molto tormentato della storia d'Italia, in particolare negli anni settanta del XX secolo, conosciuto come anni di piombo. L'arco temporale si concentrerebbe in un periodo storico che andrebbe dalla strage di piazza Fontana (12 dicembre 1969) alla strage di Bologna (2 agosto 1980), sebbene alcuni studiosi retrodatino l'inizio di tale strategia alla strage di Portella della Ginestra (1º maggio 1947) o al Piano Solo (1964), il fallito colpo di Stato progettato dal generale dell'Arma dei Carabinieri e capo del SIFAR, Giovanni De Lorenzo.
Questo periodo è stato caratterizzato dalla commistione di un terrorismo neofascista molto violento e da un mai chiarito terrorismo di Stato sostenuto da alcuni settori militari e politici che intendevano attuare un colpo di Stato in funzione anticomunista, specialmente dopo il movimento del Sessantotto e l'autunno caldo. Tale terrorismo si espresse soprattutto in stragi rivolte senza movente contro cittadini comuni o contro gruppi di antifascisti e militanti di sinistra (al punto che molti di loro, parlando di "democrazia limitata", optarono per la scelta della lotta armata e del terrorismo, contrapponendosi allo stato italiano).
Si inscrive nella strategia della tensione il periodico verificarsi di stragi od attentati, tendenzialmente compiuti con esplosivi in luoghi pubblici o mezzi di locomozione di massa; la maggioranza non furono rivendicati ma ebbero (come ricostruito) come movente il favorire velleità di golpe o agire come minaccia e intimidazione nei confronti del fronte antifascista di sinistra (o di magistrati che indagavano sull'eversione nera), con l'eccezione della bomba del 1984, legata alla mafia:
- Il 25 aprile 1969 scoppia una bomba al padiglione FIAT della Fiera di Milano, provocando diversi feriti gravi, ma nessun morto, e un'altra bomba viene ritrovata all'Ufficio Cambi della Stazione Centrale. Qualche mese dopo, il 9 agosto vengono fatte scoppiare otto bombe su diversi treni, che provocano dodici feriti.
- Il 12 dicembre 1969 una bomba esplose all'interno della sede della Banca Nazionale dell'Agricoltura in Piazza Fontana a Milano, provocando diciassette vittime e ottantotto feriti; nello stesso giorno viene trovata una seconda bomba inesplosa nella sede milanese della Banca Commerciale Italiana, in piazza della Scala, mentre altre tre bombe esplosero a Roma, una nel passaggio sotterraneo che collega l'entrata di via Veneto della Banca Nazionale del Lavoro con quella di via di San Basilio (tredici feriti) e altre due nei pressi dell'Altare della Patria (quattro feriti)
- Il 22 luglio 1970 un treno deraglia sui binari sabotati precedentemente da una bomba nei pressi della stazione di Gioia Tauro, uccidendo sei persone e ferendone una sessantina.
- Il 31 maggio 1972, una Fiat 500 imbottita di esplosivo esplose nei pressi di Peteano, frazione di Sagrado, in provincia di Gorizia, uccidendo tre carabinieri e ferendone altri due.
- Il 17 maggio 1973 l'anarchico Gianfranco Bertoli lanciò una bomba a mano sulla folla durante una cerimonia davanti la Questura di Milano, provocando quattro vittime e una quarantina di feriti.
- Il 28 maggio 1974, durante una manifestazione sindacale in Piazza della Loggia a Brescia, una bomba nascosta in un cestino portarifiuti uccise otto persone mentre un centinaio rimasero ferite.
- Il 4 agosto 1974 una bomba esplose su una carrozza del treno Italicus all'uscita della Grande galleria dell'Appennino, nei pressi di San Benedetto Val di Sambro, in provincia di Bologna, provocando dodici vittime e centocinque feriti.
- Il 2 agosto 1980 una bomba esplose nella sala d'aspetto della stazione di Bologna, uccidendo ottantacinque persone e provocando circa duecento feriti.
- Il 23 dicembre 1984 una bomba esplose su una carrozza del Rapido 904, ancora presso la Grande galleria dell'Appennino a San Benedetto Val di Sambro, in cui diciassette persone persero la vita e oltre duecentosessanta rimasero ferite.
Talvolta sono stati considerati parte di una strategia della tensione o affini ad essa, anche la strage di Alcamo Marina e l'omicidio di Giorgiana Masi. I giudici Vittorio Occorsio e Mario Amato, che indagavano sui rapporti tra neofascismo e stragismo, vennero invece assassinati da due militanti di estrema destra.
Gli elementi probatori, le prove, sono state spesso frammentarie, in parte andate perdute o distrutte (ad arte o involontariamente a seconda delle opinioni). In particolare, fu accertata l'attiva interferenza di servizi segreti italiani. Da documenti pubblicati sul sito Wikileaks, hackerati dal 2010 al 2013 dai server del governo statunitense, sono emersi i cosiddetti "Kissinger Cables", comunicazioni diplomatiche inviate, tra gli altri, anche dall'ambasciata di Roma, e diretti al Dipartimento di Stato di Washington DC, durante l'ultima parte del segretariato di Henry Kissinger e il periodo immediatamente successivo (1973-1976): da questi cablogrammi emerge l'insofferenza della diplomazia americana per la repressione dei vari progetti eversivi dell'estrema destra neofascista da parte della magistratura italiana, che viene accusata di volere una svolta a sinistra. Emerge inoltre la richiesta fatta al governo italiano di controllare gli apparati dello Stato per impedirne la politicizzazione e penetrazione da parte dei comunisti. Molte comunicazioni riguardano il ruolo dei servizi segreti italiani e del capo del SID Vito Miceli e l'avversione per il ministro democristiano Paolo Emilio Taviani, considerato troppo morbido con l'estrema sinistra, e troppo preoccupato nei confronti del neofascismo.
Altri documenti dello stesso sito riguardano un possibile coinvolgimento dell'aviazione statunitense nella strage di Ustica (cablogrammi inviati dall'ambasciatore nel 1992 e nel 2003); in uno l'ambasciatore ribadisce che sosterrebbe l'ipotesi della bomba a bordo, proposta da Carlo Giovanardi, in quanto negherebbe le responsabilità della NATO, se non ci fossero le prove del missile ormai rese pubbliche; l'ambasciatore rivela inoltre del timore americano di una nuova "fuga di notizie".
Vincenzo Vinciguerra, terrorista neofascista di Ordine Nuovo e poi di Avanguardia Nazionale, condannato e reo confesso per la strage di Peteano, ha reso dichiarazioni spontanee ai magistrati (non motivate dall'avere sconti di pena come quelle di altri «pentiti» neofascisti sulle stragi, per questo ritenute più attendibili) sui coinvolgimenti dell'estrema destra nella strategia della tensione e, riguardo alla strage di Bologna, ha fatto riferimento alla struttura clandestina anticomunista della NATO in Italia, nota poi come Organizzazione Gladio, e ai suoi settori deviati; queste allusioni e rivelazioni furono da lui ripetute in varie interviste successive. Ha inoltre paragonato la dinamica a quella di una tentata strage, fallita, il 28 agosto 1970 alla stazione di Verona (oltre che a quella del 30 luglio 1980). Ha poi affermato la colpevolezza di Mambro e Fioravanti nella strage del 2 agosto (e quindi il fatto che anche i NAR furono spinti a partecipare alla strategia della tensione, come era accaduto agli altri gruppi di estrema destra, in cambio di protezione), e che, a suo parere, avrebbero avuto coperture politiche anche da parte del MSI e dei suoi eredi diretti. Queste pressioni - di persone che poi avrebbero avuto importanti ruoli governativi e amministrativi negli anni novanta e duemila - attribuì, sempre secondo il suo personale parere, i benefici di legge a loro concessi, nonostante i numerosi ergastoli comminati. Vinciguerra non sarà testimone diretto nel processo di Bologna. Nel 1991 un documento cercò di attribuire la strage del 2 agosto ai «gladiatori»: il testo, datato 19 maggio 1982, era catalogato con un semplice «numero 18», riferiva che l'esplosivo usato proveniva da un deposito di Gladio, e apparivano le firme di Paolo Inzerilli (capo di stato maggiore del SISMI nel 1991) e dell'ammiraglio Fulvio Martini. In seguito si scoprì che il documento era falso, scritto su carta intestata dei servizi segreti e arrivato per vie anonime, poiché nel 1982 Martini non era ancora arrivato ai vertici del controspionaggio militare (era vicesegretario generale della Difesa), mentre Inzerilli non poteva siglare i documenti in quanto era direttore di divisione del SISMI. Un'altra incongruenza riguardava l'uso del materiale esplosivo per Bologna, poiché quello di Gladio era stato ritirato completamente nel 1972.
« Il 28 giugno 1980, con una telefonata al “Corriere della sera”, utilizzando la sigla dei Nar e il nome di un confidente di Questura, Marco Affatigato, si avvia il primo depistaggio, quello che pretende che il Dc-9 Itavia sia esploso per la deflagrazione al suo interno di una bomba trasportata dal “terrorista” dei Nar. (...) Le stragi italiane non sono un mistero e, soprattutto, non sono ideologicamente definibili come “fasciste”. Portella della Ginestra, affidata al mafioso Salvatore Giuliano, è riferibile a settori della Democrazia cristiana, Partito liberale e monarchici; quella di piazza Fontana doveva servire, insieme ai sanguinosi incidenti che sarebbero seguiti alla manifestazione indetta dal Msi a Roma il 14 dicembre 1969, a far proclamare dal governo presieduto da Mariano Rumor lo stato di emergenza; la strage compiuta dal confidente del Sid Gianfranco Bertoli il 17 maggio 1973, a Milano, aveva come obiettivo il “traditore” Mariano Rumor; quelle di Brescia (28 maggio 1974), dell'Italicus (4 agosto 1974) e di Savona (20 novembre 1974) sono derivate dallo scontro durissimo e feroce all'interno dell'anticomunismo italiano ed internazionale. La strage di Ustica, impossibile da spiegare all'opinione pubblica perché un aereo civile delle dimensioni di un Dc-9 non si può confondere con un minuscolo caccia militare, era in grado di destabilizzare sia l'ordine pubblico che quello politico. Indirizzare lo sdegno della popolazione nei confronti dello “stragismo fascista” è stato il modo, ritenuto più idoneo, per neutralizzare il pericolo. [...] La strage di Bologna, spostando l'attenzione pubblica sullo “stragismo fascista”, ha consentito di guadagnare tempo, di far lavorare in relativa tranquillità i depistatori militari ed i giudici romani chiamati a paralizzare le indagini sull'abbattimento del Dc-9 ad Ustica, ha avvalorato infine la tesi della bomba che, non a caso, è quella che ha retto per più tempo in contrapposizione a quella del missile. » (Vincenzo Vinciguerra, ex terrorista nero, autore della strage di Peteano, un atto terroristico avvenuto il 31 maggio 1972 a Peteano, frazione del comune di Sagrado, in provincia di Gorizia, compiuta dal reo confesso Vincenzo Vinciguerra, da Carlo Cicuttini e Ivano Boccaccio, neofascisti aderenti ad Ordine Nuovo. La strage, definita anche trappola di Peteano per le modalità con cui si svolse, provocò la morte di tre uomini dell'Arma dei Carabinieri: il brigadiere Antonio Ferraro di 31 anni e i carabinieri Donato Poveromo e Franco Dongiovanni di 33 e 23 anni. Rimasero gravemente feriti il tenente Angelo Tagliari e il brigadiere Giuseppe Zazzaro.)

Dopo la strage di piazza Fontana alcuni movimenti radicali, in particolare dell'estrema sinistra, adottarono gli slogan «strage di stato» o «terrorismo di stato» per indicare la loro convinzione che vi fosse la partecipazione nascosta (o il benestare) di settori dello Stato in azioni terroristiche ai danni del proprio popolo: tale teoria sarebbe consistita nella divisione, manipolazione e controllo dell'opinione pubblica mediante l'uso di paura, propaganda, disinformazione, manovre psicologiche, agenti provocatori e attentati terroristici compiuti mediante l'utilizzo della tecnica del False flag (cioè congegnati in modo tale da farli apparire ideati ed eseguiti da membri di organizzazioni dell'estrema sinistra o gruppi anarchici), nei quali era coinvolto un coacervo di forze e soggetti tra loro differenti (gruppi terroristici della destra neofascista, logge coperte della massoneria, parti deviate dei servizi segreti, nonché strutture e organizzazioni segrete, come ad esempio Rosa dei venti, e, talvolta, formazioni paramilitari, finanziate e addestrate direttamente dalla CIA come Gladio, un'organizzazione stay behind nata inizialmente per contrastare le azioni di spionaggio ed un eventuale attacco delle forze del Patto di Varsavia e dell'Unione Sovietica ai paesi della NATO).

Il giudice Guido Salvini che indagò su piazza Fontana, l'attentato che inaugurò la strategia della tensione, ha dichiarato che: « Anche nei processi conclusisi con sentenze di assoluzione per i singoli imputati è stato comunque ricostruito il vero movente delle bombe: spingere l'allora Presidente del Consiglio, il democristiano Mariano Rumor, a decretare lo stato di emergenza nel Paese, in modo da facilitare l'insediamento di un governo autoritario. [...] Erano state seriamente progettate in quegli anni, anche in concomitanza con la strage, delle ipotesi golpiste per frenare le conquiste sindacali e la crescita delle sinistre, viste come il “pericolo comunista”, ma la risposta popolare rese improponibili quei piani. L'on. Rumor fra l'altro non se la sentì di annunciare lo stato di emergenza. Il golpe venne rimandato di un anno, ma i referenti politico-militari favorevoli alla svolta autoritaria, preoccupati per le reazioni della società civile, scaricarono all'ultimo momento i nazifascisti. I quali continuarono per conto loro a compiere attentati. »

Nel 1970, nel corso del pontificato di Paolo VI, al referendum abrogativo sull'impedimento del divorzio, gli italiani votano per l'introduzione in Italia dell'istituto del divorzio, fortemente contrastato dai cattolici, che promuoveranno il successivo referendum abrogativo del 1974 ma ne risulteranno sconfitti.
Il 1º dicembre 1970 il divorzio viene introdotto nell'ordinamento giuridico italiano, venendo approvata la legge 1º dicembre 1970, n. 898 "Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio", la cosiddetta legge Fortuna-Baslini, risultato della combinazione del progetto di legge di Loris Fortuna con un altro pdl presentato dal deputato liberale Antonio Baslini, nonostante l'opposizione della Democrazia Cristiana, del Movimento Sociale Italiano, della Südtiroler Volkspartei e dei monarchici del Partito Democratico Italiano di Unità Monarchica. I voti favorevoli sono stati invece quelli del Partito Socialista Italiano, del Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria, del Partito Comunista Italiano, del Partito Socialista Democratico Italiano, del Partito Repubblicano Italiano e del Partito Liberale Italiano. Nello stesso anno il Parlamento approva le norme che istituiscono il referendum abrogativo con la legge n.352 del 1970, in corrispondenza alle ampie polemiche in merito all'introduzione del divorzio in Italia.

Julio Valerio Borghese
Con colpo di stato Borghese (citato anche come golpe dei forestali o golpe dell'Immacolata) si indica un tentato colpo di Stato in Italia durante la notte tra il 7 e l'8 dicembre 1970 (chiamata anche notte di Tora Tora, in ricordo dell'attacco giapponese a Pearl Harbor del 7 dicembre 1941) e organizzato da Junio Valerio Borghese, sotto la sigla Fronte Nazionale, in stretto rapporto con Avanguardia Nazionale. Borghese, noto anche con il soprannome di principe nero, era in precedenza conosciuto per essere stato il comandante della Xª Flottiglia MAS fin dal 1º maggio 1943 e dopo l'8 settembre 1943 con il proprio reparto aveva aderito alla Repubblica Sociale Italiana. Il golpe fu annullato dallo stesso Borghese mentre era in corso di esecuzione, per motivi mai chiariti. La loggia massonica P2 ebbe una parte rilevante nel tentativo di colpo di stato del principe Julio Valerio Borghese.

Gabrio Lombardi
Nel gennaio del 1971 viene depositata in Corte di cassazione la richiesta di referendum abrogativo da parte del "Comitato nazionale per il referendum sul divorzio", presieduto dal giurista cattolico Gabrio Lombardi, con il sostegno dell'Azione cattolica e l'appoggio esplicito della CEI e di gran parte della DC e del Movimento Sociale Italiano.
Nilde Iotti
Dopo un'iniziale contrarietà circa l'uso dello strumento referendario in materia di diritti civili, il Partito Radicale e il Partito Socialista si schierano a favore della tenuta del referendum e partecipano alla raccolta delle firme necessarie (500.000), mentre lo stesso non fanno gli altri partiti laici, che tentano di modificare la legge in Parlamento (con compromesso Andreotti-Jotti), sia per evitare ulteriori strappi con il Vaticano, sia per l'incognita di un referendum sul cui risultato parte del fronte divorzista è pessimista. Dopo il deposito presso la Corte di Cassazione di oltre un milione e trecentomila firme, la richiesta supera il controllo dell'Ufficio centrale per il referendum e il giudizio di ammissibilità della Corte Costituzionale.
Il 12 maggio 1974, con il Referendum sul divorzio, gli italiani sono chiamati a decidere se abrogare la legge Fortuna-Baslini che aveva istituito in Italia il divorzio. Partecipano al voto l'87,7% degli aventi diritto, votano no il 59,3%, mentre i sì sono il 40,7%: la legge sul divorzio rimane in vigore.

Michele Sindona 
Nel 1974, anno del crac della Banca Privata Italiana (in cui rimedia una condanna a 15 anni), Michele Sindona viene anche accusato di bancarotta dal governo americano (per il crac della banca Franklin, condanna a 25 anni).

Il cosiddetto "golpe bianco" è stato il progetto di un presunto colpo di stato di stampo liberale e presidenzialista in Italia, promosso da ex partigiani antifascisti e anticomunisti che venne predisposto nell'agosto del 1974, al fine di costringere l'allora Presidente della Repubblica Giovanni Leone a nominare un governo che mettesse mano alle riforme istituzionali, per ostacolare, nell'ambito della guerra fredda contro l'Unione Sovietica, l'ascesa del Partito Comunista Italiano o di altri gruppi comunisti e realizzare una repubblica semipresidenziale come quella di Charles de Gaulle in Francia, relegando fuori dalla vita politica anche i gruppi post-fascisti come il Movimento Sociale Italiano. Il progetto ebbe come principali promotori il monarchico Edgardo Sogno (ex PLI) ed il repubblicano Randolfo Pacciardi e venne portato alla luce dall'allora magistrato Luciano Violante (in seguito deputato comunista e del PDS), ma non venne attuato né venne mai accertato a livello giudiziario, rimanendo al solo stato di ideazione teorica. La locuzione "golpe bianco" (in alternativa "golpe silenzioso" o "golpe morbido") è entrata poi nel linguaggio comune per indicare più in generale un colpo di Stato svolto senza ricorso alla forza, da parte di un governo che eserciti il potere in modo anticostituzionale.

Gian Adelio Maletti, l'ex capo dell'ufficio D del SID (dal 1971 al 1975), ora cittadino sudafricano e con diverse condanne pendenti in Italia (tra cui quelle relative ai depistaggi dei servizi nelle indagini sulla strage di piazza Fontana) il 4 agosto 2000 rilascia un'intervista al quotidiano "La Repubblica" in cui parla del coinvolgimento della CIA nelle stragi compiute dai gruppi di destra: secondo Maletti non sarebbe stata determinante nella scelta dei tempi e degli obbiettivi, ma avrebbe fornito ad Ordine Nuovo e ad altri gruppi di destra attrezzature ed esplosivo (tra cui, in base a quanto riferisce Maletti sulle indagini effettuate allora dal SID, anche quello impiegato nella strage di piazza Fontana) con lo scopo di creare un clima favorevole ad un colpo di stato simile a quello avvenuto nel 1967 in Grecia e del fatto che al SID, nonostante questo servizio informasse il governo di quanto scoperto, non fu mai chiesto di intervenire.

Pier Paolo Pasolini
Il 14 novembre del 1974, il Corriere della Sera pubblicò l'articolo "Cos'è questo golpe? Io so", scritto dall'intellettuale e scrittore Pier Paolo Pasolini, in cui accusava la Democrazia Cristiana e gli altri partiti suoi alleati nel governo di essere i veri mandanti delle stragi, a partire da piazza Fontana:
« Io so. Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato "golpe" (e che in realtà è una serie di "golpe" istituitasi a sistema di protezione del potere). Io so i nomi dei responsabili della strage di Milano del 12 dicembre 1969. Io so i nomi dei responsabili delle stragi di Brescia e di Bologna dei primi mesi del 1974. Io so i nomi del "vertice" che ha manovrato, dunque, sia i vecchi fascisti ideatori di "golpe", sia i neo-fascisti autori materiali delle prime stragi, sia infine, gli "ignoti" autori materiali delle stragi più recenti. Io so i nomi che hanno gestito le due differenti, anzi, opposte, fasi della tensione: una prima fase anticomunista (Milano 1969) e una seconda fase antifascista (Brescia e Bologna 1974). Io so i nomi del gruppo di potenti, che, con l'aiuto della Cia (e in second'ordine dei colonnelli greci della mafia), hanno prima creato (del resto miseramente fallendo) una crociata anticomunista, a tamponare il '68, e in seguito, sempre con l'aiuto e per ispirazione della Cia, si sono ricostituiti una verginità antifascista, a tamponare il disastro del "referendum".Io so i nomi di coloro che, tra una Messa e l'altra, hanno dato le disposizioni e assicurato la protezione politica a vecchi generali (per tenere in piedi, di riserva, l'organizzazione di un potenziale colpo di Stato), a giovani neo-fascisti, anzi neo-nazisti (per creare in concreto la tensione anticomunista) e infine criminali comuni, fino a questo momento, e forse per sempre, senza nome (per creare la successiva tensione antifascista). Io so i nomi delle persone serie e importanti che stanno dietro a dei personaggi comici come quel generale della Forestale che operava, alquanto operettisticamente, a Città Ducale (mentre i boschi italiani bruciavano), o a dei personaggio grigi e puramente organizzativi come il generale Miceli. Io so i nomi delle persone serie e importanti che stanno dietro ai tragici ragazzi che hanno scelto le suicide atrocità fasciste e ai malfattori comuni, siciliani o no, che si sono messi a disposizione, come killer e sicari. Io so tutti questi nomi e so tutti i fatti (attentati alle istituzioni e stragi) di cui si sono resi colpevoli. Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi. Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà, la follia e il mistero » (Pier Paolo Pasolini, Corriere della Sera, 14 novembre 1974.)

Poi rincarò la dose, e fece i nomi di importanti politici, circa due mesi prima il suo omicidio, che avvenne il 2 novembre 1975: « Andreotti, Fanfani, Rumor, e almeno una dozzina di altri potenti democristiani, dovrebbero essere trascinati sul banco degli imputati. E quivi accusati di una quantità sterminata di reati: indegnità, disprezzo per i cittadini, manipolazione del denaro pubblico, intrallazzo con i petrolieri, con gli industriali, con i banchieri, collaborazione con la Cia, uso illegale di enti come il Sid, responsabilità nelle stragi di Milano, Brescia e Bologna (almeno in quanto colpevole incapacità di colpirne gli esecutori), distruzione paesaggistica e urbanistica dell'Italia, responsabilità della degradazione antropologica degli italiani, responsabilità dell'esplosione "selvaggia" della cultura di massa e dei mass-media, corresponsabilità della stupidità delittuosa della televisione. Senza un simile processo penale, è inutile sperare che ci sia qualcosa da fare per il nostro paese. È chiaro infatti che la rispettabilità di alcuni democristiani (Moro, Zaccagnini) o la moralità dei comunisti non servono a nulla. » (Pier Paolo Pasolini, Processare la Dc.)

Il Banco Ambrosiano era nato nel 1893 come istituto bancario cattolico. Roberto Calvi, nato nel 1920, era entrato in servizio all'Ambrosiano nel 1946. Alla fine degli anni '60 aveva conosciuto il "banchiere della mafia" Michele Sindona, vicino ad Umberto Ortolani, il numero due della P2, e le relazioni d'affari tra i due erano divenute fiorenti. Nel 1971 Calvi diventa direttore generale del Banco Ambrosiano e Sindona lo mette in contatto con monsignor Marcinkus, fatto da Paolo VI presidente dell'Istituto per le Opere Religiose nel 1969, e con Licio Gelli, capo della P2. Nel 1975 Calvi è affiliato alla P2 e viene eletto presidente del consiglio d'amministrazione dell'Ambrosiano.
Così Calvi, Sindona e Marcinkus fondano in società una banca nel paradiso fiscale delle Bahamas, la Cisalpine Overseas Bank., per sottrarsi al controllo delle autorità monetarie italiane: alle imprese del trio partecipavano la massoneria, i servizi segreti e la mafia.
Dagli anni '70 fino al crac del 1983, il Banco Ambrosiano sarà il maggiore strumento nazionale di riciclaggio di denaro sporco, proveniente dalla mafia, dalla P2, dai servizi segreti deviati, dai traffici illeciti di faccendieri e dai politici. Calvi farà di tutto per espandere l'attività della banca all'estero (Sudamerica, Cina, Svizzera, Bahamas), trasferendo cifre astronomiche su conti segreti (Licio Gelli, Pippo Calò, Francesco Pazienza, Flavio Carboni, Umberto Ortolani), operando scalate azionarie e tentando di acquistare quotidiani (p.es. il Corriere della Sera nel 1976).

Lussemburgo
Nel Lussemburgo ritroviamo Calvi non solamente nelle holding dei gruppo Ambrosiano, ma anche come membro dei consiglio d'amministrazione della Kreclietbank Luxembourg (che occupa, in Cedel, un posto di primo piano). D'altra parte, la principale loggia massonica lussemburghese lo accetta tra le sue fila, mentre rifiuta l'ammissione a Michele Sindona, sapendo che questi era stato condannato in Italia nel 1976 e che era stato arrestato negli Stati Uniti.
Dopo aver riversato vistosi capitali del Banco nelle casse dello IOR, fidandosi delle promesse che alcuni leader della DC, tra cui anzitutto Andreotti, gli avevano fatto circa l'acquisizione di altri gruppi bancari, Calvi si ritrovò invece ad avere un debito colossale di circa 1,2-1,5 miliardi di dollari (500 miliardi di lire), di cui non è in grado di rendere conto alla Banca d'Italia (ma si pensa che il buco s'aggirasse sui 3.000 miliardi di lire).
Nel 1978 vi è un'ispezione effettuata dalla Banca d'Italia all'Ambrosiano.

Aldo Moro (Maglie, 23 settembre 1916 - Roma, 9 maggio 1978) è stato un politico, accademico e giurista italiano, cinque volte Presidente del Consiglio dei ministri, segretario politico e presidente del consiglio nazionale della Democrazia Cristiana. Fu tra i fondatori della Democrazia cristiana e suo rappresentante alla Costituente e ne divenne il segretario (nel 1959). Nello stallo dei governi italiani del dopoguerra, preoccupati di non coinvolgere le sinistre nell'esecutivo ma piuttosto le destre, caldeggiava invece coalizioni di centro-sinistra, finché non le realizzò. Fu più volte ministro e come presidente del Consiglio guidò diversi governi di centro-sinistra (nel 1963-68), promuovendo nel periodo 1974-76 la cosiddetta strategia dell'attenzione verso il Partito Comunista Italiano, attenzione che pagò a caro prezzo.
Aldo Moro
Fu rapito dalle Brigate Rosse il 16 marzo 1978 mentre preparava un governo che in qualche modo avrebbe coinvolto il PCI e ucciso il 9 maggio successivo.
Ferdinando Imposimato (nato a Maddaloni il 9 aprile 1936), magistrato, politico e avvocato italiano, presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione. In qualità di ex giudice istruttore della vicenda dice: “L’uccisione di Moro è avvenuta per mano delle Brigate Rosse, ma anche e soprattutto per il volere di Giulio Andreotti (all'epoca presidente del consiglio, n.d.r.), Francesco Cossiga (all'epoca ministro dell'interno, n.d.r.) e del sottosegretario Nicola Lettieri”.
Francesco Cossiga
Poi ha aggiunto: “Se non mi fossero stati nascosti alcuni documenti li avrei incriminati per concorso in associazione per il fatto. I servizi segreti avevano scoperto dove le BR lo nascondevano, così come i carabinieri. Il generale Dalla Chiesa avrebbe voluto intervenire con i suoi uomini e la Polizia per liberarlo in tutta sicurezza, ma due giorni prima dell’uccisione ricevettero l’ordine di abbandonare il luogo attiguo a quello della prigionia”.
Strage di Piazza Fontana
“Quei politici - ha detto Imposimato - sono responsabili anche delle stragi: da Piazza Fontana a quelle di Via D’Amelio. Lo specchietto per le allodole si chiama Gladio (apparato militare segreto filo-NATO per impedire alle sinistre di governare, n.d.r.). A Falcone e Borsellino rimprovero soltanto di non aver detto quanto sapevano, perché avevano capito e intuito tutto, tacendo per rispetto delle istituzioni. Per ucciderli Cosa Nostra ha eseguito il volere della Falange Armata, una frangia dei servizi segreti”.
Probabilmente le Brigate Rosse, con la loro struttura clandestina e piramidale, non sapevano da chi erano realmente mossi.

Donne che rivendicano i propri diritti.
Il 22 maggio 1978 è approvata la legge 194 sull'interruzione volontaria di gravidanza entro 90 giorni dal concepimento, nonostante le ripetute condanne del Clero. Da quel momento i cattolici si oppongono alla decisione del parlamento italiano, mentre verrà confermata dal popolo nel referendum del 1981. Anche in questo caso, il ricorso al referendum abrogativo non sortirà gli effetti sperati dai promotori di parte cattolica.

Banco Ambrosiano
Marcinkus parteciperà a ben 23 riunioni del Consiglio d'amministrazione del Banco Ambrosiano, come se ne facesse parte a pieno titolo (d'altra parte sedeva nel consiglio di amministrazione dell'Ambrosiano Overseas di Nassau), firmandone le deliberazioni. L'allora Governatore della Banca d'Italia, Paolo Baffi, e il Direttore Generale Mario Sarcinelli, conobbero l'onta del carcere e avranno la carriera distrutta: da notare che Andreotti stava dalla parte di Calvi e dell'Ambrosiano contro la Banca d'Italia.

Papa Luciani
Alla morte di Paolo VI (6 agosto 1978), divenne papa, col nome di Giovanni Paolo I, per soli 33 giorni, Albino Luciani, deceduto, in circostanze mai del tutto chiarite, nella notte tra il 28 e il 29 settembre 1978. Il collegio dei cardinali respinse tutte le richieste di procedere ad una autopsia. La morte improvvisa di Luciani viene collegata al fatto che all'inizio degli anni, '70 Marcinkus aveva ordinato l'arresto delle attività della Banca Cattolica del Veneto e la sua integrazione all'interno del Banco Ambrosiano, senza consultare né informare il consiglio d'amministrazione della banca così assorbita. Ora, la Banca Cattolica del Veneto era la banca privata al servizio del patriarca di Venezia e il suo presidente era proprio Albino Luciani, futuro Papa Giovanni Paolo I.

Il 26 agosto 1978 è quindi eletto papa Albino Luciani, che sceglie il nome di Giovanni Paolo I, nel segno della continuazione del percorso dei suoi due predecessori. Il suo pontificato sarà tra i più brevi nella storia della Chiesa cattolica: la sua morte avvenne dopo soli 33 giorni dalla sua elezione al soglio di Pietro. Nel 2003 è stata aperta la causa per la sua canonizzazione. Non sono mai state chiarite le cause della morte, anche se nella sua citazione: « Noi siamo oggetto da parte di Dio di un amore intramontabile. È papà; più ancora è madre. » (Papa Giovanni Paolo I durante l'Angelus del 10 settembre 1978) potrebbe aver paventato la fine del patriarcato nella chiesa.
In un suo libro del 1984, "In nome di Dio. La morte di papa Luciani", il giornalista inglese David Yallop ipotizza che Luciani fosse stato vittima di una congiura "di palazzo". Secondo Yallop, l'intenzione di operare un ricambio immediato ai vertici delle finanze vaticane (a partire da Marcinkus), e di allontanare gli ecclesiastici in odore di massoneria non sarebbe estranea alla morte del papa che venne trovato morto con in mano il libro "L'imitazione di Cristo"; si disse poi che si trattava in realtà di fogli di appunti, di un discorso da tenere ai gesuiti ed infine qualcuno ipotizzò che tra le sue mani vi fosse l'elenco delle nomine che intendeva rendere pubbliche il giorno dopo (anche su chi ritrovò effettivamente il corpo del papa vi sono diverse versioni, così come sull'ora reale della morte).
Mino Pecorelli da: http://ww
w.crisinellachiesa.it/artico
li/massoneria/massoneria_
conquista_chiesa/la_
massoneria_alla_conq
uista_della_chiesa.htm
In coincidenza con l’elezione di Luciani venne pubblicato un elenco di 131 ecclesiastici iscritti alla massoneria, buona parte dei quali, erano del Vaticano. La lista era stata diffusa da un piccolo periodico "O.P. Osservatore Politico" di quel Mino Pecorelli destinato a scomparire un anno dopo l’elezione di Albino Luciani in circostanze mai chiarite. Secondo molti, "O.P." era una sorta di strumento di comunicazione adoperato dai servizi segreti italiani per far arrivare messaggi all’ambiente politico. Pecorelli, tra l’altro, era legato a filo doppio con Gelli come lo erano Sindona e Calvi.
Nella lista ecclesiastico-massonica comparivano, tra altri, i nomi di: Jean Villot (Segretario di Stato), Agostino Casaroli (capo del ministero degli Affari Esteri del Vaticano), Paul Marcinkus, il vicedirettore de "L’osservatore Romano" don Virgilio Levi, Roberto Tucci (direttore di Radio Vaticana).
Nel suo libro, David Yallop, passa in rassegna tutti gli elementi di quel fatidico 1978, fino a sospettare sei persone dell’omicidio di Albino Luciani: il Segretario di Stato Jean Villot, il cardinale di Chicago John Cody, il presidente dello IOR Marcinkus, il banchiere Michele Sindona, il banchiere Roberto Calvi e Licio Gelli, maestro venerabile della Loggia P2.

Papa Wojtyla
Il 16 ottobre 1978, è eletto papa il polacco Karol Wojtyla, Giovanni Paolo II, il primo papa non italiano dopo molti secoli, il che determina il progressivo attenuarsi dell'attenzione del pontefice alle vicende politiche dell'Italia, ma un crescente interesse ad affrancare i cattolici dal potere sovietico, sebbene dal 1985 la Conferenza Episcopale Italiana, sotto la guida del card. Camillo Ruini rivolgesse attenzioni crescenti alla politica e alla società italiane.

Giorgio Ambrosoli
Arrestato a New York nel 1976 ed estradato in Italia nel ‘79 (nonostante i tentativi di Licio Gelli), Michele Sindona viene condannato per vari reati e poi, nel 1986, anche per l'omicidio di Giorgio Ambrosoli, liquidatore di una delle sue banche, assassinato nel 1979 da un killer italo-americano che aveva pagato. Ambrosoli era stato incaricato dalla Banca d'Italia di recuperare il denaro sottratto ai risparmiatori e ai piccoli azionisti. Andreotti cercò di salvare Sindona attraverso il ministro del Commercio Estero Gaetano Stammati, anch'egli, come Sindona, iscritto alla P2. La DC aveva infatti ricevuto da Sindona nel 1974 circa 2 miliardi di lire, mai più restituiti.

Sotto il pontificato di Giovanni Paolo II la posizione di Marcinkus divenne ancora più forte: diventerà praticamente l'uomo più potente del Vaticano dal 1971 al 1989. Marcinkus si sentiva in credito con Giovanni Paolo II, perché in America aveva coperto lo scandalo dei preti polacchi di Filadelfia, che avevano fatto delle truffe: molti preti polacchi furono chiamati dal papa e collocati vicini a lui.
Essendo lo IOR una banca che non doveva rendere conto a nessuno se non al papa, in quegli anni la Banca Vaticana gestì e raccolse capitali enormi, spesso di incerta provenienza (“Immobiliare Roma”, “Tangentone Enimont”, “Banca di Roma”, fino alla popolare di Lodi...). Soldi che vengono utilizzati per finanziare gruppi e movimenti di opposizione ai regimi comunisti, in particolare Solidarnosc in Polonia.
Umberto Ortolani
Attraverso Sindona, era entrato in rapporto con Marcinkus, Calvi e Gelli anche l'imprenditore Umberto Ortolani, considerato come la vera "mente" della loggia P2, avendo favorito lo sviluppo degli affari di Licio Gelli in Sud America e con il Vaticano, tramite l'Istituto per le Opere di Religione (IOR) di mons. Marcinkus. Si costituiva così una sorta di comitato d'affari che operava attraverso banche e consociate estere, spostando capitali, manovrando fondi neri o provenienti da operazioni o fonti illecite, ma anche esportando valuta aggirando le norme bancarie.

Il vescovo Paul Marcinkus faceva chiaramente capire che la Banca Vaticana godeva di privilegi assoluti nell'esportazione all'estero dei capitali. Ed egli era in grado di servirsi dei noti finanzieri e bancarottieri Michele Sindona, colluso coi poteri mafiosi italo-americani, avvelenato in carcere e Roberto Calvi, presidente del Banco Ambrosiano, trovato poi impiccato a Londra; nonché del capo della P2, Licio Gelli, arrestato per attività sovversiva, e del vescovo Hnilica, che per tutti gli anni '80 trasferì in Vaticano i fondi anticomunisti provenienti dall'Europa dell'est e i fondi cospicui provenienti dai pellegrinaggi di Medjugorje in Bosnia.
Agostino Casaroli
Utilizzando numerose società fantasma con sede a Panama o nel Lussemburgo, lo IOR divenne uno dei maggiori esponenti dei mercati finanziari mondiali della fine degli anni '70. Era infatti in grado di utilizzare le filiere mafiose di Sindona per istradare grosse somme fuori dal Paese, sotto il naso di tutti gli organismi di controllo. Poi, quando Sindona divenne meno frequentabile, a seguito dei suoi debiti con la giustizia, lo IOR cominciò a servirsi di Roberto Calvi e della sua banca.
In quel periodo nel Vaticano si fronteggiavano due fazioni politiche contrapposte: una, massonica-moderata, denominata "Mafia di Faenza" a cui facevano capo Casaroli, Samorè, Silvestrini e Pio Laghi e l'altra, integralista, legata all'Opus Dei, a cui facevano capo Marcinkus, Virgilio Levi, vice direttore dell'"Osservatorio Romano" e Luigi Cheli, Nunzio pontificio presso l'ONU.

Nella sera di venerdì 27 giugno 1980 avviene la strage di Ustica, un disastro aereo avvenuto quando un aereo di linea Douglas DC-9-15 della compagnia aerea italiana Itavia, decollato dall'Aeroporto di Bologna e diretto all'Aeroporto di Palermo, si squarcia in volo all'improvviso e cade nel braccio di mare compreso tra le isole tirreniche di Ustica e Ponza, chiamata posizione Condor. Nell'evento perdono la vita tutti gli 81 occupanti dell'aereo. Molti aspetti di questo disastro, a partire dalle cause stesse, non sono ancora stati chiariti. Nel corso degli anni, sulla strage di Ustica si sono dibattute principalmente le ipotesi di un coinvolgimento internazionale (in particolare francese, libico e statunitense, con una delle tre aviazioni che avrebbe colpito per errore il DC-9 con un missile diretto al nemico), di un cedimento strutturale o di un attentato terroristico (un ordigno esplosivo nella toilette del velivolo). Nel 2007 l'ex-presidente della Repubblica Cossiga, all'epoca della strage presidente del Consiglio, ha attribuito la responsabilità del disastro a un missile francese «a risonanza e non ad impatto», destinato ad abbattere l'aereo su cui si sarebbe trovato il dittatore libico Gheddafi. Tesi analoga è alla base della conferma, da parte della Corte di Cassazione, della condanna al pagamento di un risarcimento ai familiari delle vittime, inflitta in sede civile ai Ministeri dei Trasporti e della Difesa dal Tribunale di Palermo.
« Il 28 giugno 1980, con una telefonata al “Corriere della sera”, utilizzando la sigla dei Nar e il nome di un confidente di Questura, Marco Affatigato, si avvia il primo depistaggio, quello che pretende che il Dc-9 Itavia sia esploso per la deflagrazione al suo interno di una bomba trasportata dal “terrorista” dei Nar. (...) Le stragi italiane non sono un mistero e, soprattutto, non sono ideologicamente definibili come “fasciste”. Portella della Ginestra, affidata al mafioso Salvatore Giuliano, è riferibile a settori della Democrazia cristiana, Partito liberale e monarchici; quella di piazza Fontana doveva servire, insieme ai sanguinosi incidenti che sarebbero seguiti alla manifestazione indetta dal Msi a Roma il 14 dicembre 1969, a far proclamare dal governo presieduto da Mariano Rumor lo stato di emergenza; la strage compiuta dal confidente del Sid Gianfranco Bertoli il 17 maggio 1973, a Milano, aveva come obiettivo il “traditore” Mariano Rumor; quelle di Brescia (28 maggio 1974), dell'Italicus (4 agosto 1974) e di Savona (20 novembre 1974) sono derivate dallo scontro durissimo e feroce all'interno dell'anticomunismo italiano ed internazionale. La strage di Ustica, impossibile da spiegare all'opinione pubblica perché un aereo civile delle dimensioni di un Dc-9 non si può confondere con un minuscolo caccia militare, era in grado di destabilizzare sia l'ordine pubblico che quello politico. Indirizzare lo sdegno della popolazione nei confronti dello “stragismo fascista” è stato il modo, ritenuto più idoneo, per neutralizzare il pericolo. [...] La strage di Bologna, spostando l'attenzione pubblica sullo “stragismo fascista”, ha consentito di guadagnare tempo, di far lavorare in relativa tranquillità i depistatori militari ed i giudici romani chiamati a paralizzare le indagini sull'abbattimento del Dc-9 ad Ustica, ha avvalorato infine la tesi della bomba che, non a caso, è quella che ha retto per più tempo in contrapposizione a quella del missile. » (Vincenzo Vinciguerra, ex terrorista nero, autore della strage di Peteano, un atto terroristico avvenuto il 31 maggio 1972 a Peteano, frazione del comune di Sagrado, in provincia di Gorizia, compiuta dal reo confesso Vincenzo Vinciguerra, da Carlo Cicuttini e Ivano Boccaccio, neofascisti aderenti ad Ordine Nuovo. La strage, definita anche trappola di Peteano per le modalità con cui si svolse, provocò la morte di tre uomini dell'Arma dei Carabinieri: il brigadiere Antonio Ferraro di 31 anni e i carabinieri Donato Poveromo e Franco Dongiovanni di 33 e 23 anni. Rimasero gravemente feriti il tenente Angelo Tagliari e il brigadiere Giuseppe Zazzaro.)

Il 2 agosto 1980 avviene la strage di Bologna. Il giornalista Roberto Scardova, assieme a Paolo Bolognesi (presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980 e deputato del Partito Democratico), ipotizza un'unica strategia anticomunista internazionale, attuata in Grecia con la dittatura dei colonnelli, in Italia con la strategia della tensione, comprendente falsi golpe di avvertimento e reali stragi, di cui Bologna fu il culmine, e in America Latina con i colpi di Stato (Cile, dittatura argentina) dell'operazione Condor, con mandanti originari uomini dei servizi segreti anglo-americani, importanti politici italiani e stranieri. La strategia della tensione sarebbe partita da prima della fine della seconda guerra mondiale con la costituzione, in ambito fascista, della struttura parastatale denominata Noto servizio o «Anello», il cui capo durante la Repubblica, secondo quanto detto anche da Licio Gelli, sarebbe stato Giulio Andreotti. Lo stragismo avrebbe quindi da sempre usato manovalanza neofascista, neonazista, criminali comuni e mafiosi e avrebbe goduto di finanziamenti esterni provenienti dall'estero (sia dalla NATO, sia dal petrolio della Libia di Gheddafi, in affari segreti con i governi di Andreotti e con l'ENI di Eugenio Cefis) e da faccendieri italiani. Bolognesi e Scardova aggiungono all'elenco dei fatti anche gli omicidi di Pier Paolo Pasolini, Mauro De Mauro ed Enrico Mattei, oltre alla morte di Giangiacomo Feltrinelli (in realtà deceduto mentre preparava un attentato a un traliccio), alcuni aspetti del caso Moro e le bombe mafiose del 1992-93.

In particolare, secondo alcuni, Michele Sindona avrebbe finanziato la strategia della tensione dal 1969 al 1974 (il periodo di maggior interesse degli Stati Uniti), mentre tra i successivi finanziatori, tra gli altri, ci sarebbero stati, in un doppio gioco internazionale dell'Italia tra NATO e paesi non allineati, tra CIA e FPLP (Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina), lo stesso Mu'ammar Gheddafi (anche azionista di minoranza della FIAT per via del petrolio e forse coinvolto in un traffico d'armi tra la Libia e la penisola di cui faceva parte anche l'organizzazione anticomunista  "Gladio", la cui ascesa venne favorita di nascosto anche dai servizi segreti italiani) ma anche il citato Licio Gelli. Il raìs libico avrebbe anche, con Gelli, finanziato indirettamente le varie "leghe" indipendentiste e alcuni movimenti di estrema destra dal tono apparentemente anti-imperialista (come Ordine Nuovo e Avanguardia Nazionale, i principali gruppi coinvolti, con i NAR, nelle bombe stragiste dirette dai servizi deviati), presso cui godeva di grande rispetto, così come aveva fatto anche con l'IRA e Settembre Nero.
Alex Boschetti e Anna Ciammitti nel loro libro "La strage di Bologna" che analizza la strage del 2 agosto 1980 e tutti i riscontri delle indagini, compresi i depistaggi attuati da Licio Gelli, considerano i NAR un punto di snodo nella strategia della tensione insieme con la P2 e la CIA per attuare uno spostamento dell'Italia verso destra con un golpe strisciante aiutato da gran parte dei rappresentanti di governo e servizi segreti (in buona parte iscritti alla loggia coperta P2).
Vito Miceli
Fu ipotizzato il coinvolgimento della P2 nella Strage dell'Italicus. Alla detta loggia viene inoltre attribuita impronta "atlantica". Destabilizzare per stabilizzare, quindi una presa violenta del Paese così come era teorizzato dal manuale trovato nella valigetta di Gelli "Field Manual" di provenienza CIA che forse finanziò e favorì tale situazione per non permettere l'accesso al governo dei comunisti in Italia, sarebbe stato cioè un coinvolgimento dei servizi segreti italiani, uno dei cui direttori, Vito Miceli, fu arrestato nel 1974.

Secondo il cosiddetto "Memoriale Moro", scritto dall'On. Aldo Moro durante la sua prigionia presso le Brigate Rosse: « La cosiddetta strategia della tensione ebbe la finalità, anche se fortunatamente non conseguì il suo obiettivo, di rimettere l'Italia nei binari della "normalità" dopo le vicende del '68 ed il cosiddetto Autunno caldo. Si può presumere che Paesi associati a vario titolo alla nostra politica e quindi interessati a un certo indirizzo vi fossero in qualche modo impegnati attraverso i loro servizi d'informazioni. Su significative presenze della Grecia e della Spagna fascista non può esservi dubbio e lo stesso servizio italiano per avvenimenti venuti poi largamente in luce e per altri precedenti [...] può essere considerato uno di quegli apparati italiani sui quali grava maggiormente il sospetto di complicità, del resto accennato in una sentenza incidentale del Processo di Catanzaro ed in via di accertamento, finalmente serio, a Catanzaro stessa ed a Milano. Fautori ne erano in generale coloro che nella nostra storia si trovano periodicamente, e cioè ad ogni buona occasione che si presenti, dalla parte di [chi] respinge le novità scomode e vorrebbe tornare all'antico.
Tra essi erano anche elettori e simpatizzanti della D.C.[...] non soli, ma certo con altri, lamentavano l'insostenibilità economica dell'autunno caldo, la necessità di arretrare nella via delle riforme e magari di dare un giro di vite anche sul terreno politico. » (Memoriale Moro)

Licio Gelli
Nel marzo 1981 vengono trovati  nella casa di Licio Gelli (ex fascista e repubblichino, collaboratore da sempre dei servizi segreti americani), i tabulati della loggia massonica "Propaganda 2", la P2,  durante le indagini giudiziarie sul caso Sindona. L'allora presidente del Consiglio, Forlani, si rifiuta di pubblicizzarli ma sarà la commissione parlamentare formata a proposito del caso Sindona a farlo. Sui tabulati, gli iscritti alla P2 erano 953, (http://www.strano.net/stragi/stragi/p2/elep2.htm) ne mancavano però altri 1650. Tutti avevano giurato fedeltà alla massoneria. Il governo Forlani fu costretto a dimettersi, sostituito dal governo del repubblicano Spadolini. Tra gli iscritti figuravano esponenti politici, giornalisti, autorità civili e militari (soprattutto dei servizi segreti), personaggi del mondo economico e dello spettacolo. Fu approvata una legge che sancì lo scioglimento della P2 e il divieto di costituire associazioni segrete, soprattutto se a scopo eversivo, come appunto la P2.

Tina Anselmi
La commissione parlamentare d'inchiesta che ha messo in luce l'attività eversiva della P2 era capeggiata dalla democristiana, ex partigiana, Tina Anselmi (negli anni 1981-1984). La commissione non riuscirà a scoprire i referenti internazionali della loggia.

Francesco Pazienza
La strategia della P2 è l'occupazione del sistema politico ed economico attraverso il controllo delle nomine di vertice, in funzione soprattutto anticomunista. Licio Gelli investiva il denaro dei Corleonesi di Totò Riina nella banca dello IOR in Vaticano, ha detto il pentito Francesco Marino Mannoia.
Quando Gelli viene arrestato a Ginevra, dopo la scoperta dei tabulati della P2, il suo ruolo viene assunto da Francesco Pazienza.

Il 17 maggio 1981 il popolo italiano è chiamato a pronunciarsi, attraverso un referendum, sulla richiesta di abrogazione della legge 194 approvata il 22 maggio 1978, che consente ancora oggi l'aborto volontario entro i primi 90 giorni dal concepimento. I 'sì' sono l'11,6% e i 'no' l'88,4%. In questo modo gli italiani decidono di mantenere in vigore la legge.

Dopo la scoperta, nel 1981, della lista degli affiliati alla P2 di Licio Gelli, Calvi viene arrestato per reati valutari e condannato in primo grado. Nell'ufficio di Gelli infatti erano stati trovati documenti sull'export illecito di capitali da parte del Banco e di altri istituti di credito. Calvi viene arrestato sette giorni dopo l'attentato al papa di piazza San Pietro, il 20 maggio 1981 mentre il precedente 5 febbraio, in relazione al crac di Michele Sindona, era stato arrestato anche l'amministratore delegato dello IOR, il laico Luigi Mennini.

Roberto Calvi
Il 6 giugno 1981, nel corso di un colloquio in carcere, Calvi, il presidente dell'Ambrosiano affida a sua moglie e a sua figlia un biglietto da recapitare in Vaticano con scritto: "Questo processo si chiama Ior"; appena le due donne uscirono dal carcere, Alessandro Mennini (figlio di Luigi Mennini, e dirigente del Banco Ambrosiano) tentò di impossessarsi del biglietto intimando loro di non nominare mai la banca vaticana. Calvi sosteneva infatti che le operazioni valutarie illecite che lo avevano portato in carcere le aveva effettuate per conto della banca papale, dunque voleva essere soccorso dalla Santa Sede.
L'agente massone Francesco Pazienza, subentrato a Licio Gelli a capo della P2, racconterà che durante la detenzione di Calvi venne mandato da monsignor Marcinkus a Nassau per convincere il figlio del banchiere, Carlo, a desistere dal creare problemi al Vaticano inviando continuamente telex e fax per parlare con il papa o col card. Silvestrini. Marcinkus non era contrario a prestare aiuto a Calvi. Intervenne anche monsignor Cheli da New York che raccomandò al figlio di Calvi di convincere il padre a non rivelare segreti di sorta. 
Francesco Pazienza, già stretto collaboratore di Calvi, era diventato nel 1981 un tramite tra Gelli, i servizi segreti italiani e quelli statunitensi.
I "segreti vaticani" che Calvi doveva tacere ai magistrati italiani erano legati, in particolare, a varie società-fantasma (Astolfine Sa, Bellatrix Sa, Belrosa Sa, Erin Sa, Laramie Inc, Starfield Sa), tutte domiciliate nel paradiso fiscale di Panama, e possedute da tre holding: la Utc (United Trading Corporation, proprietà dello IOR e domiciliata a Panama), la Manie e la Zitropo (con sede in Lussemburgo, entrambe partecipate dallo IOR). Le otto società-paravento erano i terminali dei traffici di Calvi e Marcinkus, ultima spiaggia della banca vaticana che sfruttava il Banco Ambrosiano Overseas di Nassau, alle Bahamas, quale "ponte" per ingarbugliare le tracce dei capitali succhiati dalle casseforti del Banco Ambrosiano di Milano e dispersi nel mar dei Caraibi (una parte dei quali rientrava in Europa per finanziare il sindacato polacco Solidarnosc). Era stato proprio su designazione di Calvi che Marcinkus era entrato a far parte del consiglio di amministrazione della consociata estera dell'Ambrosiano alle Bahamas, l'Overseas di Nassau.
Erano in pratica gli strumenti di operazioni finanziarie occulte. Come appureranno i liquidatori dell'Ambrosiano dopo il crac, le varie società-paravento del duo Marcinkus-Calvi al 17 giugno 1982 avevano drenato dal gruppo bancario milanese un miliardo e 188 milioni dì dollari, più 202 milioni di franchi svizzeri, senza che se ne potesse appurare la destinazione finale: una parte certo utilizzata da Calvi e dalla P2, ma un'altra parte - con altrettanta certezza - utilizzata dal banchiere di papa Wojtyla.
Monsignor Marcinkus voleva svincolare al più presto le finanze vaticane dal pericolante partner catto-massone, e recidere ogni legame fra la banca papale e l'Ambrosiano mantenendo segreti i rapporti pregressi. Calvi, da parte sua, contava sul soccorso della banca papale per evitare la bancarotta.
Il dirigente del settore estero del Banco Ambrosiano, Giacomo Botta, dichiarerà ai magistrati milanesi che il dominio dello IOR sul Gruppo del Banco Ambrosiano era reso palese da: 
- la fulminea carriera di Alessandro Mennini [figlio dell'amministratore delegato dello IOR, Luigi], entrato inopinatamente in banca con il grado di vicedirettore;
- il trasferimento dallo IOR al Gruppo Ambrosiano della Banca Cattolica del Veneto, cui non era seguito cambiamento alcuno nella direzione e nell'organo di amministrazione; 
- il finanziamento cospicuo dello IOR (150 milioni di dollari) che aveva aiutato la neonata società Cisalpine [poi Baol-Banco Ambrosiano Overseas Limited] ad affermarsi come banca; 
- la presenza di monsignor Marcinkus nel consiglio di amministrazione della stessa banca di Nassau;
- la gelosia con la quale Calvi custodiva e gestiva il proprio esclusivo rapporto con lo IOR; 
- l'appartenenza allo IOR di Ulricor e Rekofinanz, azioniste del Banco Ambrosiano, nonché di quattro società titolari dei pacchetti di azioni del Banco Ambrosiano che la Rizzoli aveva costituito in pegno per un finanziamento ottenuto da Baol. Il Vaticano era in sostanza il padrone del Banco Ambrosiano, praticamente dalla fine degli anni '70.
Flavio Carboni

Flavio Carboni, un piccolo imprenditore sardo legato ad ambienti politici della sinistra Dc, amico di Armando Corona, repubblicano e Gran Maestro della Massoneria, socio del Gruppo editoriale l'Espresso, era bene introdotto in alcuni uffici vaticani e rappresentò il ponte tra Roberto Calvi, Vaticano e politica. Carboni conobbe Calvi in Sardegna nel 1981 e riuscì presto a conquistare la fiducia del banchiere, mettendogli a disposizione le sue preziose conoscenze al governo, con in testa un sottosegretario, democristiano e anche lui sardo, Giuseppe Pisanu.

Il 20 luglio 1981 il Tribunale di Milano dichiara Calvi colpevole di frode valutaria, e lo condanna a 4 anni di prigione e a 15 miliardi di lire di multa. Il banchiere catto-massone ottiene la libertà provvisoria in attesa del processo d'appello.
Calvi tornò ai vertici del Banco e cercò, insieme al faccendiere Flavio Carboni, l'aiuto dello IOR. Poche settimane dopo si recò in Vaticano, da monsignor Marcinkus, nella sede dello IOR, ove firmò un documento che liberava la banca del Papa e Marcinkus da ogni responsabilità per l'indebitamento delle società panamensi verso il Gruppo Ambrosiano; in cambio, ottenne dallo IOR lettere a garanzia della situazione debitoria di quelle stesse società, con scadenza 30 giugno 1982. Attraverso le lettere di patronage della banca del Papa e entro quella data, Calvi avrebbe dovuto trovare gli ingenti capitali necessari al salvataggio del suo impero finanziario. Calvi non voleva perdere la preziosissima partnership della banca vaticana, anzi intendeva renderla organica e ufficiale. Ed essendo ormai bruciati i rapporti con la fazione massonico-curiale, decise di rivolgersi a quella avversa, con l'obiettivo di arrivare a coinvolgere l'Opus Dei.
Pietro Palazzini
L'interlocutore del banchiere massone fu il cardinale Pietro Palazzini, prefetto della Congregazione per le cause dei santi e caposaldo curiale della fazione opusiana.
Cardinale di Curia dal 1973, da sempre vicinissimo all'Opus Dei, Pietro Palazzini era amico di Camillo Cruciani, alto dirigente della Finmeccanica, fuggito in Messico in seguito allo scandalo Lockheed nel 1976.
Proprio nel periodo della convalescenza di papa Wojtyla, le due opposte fazioni curiali si misero d'accordo per commissariare la Compagnia di Gesù, verso la quale nutrivano entrambe una forte ostilità.

Pochi giorni prima che Wojtyla tornasse in Vaticano, il 29 settembre 1981, la Santa Sede dirama una notizia stupefacente: il presidente della banca vaticana, monsignor Marcinkus, era stato nominato, dal Papa convalescente, anche pro­presidente della Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano; il capo dello IOR e neo-governatore dello Stato vaticano, inoltre, era stato promosso al rango di arcivescovo, in attesa di ricevere la porpora.
La notizia della nuova carica cumulata da Marcinkus (il quale in pratica era divenuto il capo assoluto di tutte le finanze vaticane) suscitò sconcerto nella stessa Curia, soprattutto nel Segretario di Stato il cardinale Casaroli, da tempo ai ferri corti con Marcinkus.
Walesa, leader di Solidarnosc
A causa di Solidarnosc Wojtyla non poteva fare a meno di Marcinkus: in particolare si dovevano assicurare ingenti finanziamenti alla leadership moderata di Walesa
La fazione opusiana appoggiava fortemente il sostegno papale a Solidarnosc: per questo accettava che le finanze vaticane restassero nelle mani di monsignor Marcinkus, e che l'arcivescovo americano si facesse carico dei rischiosi finanziamenti segreti a Walesa. Da notare che l'entourage più stretto di Wojtyla era convinto che l'attentato fosse collegato alla sua decisione di elevare l'Opus Dei a Prelatura personale. Tanto che egli accettò una "speciale protezione" opusiana, nella persona del capitano della Guardia svizzera Alois Estermann, nuova guardia del corpo del Pontefice.
Wojciech Jaruzelski
Quando in Polonia il governo comunista di Jaruzelski impose lo stato d'assedio per scongiurare l'invasione sovietica e la guerra civile, in Vaticano il cardinale Casaroli, insieme a molti curiali, riteneva il Sommo Pontefice corresponsabile della tragedia polacca, gravida di incognite ben più sanguinose. Si temeva, sopra ogni altra cosa, che emergessero i finanziamenti vaticani a Solidarnosc, e che il sindacato-partito cattolico voluto e sostenuto da Giovanni Paolo II a quel punto sfuggisse al controllo politico papale imboccando la strada dell'insurrezione.

Bettino Craxi
Anche la Loggia P2 - in dissenso dalla fazione massonico-curiale, a maggioranza fautrice dell'Ostpolitik - approvava i finanziamenti "anticomunisti" a Solidarnosc, al punto che persino una parte dei 7 milioni di dollari fatti affluire nel biennio 1980-81 dalla P2 - tramite l'Ambrosiano - sul conto svizzero "Protezione" a beneficio del politico italiano Bettino Craxi, venne utilizzata per aiuti a Solidarnosc.

Carlo De Benedetti
Nel dicembre 1981 il finanziere Carlo De Benedetti, da pochi giorni vicepresidente e azionista dell'Ambrosiano (il 18 novembre aveva acquistato per 50 miliardi il 2 per cento del Banco), tentò di appurare con precisione quali rapporti legassero la banca di Calvi e la P2 alla banca del Papa, ma non ottenendo da Calvi alcuna risposta, pretese d'incontrare a Roma, per chiarimenti definitivi, monsignor Achille Silvestrini della Segreteria di Stato vaticana. Il successivo 22 gennaio 1982 De Benedetti, sottoposto a pressioni e minacce, lascia il Banco Ambrosiano cedendo la propria quota del 2 per cento allo stesso Calvi, per una somma che procurerà al finanziere l'accusa di concorso in bancarotta fraudolenta e una vicenda giudiziaria lunga e tortuosa conclusasi con l'assoluzione.
Con il divenire dello scandalo IOR-Calvi-Ambrosiano, la figura di Marcinkus si faceva sempre più ingombrante per la fazione massonico-curiale, proprio mentre il potere del presidente della banca papale, nominato anche governatore dello Stato vaticano, era aumentato a dismisura. Il cardinale Casaroli intendeva recidere i legami IOR-Ambrosiano mediante una trattativa diplomatica e una transazione finanziaria; monsignor Marcinkus era assolutamente contrario a una simile eventualità, ritenendo che la Santa Sede dovesse limitarsi a negare qualunque responsabilità dello IOR nell'imminente bancarotta dell'Ambrosiano.
Gli echi del contrasto Casaroli-Marcinkus finiranno nelle memorie del massone Francesco Pazienza. L'agente-collaboratore del servizio segreto militare italiano racconterà di essere stato mandato in Vaticano dal capo del Sismi, il generale massone della P2 Giuseppe Santovito, su richiesta della Segreteria di Stato vaticana, per incontrare il braccio destro del cardinale Casaroli, monsignor Pier Luigi Celata, il quale pretendeva la rimozione di Marcinkus dallo IOR, anche per attenuare il potere politico dello stesso Wojtyla sulla curia vaticana. Wojtyla, fin dalle sue prime mosse, dal punto di vista "politico" aveva lasciato intuire, contro la linea diplomatica di Casaroli, che il Vaticano sarebbe andato nella direzione di una linea dura, di scontro frontale con Mosca e i Paesi satelliti.
Quando Pazienza lascia il Sismi per diventare consulente personale di Calvi, su richiesta di quest'ultimo, il motivo di questa collaborazione era il tentativo di coinvolgere l'Opus Dei nell'azionariato del Banco Ambrosiano, facendo pervenire al cardinale Palazzini proposte, documenti e "confidenze" sulle connessioni segrete fra lo IOR e l'Ambrosiano. In pratica, Calvi proponeva alla fazione opusiana di estromettere monsignor Marcinkus dalla presidenza dello IOR, di affidare la banca papale a un fiduciario dell'Opus Dei, e di far rilevare dallo IOR una quota societaria del 10 per cento del Banco Ambrosiano per 1.200 milioni di dollari.

A febbraio del 1982 il cardinale Palazzini dà una risposta negativa. Il cardinale Casaroli, da parte sua, vorrebbe impedire che l'Opus Dei, così ostile ai sovietici e tanto amica dei polacchi di Solidarnosc, mettesse le mani sullo IOR-Banco Ambrosiano. Il Papa la pensava come il cardinale Palazzini, però non voleva problemi con il suo segretario di Stato e men che meno con la fazione massonico-curiale.

Il 30 maggio1982  Roberto Calvi rivolge un estremo appello al cardinale Palazzini perché lo si facesse uscire da una situazione che lo portava alla bancarotta, chiedendo di poter parlare con Wojtyla.
Somoza
Pinochet
Così Calvi scrisse a papa Wojtyla il 5 giugno 1982: “Santità sono stato io ad addossarmi il pesante fardello degli errori nonché delle colpe commesse dagli attuali e precedenti rappresentanti dello Ior, comprese le malefatte di Sindona…; sono stato io che, su preciso incarico dei Suoi autorevoli rappresentanti, ho disposto cospicui finanziamenti in favore di molti Paesi e associazioni politico-religiose dell’Est e dell’Ovest…; sono stato io in tutto il Centro-Sudamerica che ho coordinato la creazione di numerose entità bancarie, soprattutto allo scopo di contrastare la penetrazione e l’espandersi di ideologie filomarxiste; e sono io infine che oggi vengo tradito e abbandonato…“ Citato in Ferruccio Pinotti, Poteri forti, Bur, 2005. Calvi si riferiva ai finanziamenti ad alcuni regimi fascisti (Pinochet, Somoza...) e al fatto che aveva contribuito enormemente a distruggere la linea dell'Ostpolitik dell'ala massonico-curiale di Casaroli.

Wojtyla con Reagan
Wojtyla, il 6 giugno 1982, s'incontra invece con Reagan per stabilire ulteriori aiuti al sindacato Solidarnosc, i cui leader erano in carcere. Monsignor Marcinkus si occupa di convogliare al sindacato clandestino anche i finanziamenti Usa, che si appaiavano ai fondi IOR-Ambrosiano. Dell'accordo Wojtyla-Reagan vennero tenuti all'oscuro sia la Segreteria di Stato vaticana, sia il Dipartimento di Stato americano.

Il 12 giugno 1982 Roberto Calvi lascia l'Italia. Quarantotto ore dopo monsignor Marcinkus firma una lettera di dimissioni dal Consiglio di amministrazione del Banco Ambrosiano Overseas di Nassau.

Il 16 giugno 1982, il direttore generale dell'Ambrosiano, Roberto Rosone, si reca in Vaticano, presso la sede dello IOR, avendo saputo che il Banco Ambrosiano Andino aveva elargito grossi finanziamenti allo IOR, ovvero a società ad esso facenti capo e che erano stati garantiti con una serie di pacchetti azionari di ottima immagine, tra cui il 10 per cento circa di azioni del Banco Ambrosiano (circa 5 milioni e 300 mila azioni). Il credito complessivo del Banco Andino si aggirava su un miliardo e 300 milioni circa di dollari Usa. 
Calvi era convinto di aver trovato finalmente un aiuto concreto. I responsabili dello IOR erano favorevoli a fare una sorta di transazione, ossia a restituire il puro capitale, senza interesse alcuno. 

Ma il 17 giugno le autorità monetarie italiane deliberano la liquidazione coatta del Banco Ambrosiano, che crolla in borsa. Calvi intanto riceve una lettera da Licio Gelli, il capo della P2, che gli conferma che Finetti e Seigenthaler, indicati come cassieri romani dell'Opus Dei, si stavano occupando per salvare l'Ambrosiano dalla bancarotta.
Calvi si reca a Londra per ottenere un pacchetto finanziario di salvataggio proveniente dall'Opus Dei (che proprio in quella città aveva il suo quartier generale), ma l'Opus Dei, in cambio dell'aiuto, chiede precisi poteri politici in Vaticano, ad esempio nella determinazione della strategia verso i Paesi comunisti e del Terzo mondo. La fazione massonico-curiale di Casaroli, appoggiata da Andreotti, è però contraria.

Calvi viene trovato impiccato il 18 giugno 1982 sotto il ponte dei Frati Neri sul Tamigi, in una zona di Londra la cui polizia dipendeva dal duca di Kent, capo della massoneria mondiale. Successivamente il pentito della mafia siculo-americana, F. Marino Mannoia, dirà che a strangolare Calvi fu Di Carlo, su ordine di Pippo Calò. Verrà uccisa anche la sua segretaria personale.

Il 27 novembre 1982, cioè tre mesi dopo l’annuncio della decisione papale, la Congregazione per i vescovi ufficializza la erezione dell'Opus Dei a Prelatura personale del pontefice, la prima nella storia della Chiesa di Roma. Secondo i calcoli fatti dall'allora ministro del Tesoro Beniamino Andreatta (la cui denuncia sulle collusioni tra IOR e finanza deviata gli costarono un lungo "purgatorio" politico), il Vaticano fu coinvolto nello scandalo per una somma di 1.159 milioni di dollari: era il credito di alcune affiliate estere del Banco verso due società dello IOR, con sede in America Latina. Il Vaticano rimborsò anni dopo, al Nuovo Banco Ambrosiano, solo una parte (250 milioni di dollari) della cifra con cui Calvi si era indebitato.

Il 15 ottobre 2003 due pm di Roma - Luca Tescaroli e Maria Monteleone - hanno chiesto il rinvio a giudizio di quattro persone, con l'accusa dell'omicidio di Calvi: Giuseppe Calò, Ernesto Diotallevi, Flavio Carboni e Manuela Kleinszig. Nei giorni in cui Roberto Calvi era a Londra vennero segnalate nella capitale diverse presenze interessanti: quella di Flavio Carboni e di alcuni camorristi, fra cui Vincenzo Casillo, luogotenente di Raffaele Cutolo, in contatto con i servizi deviati e in particolare col faccendiere Francesco Pazienza, succeduto a Gelli nella P2. Casillo verrà poi ucciso a Roma in un'auto imbottita di tritolo. Un altro pentito di mafia, Vincenzo Calcara, per l'omicidio Calvi ha tirato in ballo Giulio Andreotti, elementi deviati dello Stato e dei servizi segreti, massoneria e ambienti vaticani.

Il 10 agosto 1983, Licio Gelli evade dal carcere di Ginevra.

Nel 1984, il governo Craxi rinnova il Concordato, dopo sette tentativi andati a vuoto tra il ’67 e l’83, togliendo il divieto ai preti di fare politica e il giuramento di fedeltà dei vescovi allo Stato italiano. Il matrimonio è stato svincolato solo in parte dalla tutela ecclesiastica. La “congrua” mensile per i preti è stata sostituita con il finanziamento volontario dell’8 per mille sul gettito totale delle tasse da noi pagate con l’Irpef, novità che comporta per il Vaticano un incasso pari a un miliardo di euro l’anno.
Solo il 20% dell’8 per mille regalato volontariamente con l’Irpef viene speso in opere di carità. Per il resto, il 34% va per il sostentamento del clero e ben il 46% alle non meglio specificate “esigenze di culto”. Il cattolicesimo ha cessato di essere religione di Stato, ma ciò nonostante l’articolo 9 stabilisce: "La Repubblica italiana, riconoscendo il valore della cultura religiosa e tenendo conto che i princìpi del Cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano, continuerà ad assicurare, nel quadro delle finalità della scuola, l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche non universitarie di ogni ordine e grado. Agli insegnanti di religione delle proprie scuole lo Stato richiede un certificato di idoneità da parte dell’ordinario diocesano, ma non una laurea: basta anche un diploma di magistero in scienze religiose rilasciato da un istituto approvato dalla Santa Sede" (Intesa tra il ministro della Pubblica Istruzione e il presidente della Commissione Episcopale Italiana, resa esecutiva con Decreto del presidente della Repubblica n. 751 del 1985).

Nel 1986, Michele Sindona muore nel supercarcere di Voghera, avvelenato da un caffé al cianuro.

Nel febbraio 1987 il giudice istruttore del tribunale di Milano, Renato Bricchetti, emette un mandato di cattura contro Paul Marcinkus, Luigi Mennini e Pellegrino de Strobel, i vertici dello IOR, individuando gravi responsabilità della Banca Vaticana nel crac del Banco Ambrosiano, ma la Cassazione non convalida il provvedimento, a causa dell'art. 11 dei Patti Lateranensi, che recita: "gli enti centrali della Chiesa sono esenti da ogni ingerenza da parte dello Stato italiano". Lo IOR subì un vero e proprio terremoto e il cardinale Markinkus riuscì a farla franca solo appellandosi all'immunità diplomatica.

Nel 1987, Licio Gelli si presenta al palazzo di Giustizia di Ginevra e nel 1988 viene estradato in Italia. Rimane in carcere per due mesi, poi viene rilasciato per motivi di salute.
Quando nel 1988 viene emessa la sentenza sulla strage della stazione di Bologna, Gelli viene condannato a 10 anni per calunnia aggravata. Ha poi donato all’archivio di Stato pistoiese la parte “presentabile” dei suoi documenti storici e si è orientato verso posizioni di centro-sinistra. Ha chiesto il ritiro di tutte le basi americane dall'Italia, il ritiro di tutti i nostri soldati dalle cosiddette "missioni di pace" e la rinuncia del voto agli italiani all'estero.
« Giulio Andreotti sarebbe stato il vero “padrone” della Loggia P2? Per carità… io avevo la P2, Cossiga la Gladio e Andreotti l'Anello. » (Licio Gelli durante un'intervista al settimanale "Oggi", Roma, 15 febbraio 2011)
- La Propaganda due (meglio nota come P2) era una loggia massonica aderente al Grande Oriente d'Italia (GOI). Fondata nel 1877 con il nome di Propaganda massonica, assunse forme deviate rispetto agli statuti della massoneria ed eversive nei confronti dell'ordinamento giuridico italiano, nel periodo della sua conduzione da parte dell'imprenditore Licio Gelli. La P2 fu sospesa dal GOI il 26 luglio 1976; successivamente, la Commissione parlamentare d'inchiesta Anselmi ha concluso il caso P2 denunciando la loggia come una vera e propria "organizzazione criminale" ed "eversiva". Essa fu sciolta con un'apposita legge, la n. 17 del 25 gennaio 1982.
Sin dalla fondazione, la caratteristica principale della loggia "Propaganda massonica" fu quella di garantire un'adeguata copertura e segretezza agli iniziati di maggior importanza, sia all'interno che al di fuori dell'organizzazione massonica. L'originale loggia operò fino al 1925, quando furono temporaneamente sciolte tutte le logge massoniche, su impulso del regime fascista.
Dopo la caduta del regime fascista, le attività delle logge massoniche ripresero e la loggia, ribattezzata “Propaganda due”, nel secondo dopoguerra, tornò ad essere alle dipendenze dirette del Gran maestro dell'Ordine sino all'avvento di Licio Gelli. Quest'ultimo venne prima delegato dal Gran maestro Lino Salvini a rappresentarlo in tutte le funzioni all'interno della loggia (dal 1970), poi ne fu nominato Maestro venerabile, cioè “capo” a tutti gli effetti (nel 1975).
In base a due appunti del Sismi e del Sisde scoperti dal P.M. Vincenzo Calia nella sua inchiesta sulla morte di Enrico Mattei, la Loggia P2 sarebbe stata fondata da Eugenio Cefis, che l'avrebbe diretta sino a quando fu presidente della Montedison; poi tra il 1982 e il 1983, dopo lo scandalo petroli, sarebbe subentrato il duo Umberto Ortolani-Licio Gelli. Secondo altre testimonianze il capo occulto della Loggia P2 sarebbe stato l'onorevole democristiano Giulio Andreotti.
- L'organizzazione Gladio era un'organizzazione paramilitare clandestina italiana di tipo stay-behind ("stare dietro", "stare in retroscena") promossa dalla NATO nell'ambito Operazione Gladio, organizzata dalla Central Intelligence Agency per contrastare una ipotetica invasione dell'Europa occidentale da parte dell'Unione Sovietica e dei paesi aderenti al Patto di Varsavia, attraverso atti di sabotaggio, guerra psicologica e guerriglia dietro le linee nemiche, con la collaborazione dei servizi segreti e di altre strutture. Malgrado in Italia Gladio sia propriamente utilizzato in riferimento solo alla stay-behind italiana (o, secondo alcuni, la principale e più duratura tra diverse stay-behind che operarono in Italia), il termine è stato applicato dalla stampa anche ad altre operazioni di tipo stay-behind, in quanto parte dell'Operazione Gladio. Durante la guerra fredda, quasi tutti i paesi dell'Europa occidentale organizzarono reti stay-behind sotto controllo NATO.
L'esistenza di Gladio, sospettata fin dalle rivelazioni rese nel 1984 dall'ex membro del gruppo neofascista Ordine Nuovo Vincenzo Vinciguerra durante il suo processo, fu riconosciuta dal presidente del Consiglio italiano Giulio Andreotti il 24 ottobre 1990, che parlò di una "struttura di informazione, risposta e salvaguardia".
Francesco Cossiga, che ebbe, durante il periodo in cui era sottosegretario alla difesa, la delega alla sovrintendenza di Gladio, e che spesso è stato indicato come uno dei fondatori, affermò nel 2008 che «i padri di Gladio sono stati Aldo Moro, Paolo Emilio Taviani, Gaetano Martino e i generali Musco e De Lorenzo, capi del SIFAR. Io ero un piccolo amministratore». Affermò altresì che «gli uomini di Gladio erano ex partigiani. Era vietato arruolare monarchici, fascisti o anche solo parenti di fascisti: un ufficiale di complemento fu cacciato dopo il suo matrimonio con la figlia di un dirigente Msi. Quasi tutti erano azionisti, socialisti, lamalfiani».
- Il Noto servizio o Anello è stata un'organizzazione segreta italiana composta da ex ufficiali della Repubblica di Salò, imprenditori, industriali, soggetti del mondo politico ed economico, della malavita e della criminalità organizzata, fondato verso la fine della seconda guerra mondiale e sopravvissuto, con varie trasformazioni, fino agli inizi degli anni novanta.
Una sorta di servizio segreto parallelo, che fungeva da elemento di congiunzione tra gerarchie politiche e civili e gerarchie militari unite nella lotta al comunismo.

Dopo le vicende legate al banco Ambrosiano, al crac e al cardinale Marcinkus, nel 1990 papa Giovanni Paolo II ha riformato lo IOR, affidandone la gestione a persone laiche ma di credenze cattoliche; lo presiedeva infatti, Angelo Caloia, professore dell'università Cattolica di Milano, ex presidente del Medio Credito Lombardo e capo di due società di Banca Intesa. Ai prelati è stata riservata solo una funzione di vigilanza. Nei nuovi statuti dello IOR, tra le figure di garanzia, quella di un prelato che garantisca l'eticità degli investimenti dell'Istituto, carica che ricoprirà mons. Donato De Bonis, già braccio destro di Marcinkus.
Marcinkus si è ritirato in una parrocchia dell'Illinois e poi presso la diocesi di Phoenix, dove è morto a 84 anni nella città di Sun City (in Arizona, dove risiedeva e curava la parrocchia di San Clemente),

La fine della Guerra Fredda in campo internazionale (1989-1991) e gli avvenimenti di Tangentopoli (1992) mutano in pochi anni il panorama politico italiano.

La stessa Democrazia Cristiana è sciolta nel 1993: viene così meno il punto di riferimento dei cattolici nella vita politica italiana. Negli anni successivi, pertanto, il Clero avvia un atteggiamento di dialogo con partiti politici sia conservatori sia progressisti, influenzando significativamente entrambi gli schieramenti. Secondo gli osservatori più critici, tale atteggiamento ha assunto talvolta modi vicini a quelli propri dei gruppi di pressione.

Nei primi anni del 2000 lo IOR amministrava un patrimonio stimato in 5 miliardi di euro e funziona come un fondo chiuso. In pratica ha rendimenti da hedge fund, visto che ai suoi clienti (dipendenti del Vaticano, membri della Santa Sede, ordini religiosi, benefattori) garantisce interessi medi annui superiori al 12%, anche per depositi di lieve consistenza.

Secondo un rapporto del giugno 2002 del Dipartimento del Tesoro americano, basato su stime della Fed, solo in titoli Usa il Vaticano ha 298 milioni di dollari: 195 in azioni, 102 in obbligazioni a lungo termine (49 milioni in bond societari, 36 milioni in emissioni delle agenzie governative e 17 milioni in titoli governativi) più un milione di euro in obbligazioni a breve del Tesoro. E l’advisor inglese The Guthrie Group nei suoi tabulati segnala una joint venture da 273,6 milioni di euro tra IOR e partner Usa.

I segreti finanziari del Vaticano vengono conservati nelle Isole Cayman, il paradiso fiscale caraibico, spiritualmente guidato dal cardinale Adam Joseph Maida che, tra l’altro, siede nel collegio di vigilanza dello IOR. Le Cayman sono state sottratte al controllo della diocesi giamaicana di Kingston per essere proclamate Missio sui iuris, alle dipendenze dirette del Vaticano.
In Italia i diritti di voto dei 45 milioni di quote di Banca Intesa (per un valore in Borsa di circa 130 milioni di euro) sono stati concessi alla Mittel di Giovanni Bazoli in cambio di un dividendo maggiorato rispetto a quello di competenza. E quando la Borsa tira, gli affari si moltiplicano. Nel 1998 p. es. non sfuggì a molti l’ottimo investimento (100 miliardi di lire) deciso dallo IOR nelle azioni della Banca popolare di Brescia: in meno di 12 mesi il capitale si quadruplicò, naturalmente molto prima del crollo del titolo Bipop.
Ma il patrimonio dello IOR non è solo mobile. Dell’Istituto si parla anche in relazione alle beghe con gli inquilini di quattro condomini di Roma e Frascati che lo IOR, a cavallo fra il 2002 e il 2003, ha venduto alla società Marine Investimenti Sud, all’epoca di proprietà al 90% della Finnat Fiduciaria di Giampietro Nattino, uno dei laici della Prefettura degli affari economici della Santa Sede, e oggi in mano alla lussemburghese Longueville.
Gli inquilini, però, affermano di sentirsi chiedere il pagamento del canone di locazione ancora dallo IOR, che nei documenti ufficiali compare anche come Ocrot: Officia pro caritatis religionisque operibus tutandis, con il codice fiscale italiano dell’istituto: 80206390587.
Per il 25esimo anniversario di pontificato, Giovanni Paolo II il 25 ottobre 2003 ha ricevuto un assegno da 2,5 milioni di dollari, la rendita di un fondo d’investimento americano da 20 milioni di dollari dedicato a lui, il Vicarius Christi Fund.
Il denaro è gestito dall’ordine cavalleresco cattolico più grande del mondo, nato 122 anni fa nel Connecticut: The Knights of Columbus (I Cavalieri di Colombo), che conta 1,6 milioni di membri tra Stati Uniti, Canada, Messico, Porto Rico, Repubblica Dominicana, Filippine, Bahamas, Guatemala, Guam, Saipan e Isole Vergini.
Il suo cavaliere supremo, Virgil Dechant, è uno dei 9 consiglieri dello Stato Città del Vaticano e anche vicepresidente dello IOR. Con i 2,5 milioni di dollari regalati a Karol Wojtyla il 9 ottobre 2003, il totale delle donazioni dell’ordine cavalleresco al vicario di Cristo ha superato i 35 milioni di dollari. Nulla, in confronto ai 47 miliardi di dollari del fondo assicurativo sulla vita gestito dai Cavalieri di Colombo, al quale Standard & Poor’s assegna da anni il rating più elevato.
L’ordine investe nei corporate bond emessi da più di 740 società statunitensi e canadesi e solo nel 2002, piazzando polizze sulla vita e servizi di assistenza domiciliare ai suoi iscritti attraverso 1.400 agenti, ha incassato 4,5 miliardi di dollari (il 3,4% in più rispetto al 2001). Una parte delle entrate, 128,5 milioni di dollari, è stata girata a diocesi, ordini religiosi, seminari, scuole cattoliche e, ovviamente, al Vaticano che nel 2002, tra la rendita del fondo del Papa, gli assegni alle nunziature apostoliche di Usa e Jugoslavia, il contributo alla Santa Sede nella sua missione di osservatore permanente all’Onu e quello per il restauro della basilica di san Pietro, ha ricevuto dai Cavalieri di Colombo 1,98 milioni di dollari.

Nel 2003, il governo Berlusconi ha creato un organico di 15.507 posti di insegnanti (senza laurea) di religione (di fatto solo cattolica), fatti diventare in massa di ruolo scavalcando anche i diritti pregressi degli insegnati delle altre materie, ben più importanti per il progresso del Paese e permette loro un successivo passaggio ad altre cattedre (Legge n. 186 del 2003): 9.222 sono stati assunti nel 2005 e 3.077 nel 2006, mentre gli altri precari (regolarmente laureati) della scuola attendono per anni l’assunzione a tempo indeterminato. Da notare che gli insegnanti di religione li nomina e li può licenziare solo il vescovo locale e non il ministero della Pubblica istruzione, che però li paga.

Nel 2004 lo Stato ha contribuito con mille miliardi di lire per la Chiesa: dai 470 milioni per stipendi agli insegnanti di religione ai 258 per le scuole cattoliche, 25 milioni per l’acqua consumata dal Vaticano, 20 milioni per una Università dell’Opus Dei e altri 44 per le cinque Università cattoliche, ecc., ecc. Più la gran parte del miliardo e mezzo di euro per la sanità privata, quasi tutta in mano a istituzioni cattoliche (specie nella Lombardia governata dal ciellino Roberto Formigoni).

Papa Ratzinger
Il 19 aprile 2005 è eletto papa Benedetto XVI, nato Joseph Aloisius Ratzinger, già segretario di stato di papa Wojtyla, il 265º papa della Chiesa cattolica e vescovo di Roma, il 7º pontefice tedesco nella storia della Chiesa cattolica. Affronterà le numerose denunce di pedofilia verificatesi negli ambienti ecclesiastici in tutto il mondo, denunce partite da Losanna e USA.

Nel 2006, la Chiesa incassa l’89,16 % dell’8 per mille che arriva dall’Irpef, nonostante solo un terzo dei contribuenti scelga di devolverlo allo Stato, alla Chiesa o ad altre religioni (le organizzazioni umanitarie o scientifiche hanno fatto la lorocomparsa solo negli ultimissimi tempi). La legge infatti, grazie all’articolo 37 assegna alla maggioranza della minoranza che devolve l’8 per mille il potere di stabilire di fatto a chi dare il resto del ricco gruzzolo che il contribuente non indica a chi versare. E poiché la maggioranza (nel 2006 il 35,24%) di questa minoranza assegna l’obolo alla Chiesa, questa diventa l’asso piglia tutto: piglia cioè l’89,16%, pari a un miliardo di euro l’anno. Da notare che soli i valdesi, che ricevono appena l’1,30 della torta Irpef, presentano un rendiconto molto particolareggiato e danno tutto in opere assistenziali. La comunità ebraica riceve lo 0,39 %, i luterano lo 0,27 e via con gli altri spiccioli per gli altri questuanti.

Altri 6 miliardi di euro la Chiesa se li tiene grazie alla rinuncia dello Stato italiano a riscuotere le tasse. Per lo stesso motivo i Comuni italiani perdono circa 2 miliardi e 250 milioni di euro l’anno. Arriviamo così al totale di oltre 10 miliardi di euro: una intera manovra finanziaria di proporzioni niente affatto trascurabili che dalle nostre tasche, cioè anche dalle tasche delle famose famiglie che la Chiesa dice di voler proteggere, finiscono ogni anno direttamente nelle sue casse.

Ogni dieci anni, si arriva a oltre 100 miliardi di euro dati a questa Chiesa, che poi accusa questo stesso Stato di sperpero delle nostre tasse per parassitismo e privilegio dei partiti, la stessa Chiesa che, da noi pagata, attacca sempre più a testa bassa la laicità delle nostre istituzioni e quindi le basi della nostra libertà e coesistenza sociale. Siamo di fronte a quanto di più assurdo e imbarazzante, se non vergognoso, si possa immaginare.  

L'11 febbraio 2013, durante il concistoro ordinario, papa Benedetto XVI, annuncia la sua rinuncia «al ministero di vescovo di Roma, successore di san Pietro», con decorrenza della sede vacante dalle ore 20.00 del 28 dello stesso mese: da quel momento il suo titolo diventa romano pontefice emerito o papa emerito mentre il suo trattamento rimane quello di Sua Santità. È l'8º pontefice a rinunciare al ministero petrino, se si considerano unicamente i casi dei papi Clemente I, Ponziano, Silverio, Benedetto IX, Gregorio VI, Celestino V e Gregorio XII, di cui si hanno fonti storiche certe o molto attendibili.

Papa Bergoglio
Il 13 marzo 2013 è eletto al seggio pontificio Papa Francesco, nato Jorge Mario Bergoglio a Buenos Aires, il 266º papa della Chiesa cattolica e vescovo di Roma. Di nazionalità argentina e appartenente ai chierici regolari della Compagnia di Gesù (indicati anche come gesuiti), è il primo pontefice di questo ordine religioso, nonché il primo proveniente dal continente americano.
Il centro dei suoi interventi è la solidarietà e l'accoglienza e con il suo papato si è sviluppato esponenzialmente il mercato dell'accoglienza agli immigrati da parte delle strutture del clero, che rende mediamente 35 € al giorno pro-capite. Numerosi esercizi e attività affittuari negli immobili del clero, sono stati sfrattati per far posto ai migranti, perlopiù giovani uomini.

Tiziano Renzi da: http://www.libero
quotidiano.it/news/italia/12321141/
tiziano-renzi-incontrato-luigi-mar
roni-madonna-medjugorje-.html
Il 4 marzo 2017, la linea difensiva di Tiziano Renzi e del suo avvocato Federico Bagattini a proposito dell'inchiesta sugli appalti della Consip, è smontare tutte le affermazioni inverosimili di Luigi Marroni, amministratore delegato della Consip e grande accusatore del padre di Matteo Renzi e del faccendiere Carlo Russo. "Abbiamo spiegato ai magistrati - dice il suo legale al Corriere della Sera - che è il classico caso in cui si è abusato di un cognome". In sostanza, sostiene il padre dell'ex premier, indagato per traffico illecito di influenze, non solo non c'è stata alcuna pressione indebita sull'amministratore delegato di Consip per favorire Alfredo Romeo, ma l'intera costruzione dei fatti sarebbe falsa. Renzi ammette l'incontro con Luigi Marroni, in piazza Santo Spirito, nel 2016: "Si parlò di dove installare una statua della Madonna di Medjugorje che apparteneva a un ospedale".
Ancora una volta, puzzo misto di politica-corruzione-sagrestie-massoneria.

Ma ora, dopo questa breve e sommaria rivisitazione degli eventi noti della nostra Repubblica, considerando che fin da Washington, i presidenti degli USA sono stati manifestamente massoni, rosacruciani o appartenenti al Council of Foreign Relations e che nel PCI si è passati via via dai salotti buoni di Mosca ad una progressiva attenzione alle masse cattoliche con una continuità nei DS:
quali e quanti, fra i Presidenti del Consiglio dal '48 in poi, potremmo giurare che non appartenessero ad ambienti massonico-clericali?

Elezioni politiche del 18 aprile 1948 - I Legislatura (8 maggio 1948 - 4 aprile 1953)
Governo De Gasperi V
Governo De Gasperi VI
Governo De Gasperi VII
Elezioni politiche del 7 giugno 1953 - II Legislatura (25 giugno 1953 - 14 marzo 1958)
Governo De Gasperi VIII
Governo Pella
Governo Fanfani
Governo Scelba
Governo Segni
Governo Zoli
Elezioni politiche del 25 maggio 1958 - III Legislatura (12 giugno 1958 - 18 febbraio 1963)
Governo Fanfani II
Governo Segni II
Governo Tambroni
Governo Fanfani III
Governo Fanfani IV
Elezioni politiche del 28 aprile 1963 - IV Legislatura (16 maggio 1963 - 11 marzo 1968)
Governo Leone
Governo Moro
Governo Moro II
Governo Moro III
Elezioni politiche del 19 maggio 1968 - V Legislatura (5 giugno 1968 - 28 febbraio 1972)
Governo Leone II
Governo Rumor
Governo Rumor II
Governo Rumor III
Governo Colombo
Governo Andreotti
Elezioni politiche del 7-8 maggio 1972 - VI Legislatura (25 maggio 1972 - 1 maggio 1976)
Governo Andreotti II
Governo Rumor IV
Governo Rumor V
Governo Moro IV
Governo Moro V
Elezioni politiche del 20-21 giugno 1976 - VII Legislatura (5 luglio 1976 - 2 aprile 1979)
Governo Andreotti III
Governo Andreotti IV
Governo Andreotti V
Elezioni politiche del 3 giugno 1979 - VIII Legislatura (20 giugno 1979 - 4 maggio 1983)
Governo Cossiga
Governo Cossiga II
Governo Forlani
Governo Spadolini
Governo Spadolini II
Governo Fanfani V
Elezioni politiche del 26 giugno 1983 - IX Legislatura (12 luglio 1983 - 28 aprile 1987)
Governo Craxi
Governo Craxi II
Governo Fanfani VI
Elezioni politiche del 14 giugno 1987 - X Legislatura (2 luglio 1987 - 2 febbraio 1992)
Governo Goria
Governo De Mita
Governo Andreotti VI
Governo Andreotti VII
Elezioni politiche del 4 aprile 1992 - XI Legislatura (23 aprile 1992 - 16 gennaio 1994)
Governo Amato
Governo Ciampi
Elezioni politiche del 27 marzo 1994 - XII Legislatura (15 aprile 1994 - 16 febbraio 1996)
Governo Berlusconi
Governo Dini
Elezioni politiche del 21 aprile 1996 - XIII Legislatura (9 maggio 1996 - 9 marzo 2001)
Governo Prodi
Governo D'Alema
Governo D'Alema II
Governo Amato II
Elezioni politiche del 13 maggio 2001 - XIV Legislatura (30 maggio 2001 - 27 aprile 2006)
Governo Berlusconi II (dall'11 giugno 2001 al 23 aprile 2005)
Governo Berlusconi III (dal 23 aprile 2005 al 17 maggio 2006)
Elezioni politiche del 9 e 10 aprile 2006 - XV Legislatura (28 aprile 2006 - 6 febbraio 2008)
Governo Prodi II (dal 17 maggio 2006 al 6 maggio 2008)
Elezioni politiche del 13 e 14 aprile 2008 - XVI Legislatura (dal 29 aprile 2008 al 23 dicembre 2012)
Governo Berlusconi IV (dall'8 maggio 2008 al 16 novembre 2011)
Governo Monti (dal 16 novembre 2011 al 27 aprile 2013)
Elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 - XVII Legislatura (dal 15 marzo 2013)
Governo Letta (dal 28 aprile 2013 al 21 febbraio 2014)
Governo Renzi (dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016)
Governo Gentiloni (dal 12 dicembre 2016)

Le Fonti di questo post:   http://www.veritaoltreilsistema.com/2011/01/il-potere-del-vaticano-tra-ricchezze-e.html
                                      https://it.wikipedia.org/wiki/Clericalismo
                                    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/05/06/andreotti-potere-e-misteri1-sponsor-vaticani-portano-giovane-giulio-in-alto/584922/ 
                                https://it.wikipedia.org/wiki/Partito_Socialista_Democratico_Italiano#La_scissione_di_palazzo
_Barberini
                             https://it.wikipedia.org/wiki/Strage_di_Portella_della_Ginestra                        
                          http://www.misteriditalia.it/servizisegreti/gladio/letteraandreotti/GLADIO
(relazioneAndreotti).pdf
                       https://it.wikipedia.org/wiki/Citt%C3%A0_del_Vaticano
                 https://it.wikipedia.org/wiki/Democrazia_Cristiana
               https://movipolis.blogspot.it/2014/12/imposimato-moro-fu-ucciso-per-volere-di.html
             www.nuovimondimedia.com            www.lavocedellacampania.it
           www.atei.it         http://www.strano.net/stragi/stragi/p2/elep2.htm
        http://www.tecnicadellascuola.it/easyblog/quel-diktat-rimosso-il-trattato-del-1947-che-puni-l-italia.html
     https://it.wikipedia.org/wiki/              
  http://www.adamoli.org/gelasio/carte-adamoli/PAGE0047.HTM
http://www.sturzo.it/edu/l-italia-repubblicana-e-gli-anni-dello-sviluppo/447-3-l-italia-del-centro-sinistra/621-dalle-elezioni-del-1958-all-apertura-a-sinistra
     http://www.fattisentire.org/modules.php?name=News&file=article&sid=2034
       https://ilmosaicobo.wordpress.com/2016/12/15/lamministrazione-della-citta-il-pci-e-la-chiesa-cattolica-1965-1968/
           http://www.storiadellachiesa.it/glossary/comunismo-e-la-chiesa-in-italia/
              http://www.governo.it/i-governi-dal-1943-ad-oggi/i-governi-nelle-legislature/192



Per "L'illegalità nella cessione della Sovranità italiana all'Unione Europea" clicca QUI
Per "Le 42 modifiche alla Costituzione: quando, sotto quale governo (con classifica finale) e quali modifiche"
        clicca QUI
Per "Elenco dei governi dell'Italia post-fascista e repubblicana con legislature e composizioni politiche" clicca QUI
Per "La via suprematista dell'asse franco-tedesco e la conseguente perdita delle sovranità nazionali europee
        intrinseche nell'Unione Europea" clicca QUI
Per "1992: Il meccanismo politico-economico che ha causato la formazione di questa UE con la conseguente
        perdita della sovranità italiana" clicca QUI
Per "Massoneria: storia, usi e costumi" clicca QUI
Per "Intreccio politico-economico del clericalismo in Italia dal 1946: banche, partiti, logge e governi"
        clicca QUI
Per "Influenza dei clericali nella politica e diritto di voto nel Regno d'Italia" clicca QUI
Per "Da: Piergiorgio Odifreddi 'Perché non possiamo essere cristiani'" clicca QUI
Per "Antonio Gramsci e l'Egemonia" clicca QUI
Per "L'Anarchia" clicca QUI
Per "Elezioni 2015 in 78 comuni fra cui 10 capoluoghi di provincia: un altro dispiacere per Renzi" clicca QUI
Per "Nelle elezioni del 2015 in 7 regioni, il renzismo non paga!" clicca QUI
Per "Ecco chi era a capo dei 101 tradi-dem che hanno affossato Prodi per il colle nel 2013: Renzi" clicca QUI
Per "Lo strappo di Cofferati stimola un'analisi sulla sostanza del PD" clicca QUI
Per "Perplessità Renziane..." clicca QUI
Per "Resistere! Cos'altro possiamo fare?" clicca QUI
Per "Imposimato: Moro fu ucciso per volere di Andreotti e Cossiga" clicca QUI
Per "Brexit, i moventi e i risultati del voto" clicca QUI
Per "Yani Varoufakis fonda il movimento paneuropeo DiEm25" clicca QUI
Per "La Grecia non ci sta, osa indire un referendum e rifiuta di farsi spennare" clicca QUI
Per "La Grecia non vuole più subire l'austerità autoritaria e violenta impostale da UE e Fmi" clicca QUI
Per "Dalla Grecia, venti di sinistra sull'UE" clicca QUI
Per "Grecia: come sopprimere una democrazia" clicca QUI
Per "Risultati delle elezioni per il Parlamento Europeo nel 2014 e nel 2009" clicca QUI
Per "Nell'Unione Europea, fra fiscal compact e fondo salva stati, poca democrazia e molta aggressività finanziaria"
        clicca QUI
Per "Ucraina: la crisi finanziata dagli USA per vendere gas all'UE" clicca QUI
Per "Pirates, il partito dei Pirati" clicca QUI
Per "La rivoluzione d'Islanda" clicca QUI 
Per "L'Unione Europea: le origini, i moventi, la storia, le politiche e le crisi" clicca QUI
Per "Origini dei partiti in Inghilterra" clicca QUI
Per "Origini del sionismo: conflitti interni, richiesta d'intervento a Roma e successiva repressione" clicca QUI
Per "Partiti ed elezioni nell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "Le leggi Licinie Sestie dell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "Elezioni, elettori ed eletti nell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "Conflitto degli Ordini e Secessione della Plebe nell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "Le leggi delle XII tavole dell'antica Repubblica di Roma" clicca QUI
Per "L'ordinamento politico-sociale dell'antica Roma monarchica" clicca QUI 


Per i post "Il pensiero nell'Italia contemporanea" clicca QUI
Per i post "Il pensiero nel mondo contemporaneo" clicca QUI
Per i post "La politica nell'Italia contemporanea" clicca QUI
Per i post "La politica nell'Europa contemporanea" clicca QUI
Per i post "Musica interpreti video testi e storia" clicca QUI
Per i post "Grande Storia dell'Europa" clicca QUI
Per i post "Storia dell'Europa" clicca QUI
Per i post "Storia dell'Economia Politica" clicca QUI
Per "Scienze: Informatica" clicca QUI
Per "Stelle e Costellazioni visibili nel nostro Cielo" clicca QUI
Per i post "Astrologia evolutiva, progressiva, oroscopo, numerologia" clicca QUI
Per i post "Satir-Oroscopo" clicca QUI
Per "Il Feg-Shui: Scuole della Bussola e del Ba Gua" clicca QUI
Per "I Chakra o Centri energetici fisici: dove sono e come si possono rilevare" clicca QUI
Per i post "Pietre e Cristalli" clicca QUI
Per i post "Aforismi, Foto e Frasi dei Nativi Nord Americani (gl'Indiani d'America)" clicca QUI
Per i post "Personaggi dei Nativi Nord Americani (gl'Indiani d'America)" clicca QUI
Per "Elenco tribù, personaggi, eventi e culture dei Nativi Nord-Americani, gl'Indiani d'America" clicca QUI
Per "Culture e aree culturali dei Nativi Nord-Americani, gl'Indiani d'America" clicca QUI
Per "Occitani: storia e cultura" clicca QUI
Per "Oroscopo degli Alberi celtico" clicca QUI
Per "Croce Celtica" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Celti" clicca QUI
Per "Celti: storia e cultura" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Ebraico-Cristiani" clicca QUI
Per "Cristianesimo: da setta giudaica a religione di Stato" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Romani" clicca QUI
Per i post "Politica nell'antica Roma" clicca QUI
Per "Evidenze storiche nel mito della fondazione di Roma" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Greci" clicca QUI
Per "Elenco degli storici antichi dell'Occidente" clicca QUI
Per i post "Cultura degli antichi Ebrei" clicca QUI
Per "Ebraismo: origini, storia e cultura" clicca QUI
Per "Liguri: storia e cultura" clicca QUI
Per i post "Antichi Liguri da Tartesso ai Celti" clicca QUI
Per i post "Prodotti della Riviera dei Fiori" clicca QUI
Per i post "Turismo nella Riviera dei Fiori" clicca QUI
Per i post "Politica nella Riviera dei Fiori" clicca QUI  
Per "La vita nel Mar Ligure e nelle acque della Riviera dei Fiori" clicca QUI